Salta il menu
Natura
Il ramo settentrionale del Po

Il Po di Levante in bicicletta, da Adria a Porto Caleri

Tipologia
Percorso in bici
Durata
4 giorni
Numero Tappe
4
Difficoltà
Facile

Il Po di Levante è un antico ramo del Delta, il più settentrionale. Oggi, in conseguenza del cosiddetto Taglio del Po, operato nel Seicento dai veneziani, convoglia in mare solo le acque del Tartaro, affluente che nasce nella bassa veronese e sfila davanti alla località di Adria sotto il nome di Canal Bianco. All’altezza di Porto Levante, principale centro marittimo e diportistico della provincia di Rovigo, raggiunge l’Adriatico. L’itinerario che vi proponiamo si snoda lungo gli argini più settentrionali del Delta del Po, da Adria a Porto Caleri. Un percorso da attraversare in sella alla vostra bicicletta, alla scoperta di un paesaggio rigoglioso.

Giorno 1

Adria, tra patrimonio storico e paesaggistico

Adria, tra patrimonio storico e paesaggistico

Il punto di partenza è Adria, porta settentrionale del Parco del Delta del Po. Dapprima paleo-veneta, poi greca sotto il dominio di Siracusa, in seguito beneficiata dai contatti con Etruschi e Celti, la cittadina conosce il massimo splendore in età romana, quando diventa un importante punto di transito dalla Pianura Padana al mare, a cui dà la denominazione di Adriatico. Tracce della feconda storia di Adria sono riscontrabili nel ricco Museo Archeologico, custode di una miriade di reperti, che spaziano dal vasellame ellenico a tesori etruschi e cimeli romani. Ma il punto forte è senza dubbio la Tomba della Biga, con tanto di cocchio e scheletri dei cavalli. La città diventa, nel tempo, anche un importante luogo di passaggio lungo una delle principali vie di pellegrinaggio verso Roma e, sotto la Repubblica di Venezia, uno scalo fluviale. Prova del suo antico rango si ha nello scenario del Bacino di Canalbianco, tra chiese e palazzi nobiliari.

Pedalata dopo pedalata, raggiungete la Cattedrale, a piazza Garibaldi, da cui si stacca il lungo rettilineo di Corso Vittorio Emanuele. Anche nota come la Strada degli antichi, la via crea un sensazionale cannocchiale prospettico, varcando il fiume sul ponte gobbo di Castello e proseguendo tra due ali di edifici. Percorrendo il lungofiume di Cannaregio, vi si aprono altri scorci di particolare suggestione. Un tempo il sito era una borgata di barcaioli e pescatori, oggi si presenta come un reticolo di calli tra Calletta Varisco, larga appena 53 centimetri.

Giorno 2

Conca di Volta Grimana, dal Po di Venezia al Po di Levante

Conca di Volta Grimana, dal Po di Venezia al Po di Levante

L’itinerario prosegue lungo l’argine del Canal Bianco, verso la conca di Volta Grimana. L’importante snodo fluviale consente a natanti commerciali e da diporto di passare dal Po di Venezia al Po di Levante. Gli ettari che circondano la conca fanno parte della splendida oasi naturalistica, che si estende tra laghetti di acqua dolce e una fitta vegetazione, paradiso per gli uccelli, soprattutto per l’airone rosso. Ancora pochi chilometri di pedalata e raggiungete l’incrocio con la trafficata statale della Strada Romea. Entrate, di fatto, nel comune di Rosolina, compreso tra l’Adige e il Po di Levante: un territorio ricco di campagne coltivate a ortaggi, primo fra tutti il radicchio rosso, e di lagune in cui si alleva il pesce.

