Salta il menu

Per le ultime informazioni sulle restrizioni di viaggio relative al COVID-19 in Italia. Fai click qui.

Magazine

Emilia Romagna, il patrimonio delle terme storiche

L’usanza di sfruttare le proprietà curative dell’acqua termale affonda le sue radici nel passato. Per questo, a partire dal 1800, iniziano a sorgere diversi stabilimenti di grande pregio artistico e architettonico nello stile dell’epoca, e che sono tuttora in attività: ecco le 5 terme storiche dell’Emilia Romagna.

1. Terme di Salsomaggiore

Si trovano all’interno di un fascinoso edificio in stile Liberty, Palazzo Berzieri, nella cittadina dell’entroterra parmense. Inaugurate nel 1923, devono la loro magnificenza al tocco del ceramista, pittore e decoratore Galileo Chini. Fu lui a decorarne la facciata e gli interni secondo gli eleganti stilemi dell’Art Nouveau, aggiungendo diverse ispirazioni orientali tratte dalla sua permanenza a Bangkok alla corte del re del Siam.

2. Terme di Sant'Andrea

Lo stabilimento sorge a fine Ottocento nel cuore delle colline parmensi, a Sant’Andrea Bagni, una frazione di Madesano, in seguito alla scoperta casuale di sorgenti d’acqua termale in tutta l’area circostante. Pur essendo più recente rispetto ad altri centri termali, lo stabilimento di Sant’Andrea ha guadagnato fama perché raccoglie 8 acque diverse per composizione chimica ed effetti terapeutici.

3. Terme della Salvarola

I benefici delle terme di Sassuolo erano noti sin dal Medioevo e sembra che anche la Gran Contessa Matilde di Canossa amasse frequentare queste antiche fonti per godere delle loro proprietà terapeutiche. Il nome delle fonti sembra sia associato alle riconosciute capacità di cura e nel corso del tempo divennero sempre più famose, ma è solo alla fine dell’Ottocento che nasce il primo centro termale vero e proprio. L’elegante edificio Liberty che ospita le Terme della Salvarola è datato 1910 e rappresenta l’unica stazione termale della provincia di Modena.

4. Terme di Riolo

Le acque salutari del piccolo borgo collinare, situato tra Imola e Faenza, sono note fin dal Rinascimento per le loro proprietà curative. Ne hanno infatti usufruito personaggi illustri come Lord Byron, Gioacchino Murat, i principi Bonaparte, Pellegrino Artusi e Giosué Carducci. Lo stabilimento attuale risale invece al 1877, con eleganti padiglioni in stile Liberty tuttora immersi in uno scenografico parco secolare.

5. Terme di Castrocaro

La scoperta delle acque benefiche del piccolo borgo, adagiato sulle colline di Forlì, risale al 1838. Il gradimento fu così massiccio da dare origine soltanto sei anni dopo alla realizzazione di un piccolo stabilimento termale. L’edificio è stato ampliato a inizio Novecento in seguito alla scoperta di ulteriori sorgenti, con interventi architettonici nel tipico stile Razionalista dell’epoca, e inaugurato nel 1938. Il grandioso Padiglione delle Feste è invece puro stile Liberty.