Sei in Home / Scopri l'Italia / Veneto / Padova

Padova

  • Descrizione
  • Cosa vedere
  • Cosa fare
  • Cosa assaggiare

Al centro della pianura Veneta, tra laguna, colli e Prealpi, si trova la provincia di Padova, un insieme ricco di arte, cultura, sapori e tradizioni.
 Visitare la provincia di Padova significa scoprire una terra sorprendentemente ricca di storia, cultura, vitalità e ingegno, caratterizzata da una grande varietà di luoghi da vedere, sapori da gustare, persone da incontrare. Un territorio dove gente operosa ha sempre saputo rinnovare la tradizione storica e culturale.

Nel cuore della provincia si trova Padova, città dinamica e vitale, con un vasto patrimonio storico-monumentale, e intorno tanti luoghi da vivere: le Terme Euganee, i Colli Euganei e le altre oasi naturalistiche, le suggestive città murate medievali,  i castelli, le ville, il fitto intreccio di distese di campagna e di corsi d’acqua che scendono a est fino a raggiungere la Laguna. 
La zona sud-occidentale è occupata dai Colli Euganei, uno scrigno di meraviglie. Verdi vallate e dolci colline dalla straordinaria ricchezza botanica con un microclima ideale per la coltivazione di vigneti e oliveti, colline ancora più belle quando i colori della primavera si risvegliano o quando tutto si tinge delle calde atmosfere autunnali. 

I colli abbracciano il più grande bacino termale d’Europa, le Terme Euganee con i centri principali di Abano, Montegrotto e Galzigano Terme, conosciuti a livello internazionale per le preziose proprietà curative delle acque che, dopo il lungo viaggio sotterraneo risalgono in superficie proprio qui, dove da più di tremila anni vengono utilizzate a scopi benefici nella fangobalneoterapia e oggi anche nei più moderni trattamenti di benessere, bellezza e remise en forme.

Una terra da vivere in ogni sua forma, anche navigando lungo il vasto reticolo di vie fluviali. Tra Padova e Venezia lungo l’incantevole asse fluviale del Brenta, un viaggio sui burchielli è un’esperienza indimenticabile, un viaggio nel passato, quando i signori e i nobili di Venezia usavano queste tipiche imbarcazioni per raggiungere le proprie residenze di villeggiatura, semplici edifici trasformati in magnifiche opere architettoniche dalla genialità di artisti come Palladio, Preti e Scamozzi.

Ma anche i tour estivi sui canali che circondano Padova offrono l’occasione unica di vedere la città da una prospettiva diversa. O ancora è possibile scoprire il territorio in bicicletta seguendo la fitta rete di piste ciclabili che si snoda principalmente seguendo i corsi dei fiumi: provate l’anello ciclabile di Padova o la Riviera Euganea, un romantico viaggio lungo le rive del Canale Battaglia arricchito di ville e scorci paesaggistici sui Colli Euganei.

Suggestivo anche un tour tra le città murate, segno della lunga storia medievale vissuta da Padova e dalle sue terre. Cittadella, Este, Monselice e Montagnana sono luoghi ideali per rivivere le atmosfere del passato nelle emozionanti rievocazioni in costume d’epoca, i palii e le giostre che animano ogni anno queste antiche cittadine.
Una storia millenaria che si ritrova anche nell’arte del buon vino e della buona tavola. Qui le origini della viticoltura sono molto antiche. Le tecniche di coltivazione si sono poi raffinate nel corso dei secoli fino a raggiungere gli alti livelli di qualità dei nostri giorni.

Padova è una delle città più antiche ed allo stesso tempo più dinamiche d’Italia. Fondata oltre 3000 anni fa in un’ansa del fiume Brenta, si presenta oggi come una città moderna e cosmopolita, particolarmente rinomata per la storica e gloriosa Università e per le innumerevoli opere d’arte.
Il modo ideale per visitare il centro storico è spostandosi  a piedi passeggiando lungo le vie porticate ed attraversando le splendide piazze e gli antichi ponti.

Un perfetto punto di partenza sono le piazzePiazza delle Erbe e Piazza dei Frutti, da secoli sede del mercato quotidiano di frutta e verdura, che offrono uno spaccato della vita cittadina dedicato al commercio ma anche alle occasioni di incontro e di socialità.
Sovrasta le due piazze uno dei monumenti simbolo di Padova, il Palazzo della Ragione detto il “Salone”, un’opera unica nel suo genere: un susseguirsi di negozi tipici al piano terra e un’enorme sala pensile completamente decorata da uno straordinario ciclo a tema astrologico al piano superiore.
A breve distanza si trova Piazza dei Signori, elegante piazza dal tocco rinascimentale, circondata da famosi monumenti come la Chiesa di S. Clemente, il Palazzo del Capitanio e l’imponente Torre fregiata dal famoso Orologio-astrario progettato nel Trecento per segnare le ore e i minuti, ma anche il mese, il giorno, le fasi della luna e il "luogo" astrologico.

