7 meravigliosi arcipelaghi in Italia per rigenerarsi

Una collana di perle preziose che avvolge l’intera penisola, accomunate da acque dai colori strepitosi, spiagge da sogno, solarità e tradizioni vivissime in cui immergersi a fondo. Per chi cerca il detox più completo e la bellezza più pura, le piccole isole d’Italia sono la scelta perfetta.

Potrebbe interessarti anche:

Isola d'Elba
SHARE

Sette isole tra storia e natura che costituiscono il Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, dominate dalla madre Elba dove, oltre alla vita di mare, c’è tanto altro da fare: le sue vivaci località offrono diverse testimonianze storiche e archeologiche, tra le quali, da non perdere, la Fortezza di Portoferraio, i Musei Napoleonici, il Castello del Volterraio, il Santuario della Madonna del Monserrato con l'immagine della “Madonna Nera”. Ma anche escursioni a piedi o a pedali nell’intero territorio, e, su tutto, una frizzante vita notturna tra i locali. Merita una visita la graziosissima isola del Giglio con i suoi vicoli arroccati, il caratteristico porto e i ruderi di Giglio Castello. Molto più selvagge , invece, le altre  - Capraia, Montecristo, Pianosa,  Giannutri, Gorgona - dove la natura è protagonista sia sulla terraferma che in mare.

Scopri di più: visittuscany.com

Chiaia di Luna, Ponza
SHARE

Il modo migliore per visitare le isole ponziane è sicuramente via mare , per insinuarsi tra gli archi naturali, i faraglioni, le rocce e le calette che ne fanno un vero spettacolo della natura, scivolando su acque cristalline come in pochi altri luoghi si vedono, con fondali superbi per snorkeling e diving. Ponza, la maggiore, consente anche serate glamour nei locali tipici affacciati sul porto rosso e nei caratteristici vicoli che la attraversano tra le pittoresche case multicolore, oltre che sulla spiaggia del Frontone, celebre per i festosi aperitivi. Bellissimo immergersi nell’atmosfera selvaggia di Ventotene, con le sue poche case intorno al porto e le testimonianze della dominazione romana, oppure specchiarsi nelle acque limpidissime di Palmarola, con le case scavate nella roccia, dopo una passeggiata  nella natura per visitare l’ex penitenziario di Santo Stefano, o tra i sentieri di Zannone, che appartiene al Parco Nazionale del Circeo.

Scopri di più: visitlazio.com

Procida
SHARE

Tre isole dall’anima solare e piena di vita, dove si respirano allegria e benessere. A Ischia, la maggiore, ogni località merita una visita, facilitata anche da una buona rete di collegamenti con i mezzi pubblici: su tutti, il centro storico di Ischia Ponte con il Castello Aragonese, e il borgo gioiello di Sant’Angelo. Imperdibile il relax nei centri e parchi termali dalle acque salutari che la caratterizzano. Il glamour è a Capri con l’aperitivo in piazzetta,  il tramonto sui faraglioni e la salita alla fiorita Anacapri, sulla sommità dell’isola, dove la villa dell’imperatore Tiberio offre una vista mozzafiato sul Golfo di Napoli e sulla Costiera Amalfitana, imperdibile quanto lo spettacolo naturale della Grotta Azzurra. Fascino e romanticismo sono gli elementi che caratterizzano Procida. Un dedalo di vicoli stretti fra le caratteristiche case colorate che definiscono il profilo dell’isola e ne custodiscono la forte identità marinara. L’obiettivo di uno sviluppo sostenibile, basato su aspetti sociali, paesaggistici e tecnologici, ha portato Procida alla nomina di Capitale italiana della Cultura 2022.

