Salta il menu

Palazzo Dolcini

Panoramica

La struttura esterna del vecchio teatro di Mercato Saraceno è, ancora oggi, appare in buono stato di conservazione; in origine si stagliava sopra l’antico ponte cinquecentesco sul fiume Savio. Dopo la Seconda guerra mondiale la sua funzione fu stravolta e venne trasformato in un mulino a cilindro, anche se gli abitanti ancora lo chiamano “il teatro vecchio”. L’edificio fu costruito nella seconda metà dell’Ottocento, era di proprietà comunale e non disponeva di palchetti ma di un’unica balconata che si ergeva sulla sala. Come accadeva spesso per i teatri sette-ottocenteschi della Romagna, era utilizzato principalmente da compagnie filodrammatiche locali per lo spettacolo di prosa e operette. Durante eventi speciali, inoltre, veniva usato come sala per balli e feste, oltre che come sede del corpo bandistico e la scuola di musica, attivi fino agli inizi della Seconda guerra mondiale, quando nel teatro, ormai, non si tenevano più spettacoli. Nei primi quindici-venti anni del secolo, inoltre, è stato impiegato come sala di proiezione di film muti, finché non è stato chiuso del tutto. Attualmente, il teatro di Mercato Saraceno è situato in Palazzo Dolcini, reso famoso dall’architetto progettista da cui l’edificio prende il nome. Il palazzo è stato costruito negli anni 1926-1927 secondo i modelli dello stile liberty, inizialmente conosciuto come "Casa del Fascio, una struttura per il tempo libero, che passò in proprietà al comune…" (cit. Mercato). Nel 1960 è stato sede per la scuola di avviamento e la scuola media per circa cinque anni, prima di cadere in stato di abbandono.

All’inizio degli anni Ottanta, l’amministrazione comunale ha iniziato i lavori di recupero diretti dal geom. Domenico Zampa, con lo scopo di di trasformare lo spazio in un Centro Culturale Polivalente, completo di: sala cinema, biblioteca, sala audizioni, spazi per eventi culturali e sportivi. Il tetto è stato ristrutturato ma mantenuto con il manto di copertura originale a tegole. La facciata e i lati sono stati ricostruiti a bugnato, quindi secondo il modello primitivo, con una miscela di cemento bianco, sabbia e materiale vetroso. L’interno era gravemente degradato, ed è stato ristrutturato tenendo conto del progetto originale; il risultato è stato una sala molto ampia e luminosa sormontata da una balconata. Gli effetti di luminosità sono stati evidenziati con l’utilizzo di tonalità di tinteggiatura, nonché da quattro lampadari ricostruiti artigianalmente, ricalcando i modelli originali. Attualmente, all’interno del Centro Culturale Polivalente, il teatro si caratterizza per un’intensa attività, che comprende, tra l’altro: proiezioni cinematografiche, teatro di prosa, teatro ragazzi, concerti di musica classica, conferenze e altro ancora. Qui hanno luogo anche corsi di teatro e spesso vi si esibisce la Pro-loco, che produce anche gli spettacoli. Lo spazio viene periodicamente messo a disposizione anche per prove e allestimenti da parte di compagnie esterne.

Palazzo Dolcini
Viale Giacomo Matteotti, 2, 47025 Mercato Saraceno FC, Italia
Sito Web

Ti potrebbe interessare

Relax e benessere
Emilia Romagna, il patrimonio delle terme storiche

Emilia Romagna, il patrimonio delle terme storiche

Relax e benessere
Castrocaro Terme, antica oasi di benessere e natura, tra Medioevo e Rinascimento

Castrocaro Terme, antica oasi di benessere e natura, tra Medioevo e Rinascimento

Spiritualità
Ghetto ebraico in Romagna

Itinerario ebraico: in Romagna tra ghetti e sinagoghe

Natura
I paesaggi dell'Emilia Romagna

I paesaggi dell'Emilia Romagna

Enogastronomia
Olio Extravergine di Oliva Colline di Romagna DOP

Olio Extravergine di Oliva Colline di Romagna DOP

Enogastronomia
Cappellacci

Emilia Romagna, esperienze da vivere nella terra dei sapori

Relax e benessere
Fughe di coppia nella Wellness Valley dell’Emilia Romagna

Fughe di coppia nella Wellness Valley dell’Emilia Romagna

Cicloturismo
Ravenna

Emilia Romagna, pedalando tra arte e cultura

Natura
Cimone

6 tappe tra i segreti della natura bolognese

Divertimento
motor valley

Adrenalina pura tra storia e passione nella Motor Valley

Città d'arte
Modena: città d'arte, terra di motori e del gusto

Modena: città d'arte, terra di motori e del gusto

Enogastronomia
Botti Aceto Balsamico

Aceto balsamico di Modena

Musei e monumenti
Una sala del Museo Ferrari - Maranello, Emilia Romagna. Photo by: ENIT - Agenzia Nazionale del Turismo, licenza CC BY-NC-SA <https://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/4.0/deed.it>

Musei Ferrari: da Modena a Maranello, in viaggio con le “rosse”

Relax e benessere
In Emilia Romagna il benessere termale ha i sapori del territorio

In Emilia Romagna il benessere termale ha i sapori del territorio

Sport
Cerreto Laghi, sciare tra natura e romantici corsi d’acqua

Cerreto Laghi, sciare tra natura e romantici corsi d’acqua

Enogastronomia
La piadina, regina della Romagna

La piadina, regina della Romagna

Enogastronomia
Emilia, tutta la bontà del Prosciutto di Parma

Emilia, tutta la bontà del Prosciutto di Parma

Enogastronomia
Parma

Musei del cibo di Parma

Città d'arte
Parma, città del teatro, della musica e del cibo d’eccellenza

Parma, città del teatro, della musica e del cibo d’eccellenza

Sport
Sestola, terra di discesisti e scalatori in sella

Sestola, terra di discesisti e scalatori in sella

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.