Lecce in 48 ore

Anche chiamata Firenze del Sud, Lecce è tra le mete da non perdere se decidi visitare la Puglia. Il bianco della pietra leccese, le meraviglie storiche, l’eleganza delle sue forme barocche renderanno indimenticabili le tue prossime 48 ore.

Porta Rudiae
SHARE

GIORNO 1.

Inizia da Porta Rudiae, una delle quattro porte di ingresso al centro storico della città, prima di entrare fermati e ammirarla in tutta la sua grandezza, si tratta della porta più antica di Lecce, sulle sue colonne ci sono i busti dei fondatori della città e in cima la statua di Sant’Oronzo, figura simbolica tanto venerata il Salento.

Piazza del Duomo e Cattedrale di Maria Santissima Assunta
SHARE

Lasciati alle spalle Porta Rudiae ed entra nel centro storico, raggiungi Piazza del Duomo, si trova a pochi minuti a piedi, fatti sorprendere dalla bellezza della Cattedrale di Maria Santissima Assunta e del Campanile. Il bianco della pietra leccese, l’anima barocca della cattedralee dell’intera piaza sono uno spettacolo davvero emozionante. Ti consigliamo di visitarla anche al tramonto, la luce in questo momento è davvero particolare e l’atmosfera è magica. Qui sei nel posto giusto per il tuo primo selfie della giornata.

Prosegui con una visita al Convitto Palmieri, entra nel suo cortile e nei suoi chiostri e ammira la bellezza della Chiesa di San Francesco della Scarpa anche detta chiesa senza facciata perché incastonata all’interno del Convitto. Se ami l’odore dei libri fai una visita alla Biblioteca Bernardini, tra le più grandi della Puglia.

Avvicinandosi l’ora della pausa pranzo non avrai che l’imbarazzo della scelta: tra le piazzette e lungo i vicoli troverai tantissimi ristorantini dove potrai gustare piatti mediterranei rivisitati e sapori della tradizione.Ti suggeriamo di provare i piatti tipici di questa terra, appartenenti all’antico mondo contadino e per questo fatti con ingredienti semplici ma gustosissimi come ad esempio quello che in dialetto si chiama “ciceri e tria”, ovvero pasta e ceci. Si tratta di una pietanza fatta con pasta fresca lunga condita con i ceci e i “frizzuli”, pezzetti di pasta fritta che donano una nota croccante. Un piatto cremoso, dal gusto intenso.

Lecce è una città da visitare a ritmo lento. Nel pomeriggio ti invitiamo a prendere del tempo per respirarne il carattere, la storia e scoprire curiosità. Camminando nel centro storico, raggiungi la Chiesa di Sant’Irene dei Teatini, una perla del barocco leccese fatta di altari preziosi e ricche decorazioni, dedicata alla Santa che fu la patrona della città fino al 1656. Continua la tua passeggiata senza meta tra i vicoli, ti aspettano negozi e laboratori artigiani di ferro battuto, cartapesta, terracotta e di bianca pietra leccese. Troverai certamente ottime idee per un souvenir da portare a casa.

Facciata della Basilica di Santa Croce e del Convento dei Celestini
SHARE

Non puoi dire di aver visitato Lecce senza aver fatto una visita alla Basilica di Santa Croce e al Convento dei Celestini, sono la più alta espressione del barocco leccese e must di visita imperdibile del tuo weekend. Bassorilievi, sculture in pietra, fregi floreali e il grande rosone intagliato rendono la Basilica di Santa Croce un tripudio spettacolare di forme ricche, raffinate ed eleganti. L’adiacente Convento dei Padri Celestini, visitabile in parte, è un altro meraviglioso simbolo del barocco leccese oggi sede della Prefettura.

A fine giornata, se sei in cerca di un luogo dove fare un aperitivo o una cena a base di prodotti locali e godere delle energie positive che solo la movida sa regalare vai verso Porta San Biagio e Piazzetta Santa Chiara, sono luoghi di ritrovo molto frequentati, popolati da diversi ristoranti, locali e pub.

Teatro Romano
SHARE

GIORNO 2

Dopo aver fatto colazione con un pasticciotto, delizioso dolce tipico fatto di pasta frolla e ripieno di crema pasticcera, la prima tappa di oggi è il Teatro Romano. Ti consigliamo di raggiungerlo a piedi entrando da Porta San Biagio, altro ingresso per il centro storico della città. Nascosto tra i palazzi di Lecce e non lontano dalle piazze principali, il Teatro Romano è un piccolo gioiello che ospitava tragedie e commedie. Siediti sui suoi gradini e respira l’atmosfera dell’antica Roma! 

Piazza Sant’Oronzo. Photo by posztos / Shutterstock.com
SHARE

Continua il tour alla scoperta della città e prosegui verso Piazza Sant’Oronzo, piazza principale e altro luogo imperdibile del tuo weekend. Simbolo della storia millenaria di Lecce è il fulcro della vita cittadina. Qui potrai ammirare l’Anfiteatro Romano e la colonna di Sant’Oronzo con i suoi 29 metri di altezza.

Castello di Carlo V
SHARE

Dopo un pranzo veloce fai visita al Castello di Carlo V, in Viale XXV Luglio, un vero e proprio castello del 500’ con le sue meravigliose stanze ed i suoi giardini. Oggi è il polo culturale di Lecce e ospita mostre, eventi culturali e manifestazioni artistiche. Prenota una visita guidata!

Piazza del Duomo
SHARE

Il weekend volge quasi al termine e potresti essere tentato dall’idea di un pomeriggio dedicato agli acquisti. Ti suggeriamo allora una passeggiata tra lo scintillio dei negozi e delle boutique che si affacciano su Piazza Mazzini e su Via Trinchese, la zona dello shopping per eccellenza in città...

Chiudi queste meravigliose 48 ore con una cena e una visita in notturna alla Piazza del Duomo. Illuminata regala un’atmosfera davvero emozionante e surreale.

Approfondimenti:

Potrebbe interessarti anche: