Salta il menu

Teatro Comunale Laura Betti

Panoramica

Questo teatro si trova in una posizione centrale del paese e si distingue per la sua solidità ed eleganza esterna. L’edificio, risalente agli anni Venti, è stato recentemente restaurato e presenta una struttura solida con un corpo centrale alto e una fascia di coronamento, mentre le due appendici laterali sono più basse e includono una grande terrazza.
L’edificio originariamente progettato per essere una "casa del Fascio" con una sala riunioni e una galleria, è stato successivamente ampliato per soddisfare le esigenze della comunità, che aveva bisogno di un luogo adatto per riunioni, conferenze e spettacoli. Il progetto è stato autorizzato dall’ingegnere Carlo Tornelli di Bologna, e risale al periodo tra il 1921 e il 1926. Il teatro è stato ceduto al Comune, che si è impegnato a completare i lavori e ad aprire l’edificio al pubblico a un costo di £460.000, di cui £400.000 per la struttura e £60.000 destinati agli arredi.

All’interno dell’edificio è stato installato un teatro a pianta dalla forma rettangolare, in cui era possibile trovare un vestibolo d’ingresso. Al piano più basso dell’edificio, vi era un immenso palcoscenico, una platea e un’orchestra con un incavo a golfo mistico. Al piano superiore c’era una galleria centrale a forma di anfiteatro, due corpi posti sui lati (a balconata per i palchi), oltre a delle stanze usate come camerini e uffici amministrativi.
Il teatro, che poteva anche essere utilizzato come cinema, è stato gestito da un privato a partire dal 1930, purché lo usasse in modo limitato per quattro sere e non oltre, a settimana. Mentre, il resto della settimana era a disposizione del Comune. Negli anni successivi sono state effettuate alcune opere di risistemazione, ma nel 1963 è stato necessario un restauro più radicale, affidato all’architetto Adriano Marabini dell’Ufficio Tecnico Comunale.

La sala del teatro ha riaperto nel 1989 e dal 2005 è gestita da ERT Emilia-Romagna Teatro Fondazione. L’ultimo restauro è stato iniziato durante l’anno 1987-88, rendendo l’aspetto del teatro più funzionale e moderno, senza conservare tracce della sua disposizione originale. Dal 1998-99, il foyer del teatro è protagonista di molteplici iniziative espositive, al fine di promuovere l’arte contemporanea, variegate proposte culturali, e nuove opportunità per far conoscere le espressioni dialettali e il linguaggio di un pubblico artistico e diversificato.

Orari

Lunedì - Martedì
Chiuso
Mercoledì
03:30 pm-06:00 pm
Giovedì
Chiuso
Venerdì - Sabato
03:30 pm-06:00 pm
Domenica
Chiuso
Teatro Comunale Laura Betti
Piazza del Popolo, 1, 40033 Casalecchio di Reno BO, Italia
Chiama +39051570977 Sito Web

Ti potrebbe interessare

Relax e benessere
Fughe di coppia nella Wellness Valley dell’Emilia Romagna

Fughe di coppia nella Wellness Valley dell’Emilia Romagna

Enogastronomia
Cappellacci

Emilia Romagna, esperienze da vivere nella terra dei sapori

Natura
Cimone

6 tappe tra i segreti della natura bolognese

Divertimento
motor valley

Adrenalina pura tra storia e passione nella Motor Valley

Sport
Neve, sport e divertimento in Emilia Romagna: cosa fare, dove sciare

Neve, sport e divertimento in Emilia Romagna: cosa fare, dove sciare

Arte e cultura
gite fuori porta a bologna

5 gite fuori porta a Bologna imperdibili in Erasmus

Enogastronomia
Photo by: Marco Fortini

Il Quadrilatero del gusto di Bologna

Città d'arte
Cosa vedere a Bologna in due giorni

Cosa vedere a Bologna in due giorni

Città d'arte
Piazza Maggiore e Basilica di San Petronio - Bologna, Emilia-Romagna

Bologna: giovane, colta e generosa

UNESCO
I Portici di Bologna, a passeggio nella storia

I Portici di Bologna, a passeggio nella storia

Natura
Bologna, i luoghi verdi da non perdere

Bologna, i luoghi verdi da non perdere

Natura
I paesaggi dell'Emilia Romagna

I paesaggi dell'Emilia Romagna

Enogastronomia
Esperienze enogastronomiche a Bologna e dintorni

Esperienze enogastronomiche a Bologna e dintorni

Enogastronomia
Mortadella

La mortadella di Bologna

Enogastronomia
Emilia-Romagna, dove la gastronomia è un impero dei sensi

Emilia-Romagna, dove la gastronomia è un impero dei sensi

Cicloturismo
L’Emilia Romagna in bici tra mare, entroterra e Sangiovese

L’Emilia Romagna in bici tra mare, entroterra e Sangiovese

Cicloturismo
Ravenna

Emilia Romagna, pedalando tra arte e cultura

Enogastronomia
Photo by: Marco Fortini

Emilia Romagna: viaggio alla scoperta del tortello

Relax e benessere
Emilia Romagna, il patrimonio delle terme storiche

Emilia Romagna, il patrimonio delle terme storiche

Città d'arte
Modena: città d'arte, terra di motori e del gusto

Modena: città d'arte, terra di motori e del gusto

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.