Salta il menu

Per le ultime informazioni sulle restrizioni di viaggio relative al COVID-19 in Italia. Fai click qui.

Arte & Cultura

Emilia Romagna

Le cupole dell’Emilia: itinerario tra chiese, basiliche e cattedrali

Geometrie perfette e complessi calcoli matematici permettono da secoli alle cupole di ergersi verso il cielo: in <strong>Emilia</strong>, e in particolare a Piacenza, Parma e Reggio Emilia, spiccano ovunque, tra <strong>chiese, basiliche e cattedrali.</strong> Qui ospitano capolavori unici e affreschi realizzati da artisti importanti come il Correggio e il Guercino.

 

1. Andar per cupole, con lo sguardo all’insù

La cupola ha diversi significati, soprattutto a livello spirituale e simbolico. Rappresenta la volta celeste e il contatto tra realtà terrena e dimensione divina. Spesso sono arricchite da decorazioni pittoriche strepitose.

Un itinerario a tema si snoda da Piacenza a Parma, fino a Reggio Emilia, passando da centri d’arte e cultura, dove la bellezza la fa da padrona. 

2. Piacenza e la Cattedrale

Photo by: Archivio DTEmilia

La prima tappa è Piacenza con la Cattedrale, all’interno della quale si trova il Museo Kronos che prevede, anche in forma separata, la salita alla cupola: 160 gradini per arrivare alla meta fra percorsi medioevali, scale a chiocciola e sottotetti. Notevoli i continui affacci sia sulla città che all’interno della chiesa. La destinazione finale è il capolavoro realizzato da Giovanni Francesco Barbieri detto il Guercino, tra il 1626 e il 1627. 

3. Piacenza e la Basilica di Santa Maria di Campagna

Questa basilica è un vero e proprio gioiello rinascimentale perfettamente inserito nel contesto del centro storico. Salire sulla cupola non è sempre permesso, ma l’interno è impreziosito da un importante ciclo di affreschi di Giovanni Antonio Sacchi detto il Pordenone, che vi lavorò dal 1528 al 1539.

4. Parma e il suo Battistero

Nel secondo giorno di tour, ci si può spostare a Parma e precisamente nel suo Battistero, dove si trova una cupola suddivisa in 16 spicchi e dipinta a tempera da maestranze bizantineggianti. Ma sono imperdibili le pitture realizzate da Antonio Allegri detto il Correggio nella Camera di San Paolo, all’interno dell’appartamento privato di Giovanna da Piacenza, Badessa del Monastero Benedettino di San Paolo. Qui, nel 1519, il pittore utilizzò un’idea innovativa, in parte ripresa da Mantegna: un pergolato dal quale si affacciano putti e figure allegoriche.

5. Parma e la Basilica di San Giovanni Evangelista

Abbazia di San Giovanni Evangelista, Parma - Emilia Romagna

A Parma, la cupola della Basilica di San Giovanni Evangelista è parte del complesso monastico con il Convento e con la Storica Farmacia di San Giovanni, che riprende Cristo circondato da 11 apostoli con alla base l’anziano Giovanni, protagonista della visione. Correggio mostra grande abilità nel gestire le figure in scorcio con l’architettura di nuvole. 

6. Parma e il Duomo

Parma

La cupola affrescata da Correggio nel Duomo di Parma risale al 1524-1530 e si trova sopra l’altare maggiore. Rappresenta l’Assunzione della Vergine con un linguaggio che all’epoca era molto innovativo e che utilizza audaci prospettive e scorci che raccontano del transito tra terra e cielo in un vortice popolato da putti, santi, nuvole e luce. 

7. Reggio Emilia e l’artistico santuario mariano

A Reggio Emilia la visita raccomandabile è al Tempio della Beata Vergine della Ghiara, eretto dopo un prodigioso miracolo. Alla decorazione partecipò un gruppo di artisti emiliani della prima metà del Seicento e tra questi Ludovico Carracci, Gian Francesco Barbieri detto il Guercino, Lionello Spada e Alessandro Tiarini. La cupola fu affrescata nel Seicento da Lionello Spada, allievo dei Carracci, che dimostrò tutta la sua abilità nell’arte della prospettiva. All’interno della chiesa c’è anche una Crocifissione del Guercino, la sua opera di maggior impegno al rientro da Roma.

 

Per saperne di più

IAT R Piacenza

Piazza Cavalli 7Piacenza (PC)

Tel. + 39 0523 492001iat@comune.piacenza.it

Tel. + 39 0523 492001iat@comune.piacenza.it

 

IAT Parma

Piazza Giuseppe GaribaldiParma (PR)

telefono: + 39 0521 218889turismo@comune.parma.ithttps://www.parmawelcome.it/it/ www.parma2020.it

telefono: + 390521218889 turismo@comune.parma.ithttps://www.parmawelcome.it/en/

Apertura: Annuale

 

IAT Reggio Emilia

Via Luigi Carlo Farini 1/AReggio nell'Emilia (RE)

Tel. + 39 0522 451152 iat@comune.re.ithttps://turismo.comune.re.it/it

Apertura: Annuale