Salta il menu

Pieve di Cento

Panoramica

Bandiera Arancione del Touring Club Italiano

A circa 20 km da Bologna, sulla riva destra del fiume Reno, Pieve di Cento con il suo impianto medievale ancora intatto e quasi 2 km di portici, viene definita la “piccola Bologna” e si caratterizza innanzitutto per un singolare spirito di unitarietà e passione comune che coinvolge tutta la comunità.

Il centro storico e le vie limitrofe sono ricchissimi di arte e storia, con numerosi luoghi da non perdere: si parte dalla collegiata di Santa Maria Maggiore nella piazza principale, dove è possibile ammirare opere d’arte magnifiche come l’Annunciazione del Guercino, l’Assunzione di Guido Reni e un crocifisso ligneo del XIV secolo. Lo splendido edificio di inizio ‘900 che ospitava le scuole elementari oggi è sede della biblioteca pinacoteca “Le Scuole”, un polo culturale con aree espositive, spazi laboratoriali, auditorium, caffetteria e spazi verdi. C’è poi la poderosa Rocca, di origine trecentesca, che ospita il Museo delle Storie di Pieve, mentre il Magi ‘900 è un museo di arte contemporanea con una ricca collezione di grandi maestri del Novecento (Burri, De Chirico, Modigliani, …). Uno degli edifici più antichi è la Casa degli anziani (1272), con colonne in legno, adibita anticamente a locanda, ricovero di pellegrini e posta di cavalli. Al centro storico si accede attraverso quattro porte trecentesche: porta Asìa (sede del Museo della canapa), porta Cento, porta Ferrara (che ospita la Scuola di Liuteria) e porta Bologna (sede dell'Archivio fotografico digitale G. Melloni). Oltre alla Scuola di Liuteria, che testimonia la radicata tradizione musicale e artigiana pievese, la presenza del Museo della musica allestito nel foyer del teatro storico A. Zeppilli e della Casa della musica progettata da Mario Cucinella, rendono Pieve di Cento una vera e propria “città della musica”.

Anche a tavola Pieve si difende egregiamente: in numerosi locali storici si possono gustare, tra gli altri, lasagne, tortellini e i tipici maccheroni al pettine, ai quali tra giugno e luglio è dedicata una sagra. Pieve di Cento è animata durante tutto l’anno da numerose manifestazioni, come il tradizionale carnevale con sfilate di carri allegorici preparati dalle 13 società carnevalesche  la maschera tradizionale pievese Barbaspèn e il Mercatino dell’Antiquariato e giornata del riuso (ogni quarta domenica del mese).

Proprio il profondo senso di comunità e appartenenza dei cittadini ha permesso a Pieve di Cento di essere un esempio virtuoso di ripartenza dopo gli ingenti danni subiti, soprattutto al patrimonio storico-artistico, a causa del terremoto del 2012.

Pieve di Cento

40066 Pieve di Cento BO, Italia

Ti potrebbe interessare

Arte e cultura
Cento: piccola capitale di confine

Cento: piccola capitale di confine

Arte e cultura
I Farnese a Piacenza

I Farnese a Piacenza

Arte e cultura
Presepe della Marineria, Cesenatico - Emilia-Romagna

Emilia-Romagna, dove ospitalità, divertimento e buona cucina vi sedurranno

UNESCO
A Modena, fra capolavori artistici e gastronomici

A Modena, fra capolavori artistici e gastronomici

Musei e monumenti
Photo by: wwikiwalter

Castelli del Ducato nel piacentino e parmense

Musei e monumenti
Photo by: Archivio Comune Parma

Emilia Romagna: le statue parlanti di Parma

Città d'arte
Rimini tra l’antica Roma e lo splendore del Rinascimento

Rimini tra l’antica Roma e lo splendore del Rinascimento

Arte e cultura
Photo by: Renzo Favalli

A Ravenna per un giorno, sulle tracce del Dante contemporaneo

UNESCO
Ravenna con i suoi monumenti paleocristiani, perfetto mix di arte, cultura e divertimento

Ravenna con i suoi monumenti paleocristiani, perfetto mix di arte, cultura e divertimento

Enogastronomia
Emilia, tutta la bontà del Prosciutto di Parma

Emilia, tutta la bontà del Prosciutto di Parma

Città d'arte
Parma, città del teatro, della musica e del cibo d’eccellenza

Parma, città del teatro, della musica e del cibo d’eccellenza

Enogastronomia
Parma

Musei del cibo di Parma

Musei e monumenti
Una sala del Museo Ferrari - Maranello, Emilia Romagna. Photo by: ENIT - Agenzia Nazionale del Turismo, licenza CC BY-NC-SA <https://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/4.0/deed.it>

Musei Ferrari: da Modena a Maranello, in viaggio con le “rosse”

Città d'arte
Modena: città d'arte, terra di motori e del gusto

Modena: città d'arte, terra di motori e del gusto

Spiritualità
Ghetto ebraico in Romagna

Itinerario ebraico: in Romagna tra ghetti e sinagoghe

Città d'arte
Ferrara

In viaggio a Ferrara, ore preziose a passeggio nella storia

Cicloturismo
Ravenna

Emilia Romagna, pedalando tra arte e cultura

Spiritualità
Emilia Romagna, la via Francigena si fa cultura

Emilia Romagna, la via Francigena si fa cultura

UNESCO
I Portici di Bologna, a passeggio nella storia

I Portici di Bologna, a passeggio nella storia

Città d'arte
Cosa vedere a Bologna in due giorni

Cosa vedere a Bologna in due giorni

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.