Salta il menu

Per le ultime informazioni sulle restrizioni di viaggio relative al COVID-19 in Italia. Fai click qui.

Vivi un momento di relax insieme alla tua famiglia, fatti coccolare dalle vacanze in Italia
 

Quando si tratta di una vacanza in famiglia, mare o montagna che sia, l’importante è scegliere una destinazione che possa accontentare tutti. E l’Italia, con la sua abbondanza di attrazioni e divertimenti, è in grado di soddisfare tutti, regalando emozioni senza eguali da 0 a 99 anni.

Viaggi in famiglia 234 risultati di ricerca
Natura

Arabba

Arabba: il comprensorio più amato dagli sciatori esperti Uno snowpark perfetto per tutta la famiglia, piste per tutti i livelli di difficoltà e magica vista sulla Marmolada: se è vero che Arabba piace molto a chi gli sci li indossa da tempo, resta comunque una destinazione indicata per chiunque ami la neve e gli sport invernali. Questa località veneta, in provincia di Belluno, sorge nel cuore del Dolomiti Superski, il più grande comprensorio sciistico del mondo. Tutti i numeri di Arabba 62 chilometri di piste per lo sci e lo snowboard, 28 impianti di risalita, 1 snowpark con 3 linee, 15 chilometri per sci di fondo. E se non vi basta, potete raggiungere i 3.343 metri della Marmolada e godere di tutta la sua maestosa meraviglia. Volete ancora di più? Potete concedervi il lusso di provare i 12 chilometri della “Bellunese”, la pista più lunga di Dolomiti Superski. Escursioni da brivido e pendii per tutti i gusti Ci troviamo a un’altitudine compresa tra i 1.446 e i 3.269 metri e ogni sciata è un’emozione unica, garantita per tutta la stagione. Un’esperienza che vi consigliamo di non perdere è il Giro della Grande Guerra, lungo un tragitto disseminato di reperti, trincee e fortini legati alla Prima Guerra Mondiale. Insieme al ghiacciaio della Marmolada, di cui abbiamo accennato prima, rappresenta una delle alternative davvero particolari durante una vacanza sulla neve. Chi non è interessato a escursioni troppo impegnative può trascorrere momenti di puro divertimento prendendo parte a un’escursione con le ciaspole, le cosiddette racchette da neve, per vivere qualche ora a diretto contatto con la natura. Un comprensorio non troppo affollato Uno dei punti di forza di Arabba è che non è troppo nota. La cittadina più alta tra quelle che gravitano intorno al Gruppo del Sellaronda vanta piste “nere” di livello impegnativo, dove a volte ci si può ritrovare totalmente da soli. Uno sguardo di insieme sulle piste e il territorio Arabba è collegata con Malga Ciapela-Marmolada da un lato e con le principali località di Sellaronda, Alta Badia e Canazei dall’altra. Gli impianti sono tutti panoramici e confortevoli, per non parlare delle piste per lo sci alpino, che presentano una vera e propria finestra sul Sella e sulla Marmolada. Se cercate discese mozzafiato tra boschi e rocce, dovete provare Porta Vescovo. Per i freeride, gli itinerari offerti dal territorio sono di diversa difficoltà. I più esperti, accompagnati da una guida esperta, possono scendere attraverso ripidi canali che sembrano disegnare le pareti delle Dolomiti. Non meno interessanti sono i tour guidati per lo sci alpinismo, con le racchette da neve o le arrampicate su ghiaccio. Un consiglio prima di tornare a casa Durante la vostra vacanza vi consigliamo di lasciare per un attimo sci e scarponi e prevedere un giro nel caratteristico borgo di Sottoguda (fa parte del comune di Rocca Pietore), considerato tra i più belli d’Italia. L’antico villaggio, grazie alla sua architettura rurale centenaria immersa nella natura è bellissimo a ogni ora del giorno e al crepuscolo sembra un piccolo presepe.
Relax & Benessere

