Salta il menu

Per le ultime informazioni sulle restrizioni di viaggio relative al COVID-19 in Italia. Fai click qui.

Sport

Emilia Romagna

Cerreto Laghi, sciare tra natura e romantici corsi d’acqua

Un laghetto d’origine glaciale e una serie di piccoli specchi d'acqua danno il nome a <strong>Cerreto Laghi</strong>, comune in provincia di Reggio Emilia, nel cuore dell’Appennino Tosco- Emiliano, che vi conquisterà per la sua <strong>stazione sciistica</strong> incastonata in uno scenario naturalistico superbo. <br>
La sua collocazione geografica, tra l’altro, è abbastanza strategica, rendendolo facilmente raggiungibile sia dal versante emiliano che da quello ligure-toscano.

1. 25 chilometri di piste sempre innevate

Se siete amanti degli sport invernali qui troverete il vostro angolo di paradiso, con 25 km di piste da discesa sempre innevate, grazie a un impianto di innevamento artificiale recentemente potenziato.

La stazione invernale è infatti tra le più attrezzate e frequentate dell’Appennino e offre esperienze indimenticabili allo sciatore più esigente come al principiante. Tutti qui si possono sbizzarrire lungo piste con diversi gradi di difficoltà. Per quanto riguarda le risalite, 2 seggiovie consentono di limitare file agli impianti e noiosi tempi di attesa. Per bambini e absolute beginners c’è una scuola di sci con maestri accreditati. 

2. Fondo tra le faggete imbiancate

Se invece amate lo sci di fondo a Cerreto Laghi resterete tutt’altro che delusi. In prossimità del Lago Pranda vi aspettano 3 piste che si snodano attorno alle fitte faggete imbiancate di circa 2,5 chilometri ciascuna, per un totale di circa 8 chilometri. I 3 anelli vantano differenti difficoltà: gialla per i principianti, azzurra per la media esperienza e rossa per sciatori provetti. 

3. Ciaspole e pattini

Sui percorsi si può anche ciaspolare, rimanendo defilati per mantenere la distanza di sicurezza, per una vacanza che accontenta tutti i gusti e le esigenze.

Gioiello della località è il suo Palazzo del Ghiaccio, unico nel suo genere in tutta la zona, offre una pista olimpica da 1800 metri quadri e, naturalmente, un servizio di noleggio pattini.

4. In sella alla bici o in groppa a un cavallo

Sviluppato intorno a un sistema di laghi connesso all’antico scioglimento dei ghiacciai, il comprensorio sciistico gode di panorami ineguagliabili in uno scenario naturalistico protetto, all’interno del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano. La zona è molto apprezzata anche in estate. Quando le temperature si alzano, infatti, si possono prevedere escursioni a piedi, a cavallo o in mountain bike, con vista sulle vallate circostanti. 

5. Piatti della tradizione e wellness: il bien vivre all’emiliana

A ridosso del Passo del Cerreto, potrete deliziarvi anche con l’ottima cucina locale, dai tortellini in brodo alle tagliatelle con il ragù alla bolognese, tanto per farvi venire l’acquolina in bocca. Dai ristoranti ai rifugi, la gastronomia emiliana non ha bisogno di presentazioni. Nella zona non mancano neppure le strutture ricettive per la cura del corpo, tra spa e trattamenti benessere