Salta il menu

Per le ultime informazioni sulle restrizioni di viaggio relative al COVID-19 in Italia. Fai click qui.

Arte & Cultura

Emilia Romagna

In Emilia Romagna si celebra la fotografia di Luigi Ghirri: gli eventi da non perdere

Sono trascorsi 30 anni dalla scomparsa del maestro della fotografia italiana Luigi Ghirri e, proprio in questo anniversario, in Emilia Romagna hanno preso il via le celebrazioni in suo omaggio.

17 ottobre 2022

3 minuti

Dove? Nelle città di Modena, Reggio Emilia e Parma arriva Vedere Oltre, la mostra di Luigi Ghirri del 2022: un palinsesto di eventi con una ricca programmazione tra mostre e attività legate all’arte fotografica.
Una scusa più che valida per organizzare una gita fuori porta in zona unendo cultura e divertimento godereccio.

1. Luigi Ghirri e Modena. Un viaggio a ritroso - fino all’11 novembre

luigi ghirri modena

Fu proprio a Modena che Ghirri inaugurò la sua prima mostra nel 1972.
La città vuole quindi rendere omaggio al grande maestro con l’esposizione Luigi Ghirri e Modena. Un viaggio a ritroso, curata da Daniele De Luigi e allestita nella sede di Palazzo Santa Margherita.

L’allestimento è suddiviso in quattro sale ed è un viaggio a ritroso nella carriera di Ghirri, con più di sessanta fotografie provenienti dalla Galleria Civica del Comune di Modena e dalla collezione di fotografia della Fondazione Modena Arti Visive.

Il percorso parte quindi dalle fotografie della seconda metà degli Anni 80, con gli scatti del patrimonio artistico e del centro storico di Modena eseguite per il Touring Club Italiano e alcuni inediti che ritraggono il celebre Cubo di Aldo Rossi, ovvero il Cimitero Nuovo di San Cataldo a Modena, progettato nel 1971.
La rassegna termina con la Colazione sull’erba e con altre interessanti fotografie delle prime fasi della carriera del maestro.

Al termine della visita, passeggiate 2 minuti per raggiungere il rilassante Parco Giardino Ducale Estense, fermatevi poi a mangiare le tigelle alla Trattoria Il Fantino e infine godete del magico sound jazz al Cotton Club.

2. In scala diversa. Luigi Ghirri, Italia in miniatura e nuove prospettive - Reggio Emilia - fino all’8 gennaio 2023

luigi ghirri reggio emilia

Spostandovi a Reggio Emilia, nel centralissimo Palazzo dei Musei vi attende un’altra mostra imperdibile. Curata da Ilaria Campioli, Joan Fontcuberta e Matteo Guidi, l’esposizione prende avvio da In scala, la serie fotografica realizzata da Luigi Ghirri dalla fine degli Anni 70 alla prima metà degli 80 nel parco divertimenti Italia in Miniatura di Rimini

La mostra espone fotografie, anche inedite, provenienti dalla citata serie di Ghirri, per la prima volta in dialogo con una selezione di materiali provenienti dall’archivio del parco, raccolti e prodotti da Ivo Rambaldi, ideatore e fondatore del parco tematico, per la costruzione dei plastici.

Oltre a mappe, schizzi, appunti e altri documenti, si possono ammirare le fotografie realizzate da Rambaldi in viaggio per l'Italia.

Se la mostra vi ha messo fame, è il momento giusto per assaggiare i celebri tortelli verdi reggiani; a 8 minuti a piedi da Palazzo dei Musei troverete Nâni Bottega & Cucina. Qui, dopo il pranzo potrete fare incetta di pasta fresca e prelibatezze gastronomiche già pronte da gustare a casa.

3. Luigi Ghirri e il CSAC - Parma

luigi ghirri parma

La storia tra Luigi Ghirri e Parma trova i suoi albori al Centro Studi e Archivio della Comunicazione - CSAC.

Proprio qui, grazie all’allestimento di una mostra e alla pubblicazione di un volume, sarà possibile ricostruire il complesso rapporto tra il fotografo, l’Università di Parma e la generazione di autori che, negli Anni 70, definirono con lui una nuova fotografia di paesaggio e che tra ricerca concettuale e riflessione sui media inventarono, appunto, un “nuovo vedere”.

Durante l’autunno 2022, in programma in città una serie di incontri e giornate di studio a carattere pubblico che vedranno studiosi, artisti, scrittori, riflettere sull'opera ghirriana e sul grande impatto che questa ha avuto sulla cultura, non solo visiva, del secondo Novecento.

Inoltre, se soggiornate in centro a Parma, il consiglio è quello di raggiungere il Centro Studi e Archivio della Comunicazione in bicicletta. Una pedalata di mezz’ora vi porterà a destinazione facendovi godere della quiete della campagna parmense.

L’Emilia Romagna accoglie il ricordo celebrando la cultura. A distanza di tre decenni dalla sua morte, Luigi Ghirri, simbolo immortale dell’arte fotografica, continua ad essere una fonte di eterna ispirazione per le generazioni future.