Salta il menu

Per le ultime informazioni sulle restrizioni di viaggio relative al COVID-19 in Italia. Fai click qui.

Arte & Cultura

Lombardia

I bagni misteriosi, la piscina-teatro più esclusiva di Milano, oasi nell’estate metropolitana

Molto più di una semplice piscina all’aperto di Milano

I Bagni misteriosi sono un gioiello di design e architettura nel cuore della metropoli, un luogo d’incontro e di svago, che esprime il gusto e i valori della sua comunità artistica e culturale.
Qui, oltre a trovare frescura e scampo alle afose estati milanesi nuotando in una location a dir poco suggestiva, potrete infatti degustare piatti nutrienti e ricercati, condividere aperitivi in piscina con gli amici e assistere a concerti e spettacoli teatrali a bordo dell'acqua.

1. Un progetto di riqualificazione fedele allo spirito originale

«La piscina era l’anima di questo luogo e chiedeva di ritrovare la sua unità», ha dichiarato Andrée Ruth Shammah, regista teatrale e direttrice artistica dei lavori di riqualificazione dei Bagni misteriosi, ma soprattutto anima del Teatro Franco Parenti, istituzione meneghina intimamente connessa ai Bagni.
L’isolato di cui fanno entrambi parte, alle spalle di Porta Romana, era infatti già stato concepito negli Anni 30 come un unico spazio polifunzionale nel più puro stile razionalista, con sale per la scherma, la boxe, uno studio medico e una biblioteca. Riconnettere le attività del teatro a quelle dei Bagni è stato un modo per ripristinare l’antico legame.

Grazie a un crowdfunding e una call to action creativa che hanno coinvolto cittadini e professionisti milanesi famosi, la Fondazione Pier Lombardo, che gestisce questi spazi e il teatro, ha riqualificato i 9.600 metri quadrati open air integrandone le funzioni con quelle della sala interna e riportando all’originaria unità un patrimonio pubblico architettonico, storico e culturale smembrato nel dopoguerra.
Il nome, Bagni misteriosi, s’ispira al titolo della famosa opera di Giorgio De Chirico, una fontana oggi ristrutturata ed esposta nei giardini della Triennale di Milano.  

2. Un palcoscenico solarium

La visionaria ristrutturazione ha conservato integralmente le piscine, bene monumentale vincolato, che ora vantano un’acqua cristallina, inodore e insapore grazie all’impiego di raggi UV che preservano l’equilibrio della pelle, della salute e dell’ambiente.
Al centro della piscina grande, che misura 50 metri per 25 ed è profonda fino a 1,70 metri, c’è una pedana mobile in legno che di giorno viene impiegata come solarium e di sera diventa palcoscenico.
Quella piccola, grande 25 metri per 25, ha una profondità massima di 90 centimetri e si trasforma d'inverno in una pista di pattinaggio su ghiaccio. All’ombra degli alberi e tra i roseti, una seduta continua in legno permette di riposarsi all’ombra.

Con l’arrivo della stagione calda, la Fondazione apre le porte e le vasche a tutti coloro che vogliono combattere l’afa della città con un rinfrescante tuffo in piscina o fare quattro chiacchiere a filo d’acqua: attraverso un sistema di prenotazioni e tariffe differenziate sarà possibile godere di una memorabile esperienza di svago nella perla delle piscine di Milano.

3. Aperitivo in infradito

Dagli spogliatoi agli spazi comuni, ogni dettaglio è ricercato e funzionale.

Nella città che ha inventato l’happy hour, è la raffinata catena di locali Gud Milano, che ha location sparse nei luoghi più iconici della città, a gestire bar e ristorante, con proposte di ricette raffinate, fresche e leggere.
Accompagnati da una colonna sonora decisamente cool e non invadente, all’ombra del pergolato e lungo il giardino di rose, potrete consumare un sontuoso aperitivo in piscina, gustando l’ampia scelta di cocktail classici e originali e di vini eccellenti, rigorosamente in infradito, in attesa che il tramonto cali su questo esclusivo giardino milanese.

4. Scenografici show sull’acqua

D’estate, i Bagni misteriosi diventano inoltre un magico luogo di rappresentazioni dal vivo: spettacoli drammatici, coreografici e allestimenti per bambini sono proposti ogni anno presso questo spazio.
L’inimitabile “scena liquida” permette agli artisti di costruire le proprie storie sfruttando il palchetto galleggiante nella piscina grande e lungo l’intero perimetro della vasca.

L’originalità dello spazio scenico ha attirato la curiosità sia del pubblico che delle maestranze: non a caso i migliori artisti sulla scena propongono qui ogni anno nuovi allestimenti.
Oltre alle rappresentazioni, i Bagni misteriosi diventano spesso sede di festival, mostre, sfilate ed eventi mondani.

Scopri di più:
www.teatrofrancoparenti.it

 

Photo credits: Teatro Franco Parenti