Salta il menu

Per le ultime informazioni sulle restrizioni di viaggio relative al COVID-19 in Italia. Fai click qui.

Sport

Lombardia: Il Parkour

07 ottobre 2022

È la disciplina più in voga del momento: e quale città meglio della cool e internazionale Milano può offrire spazi adeguati al parkour, l’adrenalinico sport urbano fatto di acrobazie, salti, arrampicate e volteggi tra rampe, muretti, sbarre, ringhiere? Nessun’altra, appunto.  Quindi, appassionati, esperti e aspiranti tracciatori, prendete nota. 

1. Largo Nuvolari-Romolo

Il viaggio che mette in moto strade e parchi inizia da Largo Nuvolari e termina alla stazione della metropolitana di Romolo. È questo il più famoso spot (così è chiamata l’area adatta al parkour) meneghino, aperto sia agli esperti che ai neofiti.

Il parchetto antistante il piazzale degli autobus, così come pure l’esterno della stazione sono zone architettonicamente perfette per gli amanti di questa disciplina.

 

2. Piazza Sant’Ambrogio

Restando sulla linea verde della metropolitana di Romolo, in direzione Gessate-Cologno Nord, scendete a Piazza Sant’Ambrogio: qui i muretti e gli arredi urbani ne fanno un luogo adatto agli allenamenti dei tracciatori, nome attribuito agli atleti del parkour per il fatto che tracciano, per l’appunto, un itinerario determinato, costellato da ostacoli di ogni genere. È questo il teatro in cui più di ogni altro si può mettere alla prova il proprio equilibrio.

3. Stazione di Porta Garibaldi

Semplice nella sua grandiosità è lo spot a sud dell’uscita principale della stazione di Porta Garibaldi, in particolare nella zona di via Pepe, attraversata ogni giorno da fiumi di lavoratori. Qui, i principali ostacoli da superare sono le rampe di biciclette in serie, tra salti e atterraggi su muretti, corrimano e gradini all’uscita della metro.

4. Stadio San Siro

Evoluzioni in stile parkour anche all’ingresso 2 dello stadio San Siro, nel piazzale Angelo Moratti, area che ben si presta all’allenamento dei tracciatori per la presenza di tubi, ottima base per volteggi spettacolari.

5. Bicocca

Il tour del Parkour milanese continua nella zona del polo universitario di Bicocca, più nel dettaglio nell’ampia Piazza della Scienza, tra i tubi dell’enorme pensilina, le 12 magnolie e le numerose panchine.

6. Largo Paolo Valera-via Adolfo Omodeo

Restando sulla linea rossa della metropolitana e scendendo a Largo Paolo Valera, i tracciatori hanno individuato un altro percorso da attraversare di corsa e in tutta velocità, superando gli ostacoli con movimenti spontanei fino a via Adolfo Omodeo. Proprio qui, più precisamente nella zona di Bonola, si è riscoperto uno degli spot storici, arricchito da recenti arredi urbani che lo rendono perfetto per il parkour.

Dagli scenari urbani ai parchi cittadini: ostacoli immersi nel verde

Milano offre una marea di opportunità per chi ama questo sport a metà tra il running, il freestyle e le acrobazie circensi più spericolate. E dà ai tracciatori la possibilità di sbizzarrirsi anche nei parchi.

Pensate alle fontane e ai muretti di Parco Vittorio Formentano, anche noto come Parco Largo Marinai d’Italia, o agli ostacoli immersi nel verde di Parco del Monte Stella, nelle vicinanze della fermata QT8 della metropolitana. Ma anche nella parte opposta della città, nel Parco della Martesana, in prossimità della fermata della metropolitana di Turro, è facile vedere atleti di parkour all’opera, soprattutto sulle scalinate dell’anfiteatro.

7. Dagli scenari urbani ai parchi cittadini: ostacoli immersi nel verde

Milano offre una marea di opportunità per chi ama questo sport a metà tra il running, il freestyle e le acrobazie circensi più spericolate. E dà ai tracciatori la possibilità di sbizzarrirsi anche nei parchi.

Pensate alle fontane e ai muretti di Parco Vittorio Formentano, anche noto come Parco Largo Marinai d’Italia, o agli ostacoli immersi nel verde di Parco del Monte Stella, nelle vicinanze della fermata QT8 della metropolitana. Ma anche nella parte opposta della città, nel Parco della Martesana, in prossimità della fermata della metropolitana di Turro, è facile vedere atleti di parkour all’opera, soprattutto sulle scalinate dell’anfiteatro.