Salta il menu

Galleria Parmeggiani

Panoramica

La collezione dei musei civici è nata dalla raccolta dello scienziato Lazzaro Spallanzani (Scandiano 1729 - Pavia 1799) e si trova nell’antico convento dei Frati Minori Conventuali. Nei Musei Civici possiamo vedere collezioni di archeologia, storia naturale e storia della città. La Collezione Spallanzani comprende reperti litologici e zoologici con forme di vita marine, fossili e minerali. Sono esposti anche oggetti personali e di arredo, e ricordi di un viaggio in Turchia, un raro gioco della dama in ambra, vasi di alabastro, piccole sculture, soprammobili realizzati con conchiglie, tavole zoologiche. L’attuale percorso museale è ideato da Alfredo Jona (1846-1929), che ordinò e classificò il nucleo originario alla fine dell’Ottocento secondo gli enunciati tassonomici linneani. Le collezioni naturalistiche si completano con le raccolte zoologiche esposte nella sala Vallisneri, comprendenti una sezione dedicata alla fauna locale, con gli esemplari esotici della Collezione Franchetti. Ricordiamo infatti la collezione dell’agronomo reggiano Filippo Re (1763-1817) con circa ottomila esemplari e di erbari Bertolini (inizi del XIX secolo) e Cremona Casoli (sec. XX). Nelle vetrine sono esposti oggetti personali del medico e naturalista Antonio Vallisneri (1661-1730), del naturalista Bonaventura Corti (1729-1813) e del fisico Leopoldo Nobili (1784-1835).

Nel Museo Romano troviamo invece i reperti dell’età romana ritrovati duranti gli scavi degli anni Cinquanta nel centro di Reggio sotto la guida di Mario Degani. Nel 1975 la collezione è stata organizzata da Giancarlo Ambrosetti, poi completata tra il 1997 e il 1998 con ordinamento tematico. Nella prima sala vediamo subito un magnifico pavimento a mosaico proveniente da una domus di via S. Carlo. Troviamo poi campionature di anfore vinarie ed olearie e vasellame di uso domestico e frammenti di statuaria. Il percorso continua con una sezione epigrafica ed una dedicata ai culti: frammenti scultorei di divinità, ritratti funerari, elementi ornamentali per case e giardini. Sono visibili anche decorazioni parietali policrome e frammenti architettonici in marmo; il tema dell’idraulica è esposto da fistulae in piombo e da tubuli in terracotta.

Il Portico dei Marmi raccoglie la collezione voluta da Gaetano Chierici nel 1875 e si trova nel portico del chiostro di S. Francesco. Sono esposti oltre 200 pezzi romani: stele funerarie, cippi, statue di vari personaggi, urne cinerarie, frammenti architettonici, altari, in larga parte risalenti alla prima età imperiale e provenienti da Brescello, Goleto di Boretto, San Maurizio e Reggio Emilia. I materiali dal Medioevo al Settecento sono circa 350 con lapidi, sculture, colonne e capitelli. Segnaliamo una Madonna con Bambino della seconda metà del XIII secolo, la vasca battesimale con i simboli degli Evangelisti della fine del Mille e il portale di palazzo Fontanelli attribuito a Bartolomeo Spani (1517) e un’acquasantiera di Prospero Sogari detto il Clemente. Sulle pareti sono visibili importanti mosaici databili alla prima età imperiale romana e dall’XI al XII secolo, e che provengono da quattro chiese reggiane: S. Giacomo Maggiore, S. Prospero, S. Tommaso e dal Duomo. Il ciclo, raccolto tra il 1874 e il 1919 dal Chierici e da Naborre Campanini, illustra l’economia agricola e lo sviluppo della città.

