Salta il menu

Museo Archeologico Nazionale Gaio Cilnio Mecenate

Panoramica

Nel 1936, nella sede pregevole e eccezionale del monastero medievale di Monte Oliveto di Arezzo, venne fondato il Museo intitolato a Gaio Cilnio Mecenate. Tale istituzione sorge sui resti dell’anfiteatro romano, costruito durante la prima metà del II secolo d.C., ed è possibile ammirarne interamente il circuito al piano terra e nel piano seminterrato del Museo stesso, nonché nell’area archeologica esterna. Il Museo archeologico nazionale “Gaio Cilnio Mecenate” e Anfiteatro romano, originato nel 1823 da quello di "Storia naturale e Antichità", ha avuto un costante incremento nel tempo in seguito all’acquisizione di diverse raccolte private e agli apporti degli scavi archeologici condotti in città e nei dintorni. Diventato statale nel 1973, il museo è suddiviso in 26 stanze distribuite su due piani. Al piano terreno, suddiviso topograficamente, è possibile ammirare reperti che narrano la storia di Arezzo dalla sua nascita in epoca etrusca fino all’età tardo antica. Al piano superiore, invece, sono presenti una sezione preistorica, nonché quelle tematiche (ceramiche, bronzi e preziosi) e le collezioni appartenenti a illustri aretini quali Bacci, Gamurrini, Funghini, Ceccatelli.

Tra i reperti più importanti della parte etrusca ricordiamo i gioielli della necropoli di Poggio del Sole, una spettacolare decorazione frontale policroma con scena di battaglia in piazza San Jacopo (480 a.C.), una serie di teste di ritratti e busti votivi da via della Società Operaia (II-I a.C:), e reperti provenienti dal grande santuario di Castelsecco (tavole decorate, altare in pietra e statua votiva di bambino fasciato) e una pietra divinatoria incisa. Anfora attica della Casalta e rimozione di Ippodamia dall’area necropoli, Scuola dei Pittori della Media (420-410 aC) e sepolture dell’antico periodo etrusco Scultura Torso di Marciano.

La sezione romana, dal canto suo, comprende mosaici, bronzetti, sculture, iscrizioni, lapidi, ritratti e corredi funerari, tra cui la preziosa opera di una fanciulla rinvenuta nei pressi della "Puglia".
Il museo ospita anche la più ricca collezione al mondo di vasi aretini in terracotta, anticamente noti come Arretina vasa, prodotti ad Arezzo nella metà del I secolo a.C e la metà del I secolo d.C , rendendo famosa la città in epoca antica e moderna. Nella Sala dei preziosi, al primo piano si possono ammirare il ritratto maschile in crisografia - oro su vetro - (seconda metà del III secolo d.C.) e il magnifico cratere attico con Amazzonomachia, capolavoro del vasaio Eufronio (510 - 500 aC).

Tra le novità più significative segnaliamo "ArcheoArezzo App - Il Museo Archeologico Nazionale di Arezzo in realtà aumentata", ovvero un’applicazione gratuita in realtà aumentata che accompagna i visitatori alla scoperta del Museo Archeologico Nazionale e dell’Anfiteatro Romano di Arezzo. Il progetto è stato finanziato tramite Art bonus, e anche con il contributo di Fondazione Promo PA per la stampa di materiale informativo e Sintra Consulting S.r.l. per la versione inglese. L’App con le sue mappe, immagini e tanti contenuti testuali e audio, si presenta come un ottimo ausilio per un’esperienza conoscitiva completa e coinvolgente.

Orari

Lunedì - Sabato
09:00 am-07:00 pm
Domenica
02:30 pm-07:00 pm
Museo Archeologico Nazionale Gaio Cilnio Mecenate
Via Margaritone, 10, 52100 Arezzo AR, Italia
Chiama +39057520882 Sito Web

Ti potrebbe interessare

UNESCO
1175434156

Il centro storico di Firenze, tra i più belli al mondo

Cicloturismo
Photo by Alice Russolo

Toscana con vista: percorsi in bicicletta tra panorami mozzafiato

Tour e esperienze
Toscana in auto tra natura, arte e sapori unici

Toscana in auto tra natura, arte e sapori unici

Artigianato e design
Carrara: la perla marmorea

Carrara: la perla marmorea

Spiritualità
La via Francigena toscana, dove il tempo sembra essersi fermato

La via Francigena toscana, dove il tempo sembra essersi fermato

Enogastronomia
Viaggio gourmet in Toscana alla scoperta della sua biodiversità

Viaggio gourmet in Toscana alla scoperta della sua biodiversità

UNESCO
Le Ville dei Medici in Toscana

Le Ville dei Medici in Toscana

UNESCO
San Gimignano, un viaggio nel fascino del Medioevo e nella magia della Natura

San Gimignano, un viaggio nel fascino del Medioevo e nella magia della Natura

Arte e cultura
Città d’arte, paesaggi da sogno e buon cibo: la Toscana è il sogno di ogni turista

Città d’arte, paesaggi da sogno e buon cibo: la Toscana è il sogno di ogni turista

UNESCO
Pienza, la città ideale di nome e di fatto

Pienza, la città ideale di nome e di fatto

UNESCO
157437595

Montecatini Terme, storico centro termale in Toscana

Arte e cultura
Caffè storici di Firenze

Caffè storici di Firenze

Città d'arte
1145040590

Alla scoperta di Firenze, la città simbolo del Rinascimento

Città d'arte
479035945

Cosa vedere a Firenze in due giorni

Tour e esperienze
857440936

8 esperienze per vivere Firenze in modo alternativo

Borghi
Montepulciano

Montepulciano

UNESCO
Pisa e piazza dei Miracoli, gioielli di straordinaria bellezza

Pisa e piazza dei Miracoli, gioielli di straordinaria bellezza

Enogastronomia
Photo by: Thomas Williams and Meagen Collins

Le specialità DOP e IGP della Toscana

Arte e cultura
Prato, dove l'arte ti abbraccia a ogni passo

Prato, dove l'arte ti abbraccia a ogni passo

UNESCO
Siena e il fascino discreto del suo centro storico

Siena e il fascino discreto del suo centro storico

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.