Salta il menu

Pinacoteca Nazionale di Sassari

Panoramica

Nel dicembre 2008, presso l’ex Collegio gesuitico del Canopoleno, storico edificio del centro di Sassari datato tra la fine del Cinquecento e l’inizio del Seicento, è stata inaugurata la Pinacoteca nazionale di Sassari. L’edificio, passato allo Stato nella prima metà dell’Ottocento, è stato sottoposto, a partire dagli anni ’90 del Novecento, a una ristrutturazione che ha consentito di rendere fruibile un ampio e prestigioso spazio contenente un ricco patrimonio artistico.
La Pinacoteca custodisce le collezioni d’arte Tomè e Sanna, precedentemente custodite nei depositi del Museo archeologico nazionale G.A. Sanna, e un certo numero di opere di varia provenienza, tra cui le opere d’arte contemporanea acquisite con la donazione Panicali Battaglia. Il suo patrimonio artistico è costituito da oltre 490 dipinti, sculture e manufatti, che coprono un arco temporale che va dal Medioevo alla metà del Novecento. Vi sono rappresentate diverse scuole e artisti, locali, italiani ed europei, a partire dal XIV secolo. Tra le opere principali, il trittico attribuito al fiorentino Mariotto di Nardo (notizie 1394-1424), le tavole del Maestro di Ozieri (metà XVI secolo), la Maddalena di Andrea Vaccaro (1604-1670). Di particolare importanza è la collezione di opere di artisti sardi otto-novecenteschi (Giovanni Marghinotti, Antonio Ballero, Filippo Figari, Giuseppe Biasi, Carmelo Floris, Pietro Antonio Manca, Mario Delitala, Stanis Dessy, Eugenio Tavolara). Da non tralasciare, infine, la raccolta di opere grafiche di Giuseppe Biasi e Stanis Dessy.

Orari

Lunedì
Chiuso
Martedì - Sabato
09:00 am-04:00 pm
Domenica
Chiuso
Pinacoteca Nazionale di Sassari
Piazza Santa Caterina, 4, 07100 Sassari SS, Italia
Chiama +39079231560 Sito Web

Ti potrebbe interessare

Mare
Dalla Costa Paradiso a Palau, tra spiagge e cultura

Dalla Costa Paradiso a Palau, tra spiagge e cultura

Siti storici
La Sardegna degli antichi Romani, tra terme, anfiteatri e antiche colonie

La Sardegna degli antichi Romani, tra terme, anfiteatri e antiche colonie

Arte e cultura
Poltu Quatu, Sardegna

Sardegna, terra di mare smeraldo, nuraghi e tradizioni millenarie

Natura
Da Arzachena alla Costa Smeralda®, tra lusso e mondanità

Da Arzachena alla Costa Smeralda®, tra lusso e mondanità

Siti storici
Sulcis - Nuraghe Sirai

Le Domus de Janas in Sardegna: alla scoperta delle tombe scavate nella roccia

Siti storici
La Sardegna archeologica

La Sardegna archeologica

Natura
Sardegna Wildlife

Sardegna Wildlife

Tour e esperienze
Il Trenino Verde della Sardegna: la riscossa della lentezza

Il Trenino Verde della Sardegna: la riscossa della lentezza

Arte e cultura
cagliari

La vista migliore su Cagliari: 12 punti panoramici che regalano uno spettacolo imperdibile

UNESCO
Barumini e i suoi nuraghi, l’altro lato della Sardegna

Barumini e i suoi nuraghi, l’altro lato della Sardegna

Borghi
I Murales di Orgosolo

I Murales di Orgosolo

Sport
Cagliari: tra verde e sport

Cagliari: tra verde e sport

Città d'arte
Cagliari, una storia millenaria e una natura che sorprende

Cagliari, una storia millenaria e una natura che sorprende

Enogastronomia
Profumo di pane e tradizioni: l’arte della panificazione in Sardegna

Profumo di pane e tradizioni: l’arte della panificazione in Sardegna

Enogastronomia
Pecorino Sardo

Il pecorino sardo

Natura
I paesaggi della Sardegna

I paesaggi della Sardegna

Enogastronomia
Sardegna, paradiso di emozioni e di sapori del Mediterraneo

Sardegna, paradiso di emozioni e di sapori del Mediterraneo

Borghi
Infinite ragioni per trasferirsi in Sardegna: agevolazioni fiscali per vivere in un borgo

Infinite ragioni per trasferirsi in Sardegna: agevolazioni fiscali per vivere in un borgo

Siti storici
Tomba dei Giganti

Le Tombe dei Giganti: in Sardegna, tra archeologia e spiritualità

Enogastronomia
il pane carasau e la sardegna

Alla scoperta del simbolo della Sardegna: il pane carasau

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.