Salta il menu
Spiritualità
Lazio. Roma. Donne Patrone d’Europa

Roma: tra religione e “Grande bellezza”

Tipologia
Percorso a piedi
Durata
1 giorno
Numero Tappe
4
Difficoltà
Facile

Un itinerario “anima e corpo” nella Capitale, capace di appagare tanto la vostra anima spirituale quanto quella estetica. Un pellegrinaggio giubilare che vi farà scoprire alcune delle chiese legate a figure di sante, “Donne Patrone d’Europa”, come S. Cecilia in Trastevere e S. Maria Sopra Minerva. Altre chiese di Roma connesse a sante europee sono: S. Brigida a Campo de’ Fiori, S. Ivo alla Sapienza, Trinità dei Monti, S. Maria della Vittoria, con l’”Estasi di Santa Teresa” del Bernini.

Il vostro girovagare vedrà come protagonisti due dei suoi rioni più caratteristici: Trastevere e Pigna. Un itinerario alla scoperta del sacro che vi porterà allo stesso tempo, a vivere l' incontro con la “Grande Bellezza” di Roma tout court, alla quale è impossibile sottrarsi. 

Punto di partenza del vostro itinerario è S. Maria in Trastevere, nell’omonimo quartiere, ma qui è da visitare anche la basilica di S. Cecilia, dedicata alla protettrice dei musicisti e che rimanda a Ildegarda di Bingen, nota per essere con buona probabilità la prima donna musicista e compositrice nella storia cristiana. Dopo aver girovagato tra gli splendidi vicoli e piazze del rione, attraversate il Tevere percorrendo l’antico Ponte Sisto, ricostruito per volere Papa Sisto IV in occasione del Giubileo del 1475.

Sull’altra sponda del fiume il benvenuto ve lo dà via dei Giubbonari, con le sue botteghe, le trattorie e i palazzi storici. Raggiungete la magnificenza di largo Torre Argentina, nota soprattutto per la sua Area Sacra: i resti di quattro templi ne fanno il più importante sito archeologico delle media e tarda età repubblicana della Capitale.

Poi, lungo via dei Cestari, che prende il nome dai fabbricanti di ceste che qui un tempo avevano le loro botteghe, raggiungerete S. Maria Sopra Minerva, meta finale del vostro tragitto. Prendetevi il tempo per una visita accurata alla basilica: vi sono conservate, tra le altre bellezze, le reliquie di santa Caterina da Siena, patrona di Roma, poi d’Italia e quindi d’Europa. Scoprirete una Roma capace di fondere le sue due anime migliori, bellezza e religione, nell’arco di un’unica piacevolissima passeggiata. 

S. Maria in Trastevere

S. Maria in Trastevere

Il vostro itinerario parte dalla meravigliosa basilica di S. Maria in Trastevere con i suoi mosaici dorati: fatevi ammaliare dalla sua speciale aura magica. Il soffitto, seppure su disegno relativamente recente (XVII secolo) rispetto al resto della chiesa, vi colpirà immediatamente, per ricchezza e sfarzosità. Non perdete di vista gli affreschi presenti in facciata e sull’abside, risalenti al XII e XIII secolo. Una volta usciti, prendetevi un attimo per sedervi sui gradini della fontana più antica di Roma, realizzata da Donato Bramante, nella piazza antistante, prima di dirigervi alla basilica di S. Cecilia in Trastevere, dedicata alla protettrice dei musicisti, martirizzata sotto Marco Aurelio: qui potrete ammirare anche i resti uno splendido affresco del Giudizio universale.  

Prendetevi il tempo per ammirare le vie di Trastevere , quartiere di origini popolari e operaie che oggi, tra giardini lussureggianti e ville bellissime, svela la sua atmosfera bohémien, con i suoi noti mercatini di Porta Portese e piazza S. Cosimato e una vita notturna vivace.

Ponte Sisto

Ponte Sisto

Ponte Sisto, con la cupola di S. Pietro che troneggia sullo sfondo, offre uno scenario da cartolina. Il ponte fu edificato per volere del pontefice Sisto IV della Rovere, da cui prende il nome, in occasione del Giubileo del 1475. L’obiettivo era quello di agevolare il transito dei pellegrini verso il Vaticano dal resto della città. Ricostruito a opera del Pontefice, sorge sulle precedenti rovine dell’ antichissimo “Ponte Rotto” ponte gravemente danneggiato dall’esondazione del Tevere del 792. A memoria di ciò Sisto IV fece apporre sul nuovo ponte la lapide, di cui vi riportiamo la scritta in latino, che potete leggere alla testata del ponte verso Campo de' Fiori:

XYSTUS IIII PONT MAX AD UTILITATEM PRO PEREGRINAEQUE MULTI TUDINIS AD IUBILEUM VENTURAE PONTEM HUNC QUOD MERITO RUPTUM VOCABANT A FUN DAMENTIS MAGNA CURA ET IMPENSA RESTI TUIT XYSTUMQUE SUO DE NOMINE APPELLARI VOLUIT".

Sisto IIII Pontefice massimo per utilità e in particolare della moltitudine di pellegrini che verranno al giubileo ricostruì dalle fondamenta e con grande cura e spesa questo ponte che giustamente chiamavano "rotto" e volle che dal suo nome fosse chiamato Sisto”.

