Salta il menu

Per le ultime informazioni sulle restrizioni di viaggio relative al COVID-19 in Italia. Fai click qui.

Enogastronomia

Emilia Romagna

Emilia Romagna: alla scoperta delle terre del Lambrusco, il vino rosso frizzante con l’anima

Noto ai più per la sua spuma vivace, il Lambrusco è un vino frizzante che racconta molte storie

05 luglio 2022

2 minuti

Prodotto tra le province di Modena, Reggio Emilia e Parma, chiamate non a caso terre del Lambrusco, si differenzia per tipologia e profumo, a seconda dei vitigni da cui proviene.

Diversi sono anche i metodi di vinificazione, da quelli tradizionali ai più moderni.

Scopriamo insieme i segreti di questo prodotto senza eguali.

1. Modena: Lambrusco di Sorbara, Grasparossa di Castelvetro e Salamino di Santa Croce

Il Colore lieve, il sentore di viola e frutti rossi e la freschezza impareggiabile fanno del Lambrusco di Sorbara DOC un vino apprezzato in tutto il mondo.
Prodotto in provincia di Modena, è tra le varie tipologie quella meno carica di colore, vicino al rosa. La sua eleganza non teme la gastronomia internazionale e gli abbinamenti più difficili.

Originario dell’alta pianura e della collina modenese è il Lambrusco Grasparossa di Castelvetro. Dal tipico colore rubino intenso con riflessi violacei e l’intenso profumo che richiama l’uva appena pigiata, la mora, l’amarena, la viola e la mandorla, ha corpo e tannini più pronunciati, che forniscono struttura al vino. È, infatti, il compagno ideale di piatti corposi.

Un delicato bouquet di frutta rossa e rose contraddistingue questa terza tipologia di Lambrusco: il Salamino di Santa Croce. Un vino che piace davvero a tutti e che, per il suo sentore di lampone, ciliegia e mora e la lieve vena sapida è adatto a essere consumato a tutto pasto.

2. Reggio Emilia: le briose varietà del Re del Reggiano

Stoffa, profumi, persistenza, colore rosso intenso, frutta matura al palato. Sono queste le principali caratteristiche del Lambrusco reggiano, di cui i consumatori apprezzano soprattutto la vena leggermente zuccherina e la particolare vivacità. Accompagna perfettamente i piatti della tradizione locale e comprende numerose varietà. Tra le principali: Marani, Montericco e Ancellotta.

3. Parma: il Lambrusco più intenso

Tra i vitigni storici dell’area collinare parmense c’è la varietà del Lambrusco Maestri, la più intensa della famiglia, che utilizza spesso uva da taglio per conferire maggior carattere e acidità. Gusto secco e dissetante, va bevuto giovane, nella versione frizzante naturale.

4. Metodo di vinificazione: l’origine delle bollicine

Prima di concludere il viaggio alla scoperta del Lambrusco, conosciamo i due metodi di vinificazione, che rivelano il segreto delle bollicine.

Quello tradizionale, detto di rifermentazione primaverile, crea la spuma in modo naturale, grazie all’escursione termica invernale che interrompe la fermentazione e la fa riprendere in primavera, quando il vino è già imbottigliato. L’anidride carbonica, disciolta nel vino, compare sotto forma di schiuma una volta stappata la bottiglia.

Il metodo più utilizzato oggi dai produttori è, però, il Martinotti-Charmat, che stimola la fermentazione con il ricorso a lieviti naturali, miscelati al vino all’interno di autoclavi. Sono proprio i lieviti che, unendosi agli zuccheri del vino, originano le bollicine del Lambrusco.

Ti potrebbe interessare

Enogastronomia

Tour enologico alla scoperta dei vini della Campania

Enogastronomia
Vista panoramica sul Lago Trasimeno

Umbria, Colli del Trasimeno: un tour lungo la Strada dei Vini

Enogastronomia

Pecorino ligure di malga: storie di pascoli, greggi e montagna

Enogastronomia

In Trentino a caccia di bontà: le albicocche della Val Venosta

Enogastronomia
Composizione di ricci con le castagne e una pannocchia di mais

Nel Trevigiano alla scoperta dei Marroni del Monfenera IGP, i più buoni

Enogastronomia

Alto Adige, turismo enogastronomico: la Strada del Vino

Magazine
toscana appetito vien viaggiando

In Toscana l’appetito vien viaggiando

Enogastronomia
Cuore della Franciacorta: in buca tra vigneti e bollicine

Franciacorta, Lombardia: viaggio alla scoperta di vini e architetture

Enogastronomia
Colline del prosecco

Veneto, Valdobbiadene: viaggio enogastronomico nell’Anello del Prosecco Superiore

Enogastronomia

Itinerario enogastronomico tra i profumi della Franciacorta

Enogastronomia
sette cantine alto adige hero

7 cantine in Alto Adige per un viaggio estivo, sensoriale

Enogastronomia

Il Piemonte è una terra di vini, spumanti, grappe e liquori straordinari

Enogastronomia

Vino e olio, i tesori dell’Umbria

Enogastronomia

Toscana, terra di vini e piatti eccellenti

Relax & Benessere
Bagno Vignoni

In Val d’Orcia, a Bagno Vignoni, terra di acque e di vino

Enogastronomia

Lazio, sua maestà “er cimarolo”: il carciofo romanesco IGP

Enogastronomia

Liguria, Genova: 10 esperienze gastronomiche nell’antica Repubblica marinara

Enogastronomia

Basilicata: i croccanti peperoni “cruschi” di Senise

Enogastronomia

Turismo gastronomico: itinerario alla scoperta dei formaggi della Lombardia