Comano

Comano Terme, la vacanza slow ai piedi delle Dolomiti di Brenta Immersa nella natura delle Valli Giudicarie Esteriori, là dove il territorio del Garda cede il passo alle Dolomiti di Brenta, c’è Cormano Terme, in provincia di Trento: i locali la chiamano “valle salute”, o “valle salus”, perché, grazie alle acque termali che vi sgorgano, particolarmente efficaci nelle terapie dermatologiche, e a un paesaggio tutto da scoprire, qui troverete la destinazione più propizia per conciliare il benessere del corpo e dello spirito Cormano Terme, centro termale d'eccellenza che si trova al centro di una vallata assolata, circondata da altipiani, montagne incantate e borghi rurali, riconosciuta dall’Unesco tra le riserve mondiali di biosfera, è infatti il luogo ideale per una vacanza rigenerante, a contatto diretto con la natura, all’insegna della tranquillità, della vita slow e del turismo sostenibile. Un percorso di benessere a 360 gradi Conosciuta già in epoca romana, come attesta il ritrovamento di celle termali e condotte in terracotta, l’acqua bicarbonato calcio magnesiaca di Comano, sgorga a una temperatura costante di 27 gradi: questo rende la sua azione detergente, sedativa e riparatrice particolarmente indicata per la cura della pelle e di svariate patologie: eczemi, dermatiti, psoriasi e orticaria, soprattutto nei bambini, dalla prima infanzia all'adolescenza. Seguiti dai dottori-clown, pedagogisti e psicologi, e inseriti in programmi terapeutici che includono giochi, coccole e laboratori da seguire con i genitori, sono tantissimi i ragazzini che ogni anno raggiungono questo stabilimento per un periodo di cure con effetti duraturi nel tempo. C’è anche una sezione dedicata alla fisioterapia, che si occupa prevenzione, trattamento e riabilitazione; mentre all’interno del centro beauty e wellness potrete sottoporvi a massaggi e trattamenti estetici e correttivi. All’esterno, un grande parco attrezzato, attraversato da sentieri e piste di jogging, coronerà il vostro percorso di benessere a 360 gradi. Comano d’inverno: snow park per famiglie e grandi autostrade innevate Se arrivate qui d’inverno e amate sciare, a una manciata di chilometri trovate Bolbenolandia: area attrezzata per famiglie, con piste da sci, asilo sulla neve e animazione dedicata ai più piccoli, mentre la vicina Fiavé ospita un anello per lo sci di fondo e una pista per il pattinaggio su ghiaccio. Per chi preferisce non rifare mai due volte la stessa pista, le grandi autostrade innevate dei comprensori sciistici di Andalo-Fai della Paganella e Pinzolo-Madonna di Campiglio sono comunque vicine e a portata d’auto. Nel Parco naturale Adamello Brenta è poi anche possibile fare escursioni armati di ciaspole e racchette. A zonzo tra archeopalafitte, castelli e borghi stregati Se invece preferite il turismo culturale, troverete irresistibile la passeggiata segnalata della zona archeologica di Fiavè: lungo uno dei siti più interessanti della preistoria europea, scoprirete le rovine di villaggi su palafitte che risalgono all’età del bronzo; mentre sopra Lundo, sul monte San Martino, potrete ammirare i resti ben conservati di un insediamento fortificato fondato di età tardo-antica. Se poi andate alla scoperta dei tanti borghi contadini della vallata, consigliamo Rango, con le sue fontane e le case in pietra e legno, inserito dal Touring Club tra i “Borghi più belli d’Italia” e sede in inverno del tradizionale mercatino di Natale. Una leggenda narra che la piccola frazione di Balbido, nel comune di Bleggio Superiore, che ospita anche murales d’autore, fosse un tempo infestata dalle streghe, ritenute responsabili delle catastrofi naturali che si scatenavano in zona. Per allontanarle, gli abitanti eressero cinque croci in ferro all’imbocco della valle, una delle quali ancora visibile. Merita di essere visitato, anche all’interno, pure il Castello di Stenico: dalle sue finestre si sente il rumore delle cascate del rio Bianco e si gode di una vista meravigliosa su tutta la valle. Itinerari gustosi lungo le tappe dei prodotti tipici locali Sede di numerosi presidi Slow Food, Comano e la sua valle vi tenteranno con i Sentieri del Gusto, quattro itinerari dedicati ai prodotti tipici: la noce del Bleggio, dall’inconfondibile gusto speziato e il guscio facile da rompere, utilizzata per cucinare torte o pagnotte o nel tipico salame alle noci, la patata di Lomaso, il latte e la famosa ciuiga del Banale, un salume unico in Italia, un tempo prodotto con le parti meno nobili del maiale a cui venivano aggiunte rape bianche cotte e tritate, oggi invece realizzato con carne suina scelta, ma sempre secondo la tradizione. Vi è venuta fame? Comano vi aspetta!