Salta il menu

Per le ultime informazioni sulle restrizioni di viaggio relative al COVID-19 in Italia. Fai click qui.

Vivi un momento di relax insieme alla tua famiglia, fatti coccolare dalle vacanze in Italia
 

Quando si tratta di una vacanza in famiglia, mare o montagna che sia, l’importante è scegliere una destinazione che possa accontentare tutti. E l’Italia, con la sua abbondanza di attrazioni e divertimenti, è in grado di soddisfare tutti, regalando emozioni senza eguali da 0 a 99 anni.

Viaggi in famiglia 246 risultati di ricerca
Divertimento
Zoomarine. Photo by: Tatyana Abramovich /Shutterstock.com

Zoomarine

Zoomarine, lo spettacolo degli animali Le spettacolari evoluzioni dei delfini, le buffe esibizioni delle foche e dei leoni marini, i saltelli dei lemuri, i guizzi degli scoiattoli volanti. Tutto questo e molto altro potrete trovare a Zoomarine a Torvaianica, lungo la costa laziale a sud di Roma. Uno spazio unico nel suo genere dove non ci sono solo animali esotici. La mission dello Zoomarine è infatti quella di insegnare, a grandi e piccini, il rispetto prima di tutto degli animali domestici. Con piscine, scivoli e luna park, lo Zoomarine a Torvaianica è il luogo ideale dove passare una giornata all’insegna del divertimento. Cosa vedere a Zoomarine Nello stadio dei delfini va in scena tutti i giorni un emozionante show di salti e di tuffi con 3 bravissimi protagonisti: per saperne di più e osservare da vicino gli animali è anche possibile partecipare a un’attività a bordo vasca per dialogare con gli addestratori e da loro imparare i gesti che guidano i delfini nelle loro esibizioni. Lo stesso si può fare nella baia dei pinnipedi, dove si esibiscono foche e leoni marini, incontrando per 30 minuti gli esperti che sono a contatto con gli animali ogni giorno. Nella foresta dei pappagalli si scoprono ara, cacatua, amazzoni e tucani con i loro meravigliosi colori; nell’oasi delle tartarughe si conoscono le placide testuggini; con i lemuri si può fare un selfie; nel nido dei fenicotteri si sta a tu per tu con gli uccelli in una voliera interattiva; passeggiando in una foresta con 3 laghetti si vedono, insieme agli istruttori, pellicani australiani, fenicotteri minori, cigni collo nero, anatre sposa, conuri del sole e altri animali. Imparare l’amore per gli animali domestici Non solo animali esotici o insoliti a Zoomarine: la passione e l’amore per gli animali si può sviluppare imparando a prenderci cura degli animali che abbiamo più vicini, i nostri cani e gatti. In compagnia di un Border collie, di un Pastore maremmano e di un Pastore bergamasco, si impara l’importanza del gioco e dell’empatia nell’educazione degli animali domestici e nella loro gestione nel quotidiano. Acqua park & luna park Una giornata a Zoomarine è pura adrenalina tra gli emozionanti incontri con gli animali, l’irresistibile attrazione degli scivoli acquatici, il luna park, le piscine, la spiaggia tropicale e gli spettacoli dei tuffatori. Da provare anche i fitgames, che combinano sport e tecnologia e il cinema 4D. Per i bambini più piccini partono le corse sul trenino della fattoria, la visita al castello di Re Artù, la giostrina carosello e lo zooscuola-guida.
Arte & Cultura
pantheon

Pantheon

Il più grande tempio di Roma Il Pantheon è uno dei monumenti romani conservati meglio al mondo. Fu costruito nel 27 a.C. per volere di Marco Vipsanio Agrippa. Tra il 112 e il 125 d.C. Adriano lo fece riedificare, ampliandolo, rovesciandone l’orientamento e aprendo davanti al nuovo tempio una grande piazza porticata. La sua cupola con 43,44 m di diametro interno, è tuttora la cupola emisferica più larga mai costruita in calcestruzzo non armato, più grande di quella di San Pietro. Ciò che più sorprende dell’architettura del Pantheon sono le sue dimensioni: l’altezza dell’edificio è pari al diametro della cupola, poco più di 43 metri, caratteristica che rispecchia i canoni classici dell’architettura razionale romana. La parte interna della cupola è decorata con cinque ordini di 28 cassettoni che vanno restringendosi verso l'alto. Al centro si apre un oculo di 8,95 metri di diametro, che consente alla luce naturale di penetrare e illuminare tutto l’edificio. In caso di pioggia l’acqua entra nel Pantheon e sparisce nei 22 fori quasi invisibili posti sul pavimento. L’oculus rende possibile uno scenografico effetto astronomico per cui ogni 21 aprile a mezzogiorno, un fascio di luce entra nel Pantheon con un’inclinazione tale da centrare perfettamente il portale d’ingresso. A quell’ora esatta, l’Imperatore Adriano varcava la soglia del tempio affinché il popolo ammirasse tutta la sua figura immersa nella luce come un dio. Caduto in stato di abbandono e saccheggiato, il Pantheon si salvò dalle incursioni barbariche grazie all’imperatore bizantino Foca che lo donò a Papa Bonifacio IV. Fu consacrato nel 609 a Santa Maria dei Martiri e nei suoi sotterranei vennero sepolti ignoti martiri cristiani. Successivamente divenne luogo di sepoltura qui riposano Raffaello Sanzio e i Reali d’Italia Vittorio Emanuele II, Re Umberto I e la Regina Margherita di Savoia. Nel giorno della Pentecoste, tutti gli anni, una pioggia di petali di rosa scende dall’oculus all’interno del Pantheon a conclusione della celebrazione del Corpus Domini.
Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.