Attraversare il Tevere su queste pietre, emulando gli antichi pellegrini verso il Giubileo, restituisce forti emozioni spirituali. Proseguendo dritti, dopo aver superato piazza della Trinità dei Pellegrini con la sua omonima chiesa, incrociate una delle strade più caratteristiche di Roma: via dei Giubbonari. Antica dimora degli artigiani dei “gipponi”, tessitori di corpetti, da cui il nome, la via collega Campo de’ fiori con piazza Benedetto Cairoli. Sulla vostra destra avete Palazzo Barberini ai Giubbonari, così definito per distinguerlo da quello, omonimo, successivamente edificato in via delle Quattro Fontane. Anche un itinerario religioso merita soste di gusto: via dei Giubbonari è ricca di forni e botteghe con prodotti tipici della cucina romana.   

Area Sacra di Largo Argentina

Area Sacra di Largo Argentina

Il vostro itinerario prosegue verso una delle zone archeologicamente più importanti di tutta Roma e del mondo: Area Sacra di Largo Argentina. Oggi trafficata zona della città, un tempo fu teatro di uno degli eventi più noti e divulgati della storia. Alle Idi di marzo del 44 a.C. si consumò proprio qui, infatti, l’agguato mortale a Giulio Cesare, come confermerebbe la scoperta, nell’area archeologica, del muro cementizio che secondo gli studiosi conteneva lo scranno dell’imperatore stesso. Questo non è il solo motivo di interesse del sito archeologico: quello di largo Torre Argentina è, infatti, il più grande complesso di età repubblicana venuto alla luce fino a oggi e comprende le fondamenta di ben 4 templi diversi.

Dopo l’accurata e imperdibile visita al sito, riprendete il vostro cammino prendendo un’altra delle più caratteristiche vie della Capitale: l’antica via dei Cestari, storica via papale che porta fino a piazza della Minerva. Non perdetevi la chiesa dedicata alle Sacre Stimmate di S. Francesco, posta proprio all’angolo tra largo Torre Argentina e via dei Cestari. 

S. Maria Sopra Minerva

S. Maria Sopra Minerva

Proseguite lungo via dei Cestari fino al suo principio: piazza della Minerva, già nel rione Pigna, celebre per custodire uno dei tesori più belli e ammalianti di Roma: il Pantheon. L’elegante piazza della Minerva offre un imperdibile scorcio proprio sul tempio tanto caro allo scrittore Stendhal, che fu ospite dal 1814 al 1816 nel secentesco palazzo dei Fonseca, a destra della basilica di S. Maria Sopra Minerva. La chiesa è la destinazione finale del vostro itinerario giubilare S. Maria Sopra Minerva aveva un’antica struttura gotica, raro caso nel cuore di quella che è considerata la Roma barocca ma negli anni l’edificio è stato ampiamente rimaneggiato e modificato, conservando solo a tratti il suo aspetto originario. Resterete colpiti soprattutto dai suoi interni, tra cui campeggia lo splendido ciclo di affreschi di Filippino Lippi, nella cappella Carafa. Sulla facciata della chiesa, invece, una curiosità non vi potrà sfuggire: le targhe, numerose anche altrove in questo rione della Capitale, che ricordano i livelli raggiunti dalle ripetute piene del Tevere dal 1422 al 1870.

Al centro di piazza della Minerva da notare il monumento Pulcin della Minerva: un piccolo elefante marmoreo, ideato dal Bernini e scolpito da Ferrata nel 1667, che sorregge un obelisco egizio risalente al VI secolo a.C. 

Ti potrebbe interessare

Spiritualità
Fede e sapere nel Rione S. Eustachio

Fede e sapere nel Rione S. Eustachio

Spiritualità
A Roma nel cuore del Cattolicesimo: S. Pietro e la Porta Santa

A Roma nel cuore del Cattolicesimo: S. Pietro e la Porta Santa

Meta turistica
La Via Appia Antica tra archeologia, fede e natura

La Via Appia Antica tra archeologia, fede e natura

Idea Viaggio
I laghi tondi della Tuscia Viterbese e dei Castelli Romani

I laghi tondi della Tuscia Viterbese e dei Castelli Romani

Meta turistica
A Roma: Testaccio tra arte, archeologia e un romanissimo street food

A Roma: Testaccio tra arte, archeologia e un romanissimo street food

Spiritualità
Fede e archeologia lungo la via Ostiense

Fede e archeologia lungo la via Ostiense

Idea Viaggio
Roma neorealista. Con Rossellini dal Rione Trevi al Pigneto

Roma neorealista. Con Rossellini dal Rione Trevi al Pigneto

Meta turistica
Rieti e l’oro della Sabina

Rieti e l’oro della Sabina

Spiritualità
Roma: dal Colosseo a San Giovanni in Laterano

Roma: dal Colosseo a San Giovanni in Laterano

Cicloturismo
Alla scoperta del Lazio in bicicletta, da Grisciano a Filettino

Alla scoperta del Lazio in bicicletta, da Grisciano a Filettino

Spiritualità
Roma e il rione Esquilino: un cammino di spiritualità, storie e memorie

Roma e il rione Esquilino: un cammino di spiritualità, storie e memorie

Cicloturismo
Un giorno in bicicletta nel Parco Naturale dei Monti Simbruini, a due passi da Roma

Un giorno in bicicletta nel Parco Naturale dei Monti Simbruini, a due passi da Roma

Natura
Il Tevere da Todi alla Città Eterna tra storia, mito e natura

Il Tevere da Todi alla Città Eterna tra storia, mito e natura

Arte e cultura
Michelangelo a Roma

Michelangelo a Roma

Arte e cultura
Le Case-Museo di Roma, nel quartiere di piazza di Spagna

Le Case-Museo di Roma, nel quartiere di piazza di Spagna

Arte e cultura
Maremma Laziale: da Tuscania a Tarquinia, storia e archeologia a due passi dal mare

Maremma Laziale: da Tuscania a Tarquinia, storia e archeologia a due passi dal mare

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.