Salta il menu

Museo Nazionale "Giovanni Antonio Sanna"

Panoramica

Costituendo uno dei principali luoghi di conservazione museale della Sardegna centrosettentrionale, per la grandezza e la rilevanza delle sue raccolte, il Regio Museo di antichità ed arte G.A. Sanna è stato istituito nel 1878 come Regio Museo Antiquario. Nel 1931 ha trovato un’opportuna sede espositiva in una struttura costruita appositamente. La donazione delle raccolte archeologiche e storico-artistiche di un senatore e imprenditore sassarese è stata accompagnata da quelle private (Chessa, Dessì, Clemente ecc.) e dai materiali provenienti dagli scavi della locale Soprintendenza. La necessità di più spazi ha portato alla costruzione di nuovi padiglioni e nel 1973 il museo è stato riaperto con un nuovo assetto. Negli ultimi anni l’offerta culturale si è ampliata notevolmente: nel 2000 sono state inuagurate le sezioni medievale e moderna, e nel 2011, dopo oltre vent’anni di chiusura, dovuta a problemi di deterioramento dei materiali, è stata riaperta la sezione etnografica. Attualmente il museo si articola in due sezioni, archeologica ed etnografica. La sezione archeologica documenta la storia dei territori delle province di Sassari, Nuoro, Gallura ed Ogliastra dal Paleolitico Inferiore (500.000 anni a.C.) al XVIII secolo. Esplora le fasi della preistoria, dell’età nuragica, fenicio-punica, romana, medievale e moderna, integrando una disposizione cronologica con quella topografica, che approfondisce i siti e i contesti di maggiore rilievo (il santuario di Monte d’Accoddi, le tombe ipogeiche prenuragiche, la città di Turris Libisonis). Per facilitare l’apprendimento è stata aggiunta una vasta gamma di strumenti didattici, tra cui plastici, calchi di monumenti ed un ologramma riguardante le fasi architettoniche del santuario di Monte d’Accoddi. La sezione etnografica include una collezione di oggetti demoetnografici sardi, la più vecchia dell’isola, composta da tessuti, gioielli, cesti, abiti e mobili tradizionali del XIX e XX secolo, in gran parte appartenenti alla collezione Clemente. In attesa di ampliare gli spazi espositivi disponibili, è stata allestita per ora una sola sala, dedicata agli abiti tradizionali sardi (seconda metà dell’Ottocento -prima metà del Novecento), ordinati per aree geografiche.

Orari

Lunedì
Chiuso
Martedì - Domenica
09:00 am-07:30 pm
Museo Nazionale "Giovanni Antonio Sanna"
Via Roma, 64, 07100 Sassari SS, Italia
Chiama +39079272203 Sito Web

Ti potrebbe interessare

Siti storici
La Sardegna degli antichi Romani, tra terme, anfiteatri e antiche colonie

La Sardegna degli antichi Romani, tra terme, anfiteatri e antiche colonie

Arte e cultura
Poltu Quatu, Sardegna

Sardegna, terra di mare smeraldo, nuraghi e tradizioni millenarie

Natura
Da Arzachena alla Costa Smeralda, tra lusso e mondanità

Da Arzachena alla Costa Smeralda, tra lusso e mondanità

Natura
Sardegna Wildlife

Sardegna Wildlife

Siti storici
La Sardegna archeologica

La Sardegna archeologica

Tour e esperienze
Il Trenino Verde della Sardegna: la riscossa della lentezza

Il Trenino Verde della Sardegna: la riscossa della lentezza

Siti storici
Sulcis - Nuraghe Sirai

Le Domus de Janas in Sardegna: alla scoperta delle tombe scavate nella roccia

UNESCO
Barumini e i suoi nuraghi, l’altro lato della Sardegna

Barumini e i suoi nuraghi, l’altro lato della Sardegna

Borghi
I Murales di Orgosolo

I Murales di Orgosolo

Arte e cultura
cagliari

La vista migliore su Cagliari: 12 punti panoramici che regalano uno spettacolo imperdibile

Mare
Dalla Costa Paradiso a Palau, tra spiagge e cultura

Dalla Costa Paradiso a Palau, tra spiagge e cultura

Spiritualità
Il cammino delle 100 Torri in Sardegna, un'esperienza intensa alla ricerca di viste mozzafiato e spiritualità

Il cammino delle 100 Torri in Sardegna, un'esperienza intensa alla ricerca di viste mozzafiato e spiritualità

Enogastronomia
Profumo di pane e tradizioni: l’arte della panificazione in Sardegna

Profumo di pane e tradizioni: l’arte della panificazione in Sardegna

Sport
jogging in autunno sardegna

Jogging in autunno è la bellezza di correre fronte acqua: il segreto dello sport in Sardegna

Enogastronomia
storia del pecorino sardo

La regione Sardegna attraverso la pizza di Gino Sorbillo

Enogastronomia
il pane carasau e la sardegna

Alla scoperta del simbolo della Sardegna: il pane carasau

Sport
Canyoning-Sardegna

Sardegna, dove il canyoning va dalla montagna al mare

Relax e benessere
sardegna digital detox

Sardegna: meta ideale per una pausa all’insegna del digital detox

Enogastronomia
Pecorino Sardo

Il pecorino sardo

Siti storici
Menhir e dolmen, le antiche civiltà della pietra in Sardegna

Menhir e dolmen, le antiche civiltà della pietra in Sardegna

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.