Giorno 3

Porto Levante, alla scoperta del Delta

Porto Levante, alla scoperta del Delta

Continuate a pedalare in direzione di Albarella, seguendo l’argine che sulla destra ha il Po di Levante e sulla sinistra una serie di distese d’acqua. Raggiungete, in questo modo, la foce del fiume: da qui parte un traghetto stagionale, che vi consente di arrivare sulla sponda opposta, a Porto Levante, stazione marittima nota per le battute di pesca d’altura. A questo punto potete scegliere di noleggiare una barca per esplorare il Delta, naturalmente portando la vostra bicicletta, così da concedervi qualche escursione nell’entroterra.

Giorno 4

Porto Caleri, la meta finale

Porto Caleri, la meta finale

Siete ormai prossimi alla meta finale, ma prima vi suggeriamo di deviare verso nord, prendendo la Strada delle Valli: viaggiate tra la laguna di Caleri, lato mare, e valli da pesca, dalla parte opposta, accompagnati dal volo di gabbiani e aironi, falchi di palude, cavalieri d’Italia, piccoli trampolieri a velo d’acqua e, se siete fortunati, anche qualche fenicottero che farà capolino a bordo strada. Un’avifauna mozzafiato. Se optate per una guida naturalistica del Parco del Delta potete visitare le valli e scoprire la forma di allevamento praticata al loro interno, unica nel suo genere.

Riprendendo l’itinerario, raggiungete Rosolina Mare, divenuta negli Anni '60 una località di villeggiatura. Giunti a Porto Caleri, non potete che ammirare la vegetazione spontanea del Giardino Botanico Litoraneo Veneto, che funge anche da centro visitatori del Parco del Delta.

Ti potrebbe interessare

Natura
Il Po delle Tolle, da Ca' Tiepolo a Barricata

Il Po delle Tolle, da Ca' Tiepolo a Barricata

Natura
Il Po della Gnocca in bicicletta, da Ca’ Tiepolo a Santa Giulia

Il Po della Gnocca in bicicletta, da Ca’ Tiepolo a Santa Giulia

Natura
Il Delta del Po: itinerario slow lungo i rami del Grande Fiume

Il Delta del Po: itinerario slow lungo i rami del Grande Fiume

Cicloturismo
In bici lungo il Po di Pila, da Porto Viro al faro di Punta Maistra

In bici lungo il Po di Pila, da Porto Viro al faro di Punta Maistra

Cammini
Il Po di Goro a piedi, da Ariano nel Polesine al faro del Bacucco

Il Po di Goro a piedi, da Ariano nel Polesine al faro del Bacucco

Natura
Il Po di Maistra in bici, da Ca’ Venier a Boccasette e Porto Levante

Il Po di Maistra in bici, da Ca’ Venier a Boccasette e Porto Levante

Natura
Delta del Po, il paradiso del birdwatching

Delta del Po, il paradiso del birdwatching

Natura
Il Sentiero delle Ochette: passeggiata lungo il Po piemontese

Il Sentiero delle Ochette: passeggiata lungo il Po piemontese

Idea Viaggio
Nel Parco della Majella, sulla “transiberiana” d’Italia

Nel Parco della Majella, sulla “transiberiana” d’Italia

Cicloturismo
giro d italia 21

Sulle orme del Giro d’Italia 2022: Verona

Tour e esperienze
Rotta sul Fiume di Mezzo, alla scoperta della “Mesopotamia d’Italia”

Rotta sul Fiume di Mezzo, alla scoperta della “Mesopotamia d’Italia”

Natura
Seguendo il fiume Po: un paradiso per il birdwatching in Lombardia

Seguendo il fiume Po: un paradiso per il birdwatching in Lombardia

Cicloturismo
giro d italia 8 hero

Sulle orme del Giro d’Italia 2022: Napoli - Procida

Idea Viaggio
Lago di Garda: tra borghi e forre lungo le strade di 007

Lago di Garda: tra borghi e forre lungo le strade di 007

Spiritualità
Verso Roma sul cammino dei pellegrini: la Romea Strata

Verso Roma sul cammino dei pellegrini: la Romea Strata

Natura
Alla scoperta del Tanagro: tra natura, storia e tradizioni

Alla scoperta del Tanagro: tra natura, storia e tradizioni

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.