Salta il menu

Per le ultime informazioni sulle restrizioni di viaggio relative al COVID-19 in Italia. Fai click qui.

Sport

Trentino

In Val di Sole, dove il divertimento non tramonta mai

2 minuti

Le cime maestose dell’Adamello e dell’Ortles-Cevedale e i comprensori moderni e ben collegati, le piste ciclabili, le terme e perfino un trenino che da Trento vi porta agli impianti di risalita: benvenuti in Val di Sole, vallata nord occidentale della provincia di Trento che va dal Parco naturale Adamello Brenta al Parco dello Stelvio e al massiccio dell’Ortles-Cevedale.

1. Folgarida e Marilleva, movida e family park

Più che due località sciistiche Folgarida e Marilleva costituiscono un immenso carosello sciistico collegato a Madonna di Campiglio, con oltre 150 km di piste.

A Marilleva, concepita come un villaggio turistico, i moderni complessi residenziali hanno accesso diretto agli impianti e la sera diverse piste sono illuminate, offrono musica e animazione. Un paradiso per gli amanti della movida.

Folgarida invece è un paradiso per i genitori, grazie al suo apprezzatissimo Familiy Park pensato per i bambini alle prime esperienze sulla neve, con animatori professionisti, maestri da sci, due skylift e una pista di snow tubing. In zona anche 4 snow park per gli amanti della tavola e alcune piste dove è consentito l’utilizzo della snow-bike, la bicicletta che al posto delle ruote monta due tavole da snowboard e si guida con il manubrio. E poi, ovvio una pista da slittino: tre chilometri di adrenalina pura dal monte Spinale tra i prati di malga Fevri fino alla seggiovia.

2. Sulle piste con il Dolomiti Express

A sciare in treno, senza l’incubo del traffico e del parcheggio, e facendo un favore al Pianeta. Si può fare con il Dolomiti Express: partenza da Trento, in poco più di un’ora si arriva alla stazione di Daolasa, direttamente collegata agli impianti di risalita della Val di Sole. A disposizione degli sciatori, locali per il deposito dell’attrezzatura e per cambiarsi, e un servizio di skibus gratuito.  

3. Le acque minerali di Pejo, un dono della montagna

Alle Terme di Pejo, aperte anche in inverno, le acque minerali che sgorgano dalle sorgenti e provengono dal massiccio dell’Ortles-Cevedale sono un toccasana per articolazioni, vie respiratorie, circolazione e apparato digerente. Provatele nella piscina e nell’area wellness. E verificate le proprietà calmanti e tonificanti della speciale stube con le essenze di cirmolo. 

4. Passo del Tonale e Parco dello Stelvio

Dalla zona di Pejo si entra nel Parco Nazionale dello Stelvio, area protetta che arriva oltre i 2000 metri: qui la natura incontaminata invita a fare passeggiate con le ciaspole e a percorrere itinerari di sci nordico. Dal comprensorio della Val di Sole si arriva al passo del Tonale e Pontedilegno, e quindi in Lombardia: qui si scia sul ghiacciaio Presena, dove le piste aprono molto presto in autunno e chiudono a primavera inoltrata: d’estate invece il ghiacciaio viene ricoperto con speciali teli geotessili per rallentarne la fusione dovuta al riscaldamento del clima.