Nel Museo Chierici troviamo, infine, la collezione paletnologica del Museo di Storia Patria, istituito nel 1862 da don Gaetano Chierici (1819-1886), fondatore della scuola paletnologica italiana. L’esposizione è divisa in tre sezione, una provinciale e due extraprovinciali, con 115 vetrine che espongono materiali dell’archeolitico, del neolitico, eneolitico, del Bronzo e del Ferro, dell’età romana con materiali che provengono dalle necropoli attorno a Brescello, e dell’età barbarica con corredi di tombe longobarde. Da segnalare i reperti recuperati dal Chierici a Ca’ di Marco, nelle caverne della Pianosa e nei siti di Bellanda e Demorta, alcuni sepolcri dell’età del rame e del ferro, da Remedello e Sant’Ilario d’Enza. Non meno importanti sono i materiali etnografici dell’America settentrionale, collezionati da Antonio Spagni (1809-1876), che li donò alla città di Reggio nel 1844. La carta archeologica della provincia di Reggio e i cimeli che documentano l’impegno politico di Chierici a favore dell’Unità d’Italia completano la collezione.



















Orari

Lunedì
Chiuso
Martedì - Venerdì
03:00 pm-06:00 pm
Sabato - Domenica
10:00 am-01:00 pm
03:00 pm-06:00 pm
Galleria Parmeggiani
Corso Benedetto Cairoli, 2, 42121 Reggio Emilia RE, Italia
Chiama +390522451054 Sito Web

Ti potrebbe interessare

Città d'arte
Modena: città d'arte, terra di motori e del gusto

Modena: città d'arte, terra di motori e del gusto

Enogastronomia
Emilia, tutta la bontà del Prosciutto di Parma

Emilia, tutta la bontà del Prosciutto di Parma

Enogastronomia
Photo by: Marco Fortini

Emilia Romagna: viaggio alla scoperta del tortello

Enogastronomia
Emilia-Romagna, dove la gastronomia è un impero dei sensi

Emilia-Romagna, dove la gastronomia è un impero dei sensi

Enogastronomia
Parmigiano

Parmigiano Reggiano: l’eccellenza

Arte e cultura
Presepe della Marineria, Cesenatico - Emilia-Romagna

Emilia-Romagna, dove ospitalità, divertimento e buona cucina vi sedurranno

Musei e monumenti
Una sala del Museo Ferrari - Maranello, Emilia Romagna. Photo by: ENIT - Agenzia Nazionale del Turismo, licenza CC BY-NC-SA <https://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/4.0/deed.it>

Musei Ferrari: da Modena a Maranello, in viaggio con le “rosse”

Enogastronomia
Parma

Musei del cibo di Parma

Città d'arte
Ferrara

In viaggio a Ferrara, ore preziose a passeggio nella storia

Spiritualità
Emilia Romagna, la via Francigena si fa cultura

Emilia Romagna, la via Francigena si fa cultura

Città d'arte
Piazza Maggiore e Basilica di San Petronio - Bologna, Emilia-Romagna

Bologna: giovane, colta e generosa

Cicloturismo
emilia romagna cycle tourism disability

In Emilia Romagna, cicloturismo accessibile anche a persone con disabilità

Enogastronomia
Via della Lana e della Seta - Emilia Romagna.

Emilia Romagna: viaggio nel cuore della Food Valley

Enogastronomia
Cappellacci

Emilia Romagna, esperienze da vivere nella terra dei sapori

Sport
Cerreto Laghi, sciare tra natura e romantici corsi d’acqua

Cerreto Laghi, sciare tra natura e romantici corsi d’acqua

Sport
Neve, sport e divertimento in Emilia Romagna: cosa fare, dove sciare

Neve, sport e divertimento in Emilia Romagna: cosa fare, dove sciare

Divertimento
motor valley

Adrenalina pura tra storia e passione nella Motor Valley

Musei e monumenti
Museo Enzo Ferrari

Museo Enzo Ferrari

Musei e monumenti
Silhouette di spalle di un uomo con delle cuffie che gioca con un videogame davanti a un grande schermo in una stanza scura

Bologna: Videogame Art Museum, un museo per “smanettoni”

Cicloturismo
Ravenna

Emilia Romagna, pedalando tra arte e cultura

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.