Salta il menu

Per le ultime informazioni sulle restrizioni di viaggio relative al COVID-19 in Italia. Fai click qui.

Evento
25 ottobre 2022 - 29 gennaio 2023

Meraviglia senza tempo. Pittura su pietra a Roma tra Cinquecento e Seicento

Panoramica

Le terribili devastazioni dovute al Sacco di Roma del 1527 illusero artisti e committenti che la pietra, al contrario delle fragili tele e tavole, avrebbe conferito immortalità alla pittura.

Sebastiano del Piombo, adotta la tecnica della pittura a olio su pietra forse già prima del terribile saccheggio ma a lui e a questi terribili avvenimenti, si fa risalire, comunque, l’invenzione della pittura su pietra, cui la Galleria Borghese dedica una mostra, a cura di Francesca Cappelletti e Patrizia Cavazzini, esponendo oltre 60 opere provenienti da musei italiani e stranieri e da importanti collezioni private, per raccontare l’ambizione all’eternità delle opere d’arte, il dibattito senza tempo tra pittura e scultura, e anche i materiali, dall’estrazione dalle miniere, al loro percorso fino alle botteghe degli artisti, al loro posto nelle collezioni.

 

Opere si­mili a talismani, alle quali era talvolta attribuito un potere magico di protezione dai mali fisici e spirituali:  l’Adorazione dei magi (1605 – 1620) su alabastro di Antonio Tempesta o la Madonna con il Bambino e San Francesco (1605 c.) di Antonio Carracci dipinta su rame. Dipinti su alaba­stro, lavagna, marmo di Carlo Saraceni, Orazio Gentileschi, Cavalier d’Arpino e molti altri.

E poi immagini che ritraggono figure femminili del pittore toscano Leonardo Grazia o dedicate a temi della poesia come l’Andromeda del Cavalier d’Arpino e l’Inferno con episodi mitologici di Vincenzo Mannozzi.

Lucidi e scintillanti, gli sfondi dei dipinti riflettono come specchi l’immagine dello spettatore che, mentre la osserva, entra a far parte dell’opera.

Dipinti su pietre scure per ambientare scene notturne e per far risaltare le finiture dorate e preziosi supporti di lapislazzulo, usati per il mare e il cielo: il colore e le screziature delle pietre contribuiscono essi tessi alla composizione dell’opera.

L’eterno dibattito tra scultura e pittura concorre alla creazione di oggetti straordinari e permette a questa tecnica di raggiungere un altissimo livello di completezza con la realizzazione di piccoli altari, stipi e oro­logi, dalle forme architettoniche complesse e adorni di piccole sculture, rilievi e pittura. 

Orari

Dal martedì alla domenica dalle 9.00 alle 19.00.

Ultimo ingresso alle ore 17.45.

La biglietteria è aperta dalle ore 8.30 fino a 1 ora prima della chiusura del museo.

La Galleria è chiusa il 25 dicembre e il 1 gennaio

Biglietti

INTERO € 13,00 (ultimo turno € 8,00) RIDOTTO 18-25 anni € 2,00 GRATUITO minori di 18 anni

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA per tutte le tipologie di biglietto € 2,00

Acquista

Biglietti

INTERO € 13,00 (ultimo turno € 8,00) RIDOTTO 18-25 anni € 2,00 GRATUITO minori di 18 anni

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA per tutte le tipologie di biglietto € 2,00

Museo e Galleria Borghese

Piazzale Scipione Borghese, 5, 00197 Roma RM, Italia

Chiama +39068413979 Sito Web

Ti potrebbe interessare

Esplora i dintorni

Nelle vicinanze