Salta il menu

Museo delle Carrozze

Panoramica

Villa Pignatelli, uno dei più importanti esempi dell’architettura neoclassica napoletana, è caratterizzata dall’opulenza degli elementi adottati e dall’alternanza di stili diversi, tra cui quelli neorinascimentali delle torrette in pietra lavica e quelli di ispirazione greca antica, neopalladiana e neopompeiana. Progettata da Pietro Valente nel 1826, su richiesta del figlio di sir John, primo ministro di Ferdinando IV, l’edificio si trova all’interno di un grande parco che mantiene intatto l’originale impianto disegnato da Guglielmo Bechi.
Nel 1841 la proprietà passò ai banchieri Rothschild, i quali apportarono radicali modifiche all’arredo e all’ampliamento della Villa. In seguito all’Unità d’Italia, i Rothschild vendettero l’edificio al principe Diego Aragona Pignatelli Cortés, il quale introdusse alcuni mutamenti nell’arredo in stile eclettico, tipico della fine dell’Ottocento. Nel 1955 la principessa Rosina Pignatelli, donò allo Stato la Villa e il relativo parco circostante, fondando così il Museo intitolato a Diego Aragona Pignatelli Cortés.
L’appartamento dispone di tre salotti, ciascuno con foto di personaggi famosi alle pareti. Dalla sala azzurra si accede al grande salone delle feste, che custodisce autografi di personaggi illustri che hanno visitato la Villa. La camera rossa è più lussuosa e dispone di una veranda che collega l’ingresso con la monumentale veranda neoclassica. La sala verde collega la Biblioteca con la sala da pranzo, ora stata riportata al suo antico splendore, e dispone di un tavolo con piatti e posate di casa Pignatelli.
L’insieme di mobili e ceramiche è testimonianza di una collezione fuori dal comune, il cui aspetto più sorprendente è il gran numero di oggetti in ceramica, dai vasi cinesi e giapponesi alle porcellane provenienti da diverse manifatture europee. Tra le produzioni napoletane si segnalano alcune porcellane della Real Fabbrica di Capodimonte, maioliche delle manifatture Giustiniani e Del Vecchio, ceramiche di Francesco Securo e un raffinato biscuit raffigurante Carolina Murat, realizzato nella manifattura Poulard Prad.
Dopo il restauro della Villa e del Parco, nel 2015 sono state riaperte al pubblico alcune sale private del primo piano: il bagno del principe, con la bellissima vasca in marmo di Carrara decorata con lo stemma principesco, lo studiolo della principessa e il suo boudoir. Per quest’occasione furono ricollocati gli arredi, i dipinti, le sculture e i grandi vasi decorati.
Il Museo delle Carrozze è un museo di carrozze e calessi di epoche diverse. Fu progettato da Ezio Bruno De Felice e aperto al pubblico nel 1975. È organizzato secondo moderni criteri museologici e le collezioni contengono esemplari di carrozze provenienti dalla Francia, dall’Inghilterra e dall’Italia. Ci sono anche finimenti in cuoio, morsi, fruste, bardature e altri oggetti legati alla cura dei cavalli, esposti accanto a portantine e carrozze. Il museo dispone di postazioni multimediali che permettono ai visitatori di conoscere meglio le carrozze e il periodo in cui sono state utilizzate. C’è anche una finta carrozza con cui i bambini possono giocare. Infine, un video presenta una selezione di film d’epoca sull’uso delle carrozze.

Orari

Lunedì
08:30 am-05:00 pm
Martedì
Chiuso
Mercoledì - Domenica
08:30 am-05:00 pm
Museo delle Carrozze
Riviera di Chiaia, 200, 80121 Napoli NA, Italia
Chiama +39081669675 Sito Web

Ti potrebbe interessare

Tour e esperienze
reggia di caserta vista dall'alto

Napoli-Caserta, un viaggio da re

Città d'arte
Castel dell'Ovo - Napoli, Campania

Napoli, incantevole città di mare e cultura

Città d'arte
Cosa vedere a Napoli in due giorni

Cosa vedere a Napoli in due giorni

Siti storici
Le catacombe di Napoli

Le catacombe di Napoli

UNESCO
L’incantevole centro storico di Napoli patrimonio mondiale UNESCO

L’incantevole centro storico di Napoli patrimonio mondiale UNESCO

Città d'arte
Itinerario di 10.000 passi per visitare il centro di Napoli

Itinerario di 10.000 passi per visitare il centro di Napoli

Divertimento
Stazione zoologica Anton Dohrn, l’acquario del Mare Nostrum

Stazione zoologica Anton Dohrn, l’acquario del Mare Nostrum

Enogastronomia
lo street food a napoli hero

Lo street food a Napoli è la quintessenza delle meraviglie per il palato

Enogastronomia
In Campania, dove la cultura del cibo è uno stile di vita

In Campania, dove la cultura del cibo è uno stile di vita

Sport
Tempio di Hera, Paestum

Campania, emozionanti voli panoramici sopra il parco archeologico di Paestum o sul Vesuvio

Arte e cultura
Campania, mare da cartolina e sapori da capogiro

Campania, mare da cartolina e sapori da capogiro

Borghi
Procida

Procida: l’isola incantata di case acquerello e mare turchese

UNESCO
941237456

Alla scoperta dell'Area archeologica di Pompei, Ercolano e Torre Annunziata

Arte e cultura
Sesta Tappa del Giro d’Italia 2023: Napoli

Sesta Tappa del Giro d’Italia 2023: Napoli

Enogastronomia
napoli-pizza-una-lunga-storia-d-amore

Napoli e la pizza, una lunga storia d’amore

Isole
Procida, crocevia di esperienze per tutti i sensi

Procida, crocevia di esperienze per tutti i sensi

Natura
Parchi della Campania: il turismo sostenibile delle aree protette della regione

Parchi della Campania: il turismo sostenibile delle aree protette della regione

Isole
I sentieri di Ischia

I sentieri di Ischia

Isole
Le Fumarole

Le Fumarole: che spettacolo la spiaggia fumante di Ischia

Relax e benessere
Terme Ischia

Ischia: i parchi termali

Ops! C'è stato un problema con la condivisione. Accetta i cookie di profilazione per condividere la pagina.