Salta il menu

Per le ultime informazioni sulle restrizioni di viaggio relative al COVID-19 in Italia. Fai click qui.

Escursioni

Calabria

Un itinerario di 10.000 passi alla scoperta del Sacro Monte di Laino Borgo

I complessi religiosi in Italia sono molti e costellano il Paese da nord a sud. In terra calabrese, imperdibile è il Sacro Monte di Laino Borgo, in provincia di Cosenza.

20 ottobre 2022

3 minuti

Se cercate un'alternativa più tranquilla alle classiche gite in città, questo è il posto giusto. Si tratta dell’occasione ideale per coniugare una visita ad un importante luogo religioso e una passeggiata rigenerante nella natura tra i sentieri vicini.

Ecco un itinerario di 10.000 passi, per vivere, scoprire ed innamorarsi del Sacro Monte di Laino Borgo e delle zone vicine. 

1. Il paese di Laino Borgo è la porta del Pollino

laino borgo pollino

Incastonato nello scenario naturale del Parco Nazionale del Pollino, il piccolo centro di Laino Borgo è idealmente la sua porta d’ingresso a nord-ovest. Il nome deriva dal fiume Lao che scorre a pochi passi.

È il punto di partenza per dedicarsi a visite culturali e trekking nella natura, soprattutto durante i viaggi autunnali in Italia. Passeggiare per le sue viette inoltre vi farà scoprire minuscole chiese, affascinanti portali di pietra scolpita e cortili nascosti.

2. La Gerusalemme calabrese: il Santuario della Madonna delle Cappelle

gerusalemme calabrese

Il luogo sacro più venerato della zona, detto anche la Gerusalemme di Laino Borgo, si trova a pochi chilometri dal centro storico del paese.

È una storica meta di pellegrinaggio nota come Madonna delle Cappelle, o Madonna dello Spasimo, e si trova in cima a una collina baciata dal sole. Il suo nome è dovuto alla presenza di 16 minuscole cappelle costruite a partire dal 1557. Qui la terza domenica di settembre si preparano i “cinti” votivi da portare in processione per la festa della Addolorata.

3. 10.000 passi per un itinerario a Laino Borgo

passi santuario madonna cappelle

Una visita al Sacro Monte di Laino Borgo è l’occasione per compiere i 10.000 passi al giorno, considerati un toccasana per il nostro benessere.

Farli in mezzo alla natura sarà sicuramente più piacevole, azzerando quasi la fatica e immergendosi tra le bellezze artistiche della zona e i paesaggi verdissimi del Pollino.

La posizione del borgo è comodissima per esplorare i sentieri più vicini, quasi tutti sotto i 10 km.
Che siate amanti del trekking o preferiate solo un po’ di sano e rilassante walking, ecco alcuni itinerari da non perdere.

4. Da Laino Borgo al torrente Iannello

laino borgo torrente iannello

Se volete raggiungere il Santuario della Madonna delle Cappelle a piedi, prendete questo semplice sentiero che parte dal paese, arriva al Sacro Monte e poi prosegue fino al torrente Iannello per rientrare al borgo. È un percorso ad anello lungo poco più di 10 km.

5. Da Laino Borgo a Laino Castello

laino castello

Raggiungerete sicuramente i 10.000 passi quotidiani anche percorrendo il percorso tra Laino Borgo e Borgo Castello e ritorno. Sono 9 km in tutto.

Lungo la via si trovano gli antichi lavatoi, si aprono magnifici panorami sui borghi e le cime circostanti e si scoprono piccole grotte.

6. Le Gole del Lao

le gole del lao

Da piazza Navarro a Laino Borgo prendete la stradina che attraversa il torrente Iannello e scendete verso sinistra per raggiungere i lavatoi comunali. Qui, svoltate a destra e seguite i cartelli turistici che portano fino al fiume Lao attraverso un ponte di legno.
Vi sentite avventurosi? Da qui si parte per il rafting sul fiume Lao lungo il fiume.

Se preferite camminare, proseguite lungo il sentiero parallelo al fiume. Il paesaggio è indimenticabile. Una volta arrivati in fondo, potete scendere nell'alveo del fiume oppure, prendendo un piccolo sentiero in salita, percorrere le scale che portano a un punto panoramico su uno sperone roccioso che vi darà un’altra visuale sulle gole. Il sentiero, lungo in tutto 3 km, è facile e richiede circa un’ora e mezza di cammino.

Rimanere in forma e fare attività fisica non è mai stato così semplice. La Calabria, notoriamente conosciuta e apprezzata per il suo mare cristallino, svela un altro volto, quello che fonde turismo sacro a bellezze naturalistiche, da scoprire a piedi.