Scopri di più: incampania.com

Un’esperienza a metà tra mare e montagna per un’immersione totale ed esclusiva nella natura. E’ quella offerta soprattutto dall’isola principale, San Domino, dove ogni splendida cala rocciosa – l’unica spiaggia di sabbia si trova vicino al porto - si raggiunge dopo aver percorso tratti boschivi a tutta natura e disceso rocce e sterrati, per poi immergersi nelle acque verdissime. Mentre l’isola di San Nicola, arroccata su un altopiano roccioso con coste verticali direttamente a strapiombo sul mare, sfoggia sulla sommità l’abbazia benedettina di S. Maria a Mare che merita sicuramente una visita. L’arcipelago, incluso nel Parco Nazionale del Gargano, offre dunque una vacanza total green, amplificata dall’esperienza imperdibile di ascoltare, sulla terra o in mare, il canto notturno delle Diomedee, gli uccelli marini locali: secondo la leggenda sono gli uomini del mitologico Diomede, fondatore delle isole, che ne piangono ancora la morte.

Scopri di più: viaggiareinpuglia.it

Ci sono due modi per vivere tutta la bellezza dell’arcipelago, Patrimonio Unesco, entrambi imperdibili: navigarle in barca a vela ed esplorarle nell’interno, per scoprire ogni incantevole scorcio marino e terrestre. Sette isole di origine vulcanica capitanate dalla maggiore, Lipari, ricca di reperti archeologici da visitare, e illuminate dalle frequenti eruzioni del vulcano sempre attivo di Stromboli, che di notte offre uno spettacolo incredibile soprattutto se visto dal mare sul versante della Sciara del Fuoco, dove la colata lavica si tuffa potentemente in mare. E poi i boschi di Salina, anche nota per le irresistibili granite, gli ambienti selvaggi delle minuscole Alicudi e Filicudi, e i terapeutici fanghi sulfurei di Vulcano nei quali immergersi per uscirne rigenerati anche nel corpo. La movida notturna è tutta a Panarea, la piccola isola fiorita che vive soprattutto di notte.

Scopri di più: visitsicily.info

Cala Rossa, Favignana
SHARE

Tre gioiellini naturalistici fatti di mare e di sole, con la maggiore, Favignana, detta “la farfalla” per la sua sagoma molto somigliante. Qui luce, mare e terra si fondono dando vita a un mare dai colori incredibili che sorprende e incanta, come a Cala Azzurra o alla Grotta Perciata. E’ questo il suo punto di forza, così come per le due isole più piccole: Marettimo, con tante grotte costiere che si svelano soltanto via mare e il minuto borgo di pescatori, e la più piccola Levanzo con le sue case tutte bianche, dove le grotte si nascondono invece anche nella vegetazione dell’interno e si raggiungono facendo un’insolita esperienza di trekking affacciata sul mare: è sicuramente da vedere la Grotta del Genovese, con i suoi preziosi graffiti e incisioni di età preistorica. Un arcipelago imperdibile quello delle Egadi, perfetto per ritemprare mente e corpo, anche a tavola.

Scopri di più: visitsicily.info

Isola di Budelli, Parco Nazionale de La Maddalena
SHARE

E’ il trionfo del mare e della macchia mediterranea a caratterizzare questo arcipelago, che costituisce anche l’omonimo Parco Nazionale, dove il profumo della salsedine si mescola agli aromi delle erbe selvatiche sparse ovunque, come il tipico mirto il cui liquore a fine cena è tradizione assoluta. La Maddalena, l’isola maggiore, va vissuta anche nel bel centro abitato con piazze ampie e locali tipici per giorni e sere vibranti. Un suggestivo ponte la collega a Caprera, che invece è interamente all’insegna della natura, con spiagge incantevoli raggiungibili attraverso sentieri da trekking e un mare splendido dotato anche di un celebre centro velico per chi volesse imparare l’arte; non può  mancare, però, una visita alla casa museo di Giuseppe Garibaldi. E’ d’obbligo anche un giro tra le altre isole dell’arcipelago, fra calette e spiagge paradisiache come la Spiaggia Rosa di Budelli, da ammirare dalla barca, e quella bianchissima di Santa Maria, oltre a un tuffo nell’invitante mare smeraldino di Spargi.

Scopri di più: www.sardegnaturismo.it