Salta il menu

Per le ultime informazioni sulle restrizioni di viaggio relative al COVID-19 in Italia. Fai click qui.

Ospitalità e Ristorazione

Alberghi e Strutture Ricettive

L’offerta ricettiva in Italia è ampia: sono molti infatti gli alberghi, gli agriturismi, i residence e i b&b pronti ad ospitarti ad un passo dalla spiaggia, in città, nell’entroterra o in montagna. A fianco a strutture di grandi catene della tradizione alberghiera, con ogni moderno comfort desiderabile, trovi realtà più piccole, magari inserite in contesti architetturali esclusivi, come palazzi, castelli, ville d’epoca. Sarà un modo diverso di vivere la tua vacanza, immerso nella storia e nell’arte che solo l’Italia può offrire.

Tra le proposte che differenziano l’Italia da molti altri paesi ci sono gli agriturismi: strutture ricettive nate all’interno di vere aziende agricole italiane, dalle più rurali a vere e proprie dimore di charme. Qui più che altrove potrai assaporare prodotti locali, nel rispetto della stagionalità e della tradizione agricola italiana, e vivere esperienze diverse nel corso dell’anno, dall’incontro con gli animali da fattoria alla vendemmia. Distribuiti in modo eterogeneo in tutto il territorio italiano, sono anche punto di partenza per itinerari da percorrere a piedi, in bicicletta o a cavallo alla scoperta dei nostri tanti tesori.

L’offerta ricettiva oggi prevede anche un sempre crescente numero di strutture eco e green, in cui il rispetto dell’ambiente è sacro quanto il benessere degli ospiti.

Gli amanti del campeggio in Italia troveranno la soluzione perfetta per ogni aspirazione; in tenda certo, ma anche in roulotte, camper o nei bungalow quando presenti. L’ultima tendenza, per un contatto al 100% con la natura, offre tende sospese su cavi tra gli alberi, nei boschi anche di alta montagna.

Molte strutture in Italia propongono servizi aggiuntivi per rendere più piacevole il tuo soggiorno: centro benessere, palestra, ristorante interno, escursioni, visite culturali e molti altri, alcuni inclusi nel costo del soggiorno, altri acquistabili su richiesta.

Ristoranti

I ristoranti italiani offrono una grande di varietà di esperienze enogastronomiche ad ogni angolo del paese. La rinomata dieta mediterranea qui viene declinata in mille sfumature, dal gusto verace della tradizione alle evoluzioni dei nostri tanti chef stellati. Al fianco di ristoranti a conduzione familiare, dove conoscere il vero sapore della cucina italiana e le sue sfumature regionali, troverai anche realtà all’avanguardia nell’universo del cibo. E ancora proposte veg, fusion e a km zero. La distribuzione è uniforme: puoi mangiare in un ristorante stellato in alta quota, tra le nevi, o in una trattoria tipica al centro di una grande città. Per godere al massimo della nostra enogastronomia, ti suggeriamo di prenotare il tuo posto a tavola nel locale che preferisci.

Orario dei Pasti

L’ora per mettersi a tavola in Italia varia tra nord e sud: nel primo caso la tendenza è ad anticipare l’ora di inizio sia del pranzo che della cena, viceversa al sud si è soliti iniziare più tardi.

Nelle strutture ricettive, al ristorante, in tavola calda o al bar, di norma il pranzo è a partire dalle 12.30 e fino alle 14.30. In occasione di particolari ricorrenze o eventi, l’inizio e la durata del pranzo possono variare.

L’aperitivo è l’appuntamento da non perdere: si svolge indicativamente a partire dalle 18.00 fino all’ora di cena. Nato come momento di relax alla fine di una giornata di lavoro, soprattutto nei centri a nord, è in breve diventato occasione di degustazione di piccoli sfizi gastronomici, con corredo di Spritz e Prosecco italiano ormai d’ordinanza in tutto il paese.

Il termine “apericena” indica la versione XL dell’aperitivo, in cui la quantità e la varietà di cibo proposto equivalgono ad una vera e propria cena.

La cena classica viene normalmente servita a partire dalle 19.30 fino alle 23.00.

Troverai anche locali che propongono la cena ad ora tarda, per il dopo teatro e per chi preferisce mangiare nel cuore della notte.

Mance

Le mance non sono obbligatorie e in Italia non ci sono norme consolidate: è consuetudine lasciare una cifra vicina al 10% dell'ammontare del conto quando il cliente è soddisfatto del servizio ricevuto.