Salta il menu

Rende

Panoramica

Rende è una città medievale del territorio cosentino, qui è situata l’Università della Calabria, il campus universitario più grande d’Italia, è una delle migliori tra i diversi atenei. Estesa lungo il corso del fiume Crati arriva fino alle Serre Cosentine, scendendo dalle colline dove sorge il centro storico fino alla città più moderna.

Secondo una leggenda, Rende fu fondata dal popolo degli antichi “Enotri” intorno al'VII secolo a.C., quando il figlio di Licaone re degli Arcadi, Enotro, approdò nel luogo ora conosciuto come “Guardiula”, dove fondò “Acheruntia”, in seguito rinominata “Pandosia”. Oggi il suo centro storico è riconosciuto come “Borgo dei Musei” grazie alle sue numerose strutture.

Il centro storico e le sue Chiese

Il centro storico di Rende si trova su un’altura, e mantiene immutata la sua struttura urbanistica medievale, oltre all’antica toponomastica dei nomi di vie e piazze, come Piazza degli Eroi, più nota come "u sieggiu", la via che si apriva verso la "Porta di Cosenza", che collegava Rende a Catanzaro, oppure nell’impostazione del quartiere della Giudecca, si riconosce dai vicoli stretti e le arcate. Tantissime le chiese e i palazzi nobiliari che ancora oggi conservano intatti molti portali scolpiti e balconate in ferro battuto. La Chiesa di Santa Maria Maggiore fu edificata nel XII secolo, ha una pianta a croce latina con tre navate e il rosone posto sul portale principale, risalente alla stessa epoca. Diversi terremoti hanno reso necessari dei pesanti interventi di restauro, durante i quali si è deciso di coprire le antiche colonne con pilastri rettangolari di sicurezza. All’ingresso si possono ammirare due fregi scolpiti nella pietra: a destra un libro aperto, e a sinistra due chiavi incrociate. All’interno della chiesa sono custodite molte opere d’arte, tra cui le tele di Cristoforo Santanna, Giuseppe Pascaletti e Giuseppe Grana, oltre a molte sculture in legno e marmo.In stile Barocco e Rococò, la Chiesa del Rosario fu eretta nel 1679 dai fratelli Raffaele e Giuseppe De Bortolo, con la facciata tripartita in pietra tufacea di Mendicino. All'interno, una Madonna con Bambino risalente al 600; l'altare centrale è in marmo e legno intarsiati, con delle raffigurazioni ad olio dei Misteri del Rosario. Al posto della tela settecentesca del De Mura, che fu trafugata, raffigurante proprio la Madonna del Rosario, è presente un'opera contemporanea di Diego Minuti. Degno di nota anche lo splendido presepe con statue napoletane del Settecento e dell'Ottocento, oltre ad uno splendido organo del 700. 

Il Castello Normanno ed i Musei

Il Castello, anche detto "Gigante di Pietra”, fu edificato nel 1095 su di un colle, la sua morfologia garantiva una difesa naturale. Le due torri laterali, insieme rappresentano lo stemma del Comune già a partire dal 1222. Nell’atrio del castello si possono ammirare due stemmi araldici delle famiglie che si sono susseguite nella storia, i Magdalone e gli Alarçon de Mendoza. Il museo Civico è situato nel centro storico e ospitato nel seicentesco Palazzo Zagarese.
All’interno sono presenti all’incirca 3.000 oggetti legati alla storia civile della Calabria, e le opere pittoriche esposte vanno dal 500 ai giorni nostri, tra gli autori presenti: Hendricksz, Preti, Solimena, Carrà, Balla, De Chirico, Levi, Guttuso, Greco, Sironi, Viani, Santanna e Capizzano.

Invece, il MAON a Palazzo Vitari, è un museo dedicato all’arte moderna con una mostra permanente del periodo dell’800 e del 900, con particolare riguardo all’area calabrese e meridionale. Con un archivio che racchiude oltre alle opere d’arte, manifesti, cataloghi, fotografie e video sugli autori e avvenimenti che hanno segnato la storia dell’arte dal periodo romantico ad oggi.

Il Museo del Presente, situato a Roges, di circa 3.500 mq, è suddiviso in numerose sale. Oltre ad esporre temporanee di opere d'arte moderna e contemporanea, nasce come punto d'eccellenza per l'allestimento di mostre fotografiche, spettacoli e presentazioni di libri. Insomma, un luogo ricco di storia, da scoprire un passo alla volta.

Rende

87036 Rende CS, Italia

Ti potrebbe interessare

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.