Canyoning, nel cuore della terra

Ogni anno nel nostro paese vengono esplorati ed attrezzati nuovi percorsi dove praticare questa emozionante attività, andando alla scoperta di gole e canyon diversamente non raggiungibili. Nell’arco alpino, lungo gli Appennini o sulle isole: sono numerosi gli scenari in cui avventurarsi in vere e proprie incisioni o spaccature del terreno, in cui spesso si insinuano le acque di torrenti e fiumi. I percorsi si affrontano in gruppo, sempre con guide locali esperte che conoscono segreti e insidie dei differenti territori. L’esperienza è da togliere il fiato, specialmente quando all’improvviso ci si trova ”dentro” la terra, con la luce che filtra dall’alto e rende l’atmosfera surreale. E si prosegue tra arrampicate, tuffi in piscine naturali di rara bellezza, discese e risalite di scenografiche cascatelle.

Potrebbe interessarti anche:

È incredibile la varietà di colori e sfumature che, in base al variare della luce e dei fondali, fa brillare di luce propria le pozze e le piscine naturali del corso del Chiese, fiume che prende vita sull’Adamello e corre in Trentino. Nel suo snodarsi offre diversi livelli di difficoltà, per cui può essere alla portata di tutti.

Scopri di più: www.visittrentino.info

Canyoning-Friuli Venezia Giulia

Dopo una passeggiata di circa mezz'ora nel bosco si arriva alla stretta di Fleons, un canyon da cui sgorga il torrente Degano, la cui acqua oligominerale - alla sorgente - viene anche imbottigliata. Proseguendo in Val Fleons si incontrano trincee e fortificazioni risalenti alla Prima Guerra Mondiale.

Scopri di più: www.turismofvg.it

Fare canyoning nelle Gole del Salinello significa trascorrere una giornata emozionante, in una delle riserve naturali più belle del Centro Italia, a sua volta inserita nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. Lunghi tratti profondi e stretti, pareti rocciose alte fino a 200 m. e numerose pozze d’acqua: completano lo scenario diverse cascate, alcune delle quali possono essere superate tuffandosi, altre calandosi con le corde.

Scopri di più: www.gransassolagapark.it

In ogni stagione questo angolo di Liguria riesce a stupire per la sua morfologia unica, dovuta al millenario lavoro di erosione del torrente che attraversa la Val Gargassa (nel più ampio Parco del Beigua) ed ha sagomato canyon costellati di verdi laghetti. Queste eccezionali peculiarità geologiche fanno di Beigua uno dei Geoparchi Unesco d’Italia.

Scopri di più: www.parcobeigua.it

Decisamente riservato ad esploratori competenti, Bacu Padente (termine sardo che identifica una foresta o un bosco) è un canyon calcareo che attraversa il cuore dell’Ogliastra e raggiunge il mare del Golfo di Orosei. Il panorama è a dir poco suggestivo, sulla costa famosa per le acque smeraldine, le falesie e le cale incastonate in un territorio aspro e selvaggio.

Scopri di più: www.sardegnaturismo.it