Poco distante, Piazza del Duomo dominata dalla maestosa Cattedrale e dall’antico Battistero intitolato a San Giovanni Battista, interamente decorato da uno splendido ciclo di affreschi di Giusto de’ Menabuoi. Accanto al Duomo sorge il Palazzo Vescovile divenuto nel 2000 sede del Museo Diocesano: al suo interno potrete ammirare splendide opere d’arte e il maestoso Salone dei Vescovi.

Altro luogo-simbolo di Padova è il famoso Caffè Pedrocchi, nato nei primi anni dell’Ottocento per volere di Antonio Pedrocchi e progettato dall’architetto Giuseppe Jappelli, è ancora oggi luogo amato dai padovani e sede di mostre ed eventi culturali di grande richiamo. Di fronte ad esso si trova Palazzo Bo, sede della prestigiosa Università di Padova, la seconda più antica d’Italia, dove insegnò anche il grande Galileo Galilei, luogo per eccellenza della scienza e della cultura.
Qui si visita intatto il più antico teatro anatomico stabile del mondo. La visita di questa bella città deve assolutamente includere la famosa Cappella degli Scrovegni, capolavoro indiscusso del grande Giotto, che con questa opera raggiunse il punto più alto della sua espressione artistica.

La splendida Piazza del Santo, con al centro il monumento di Donatello dedicato al Gattamelata, ospita importanti opere monumentali dedicate a uno dei Santi più amati nel mondo: S. Antonio. Sul fondo la maestosa Basilica di Sant’Antonio, un equilibrio armonico tra romanico, gotico, bizantino e moresco, con gli interni magnificamente decorati da prestigiose opere pittoriche e scultoree. A lato della Basilica, l’antico Oratorio di San Giorgio con attigua la Scoletta del Santo con la famosa Sala Priorale superbamente affrescata dai grandi nomi dell’epoca. 
Nelle vicinanze il più antico Orto Botanico del mondo, sito UNESCO, fondato ai tempi della Serenissima per la coltivazione e lo studio di piante medicinali. All’interno della Chiesa degli Eremitani molte importanti opere tra le quali la famosa Cappella Ovetari. 

Costellano il Padovano, tanti meravigliosi esempi del grande sviluppo culturale e artistico che da sempre caratterizza questo territorio: possenti castelli medievali, antiche abbazie, monasteri, ville nobiliari, giardini storici e corti benedettine.
Colli Euganei sono una vera oasi naturalistica dalla straordinaria ricchezza botanica: qui convivono oltre 1400 specie di piante, pari a circa un sesto della flora italiana. Camminando lungo uno dei sentieri segnalati dal Parco Regionale dei Colli Euganei potrete osservare questo meraviglioso patrimonio verde, intervallato da distese di vigneti e oliveti e incontrare altresì borghi unici come Arquà Petrarca, Valsanzibio, Luvigliano, Teolo. 

Tra le numerose ville venete della provincia di Padova sono da non perdere la bella Villa Contarini, la più grande e scenografica della Regione, circondata da un ampio parco con laghetto; Villa Emo Capodilista una originale opera firmata dall'architetto-pittore Dario Varotari, discepolo di Paolo Veronese, che realizzò anche il ciclo di affreschi che decora gli interni.
Villa Barbarigo Ardemani immersa in uno spettacolare giardino d’epoca con un labirinto di bosso di oltre 1500 metri lineari; la villa-fortezza del Catajo a Battaglia Terme, immensa dimora che conta ben 350 stanze e celebra le gesta degli Obizzi nel maestoso piano nobile; Ca’ Marcello, una delle più splendide testimonianze di architettura in stile palladiano circondata da un immenso parco; Villa Cornaro e Villa Pisani, inserite tra le ville palladiane Patrimonio Unesco.

Da sempre crocevia di popoli, culture e civiltà, la provincia di Padova è una terra ricca di tesori da scoprire, come le suggestive città murate, dove possenti costruzioni sopravvissute all’erosione del tempo ci riportano alla storia che segnò l’epoca medioevale.
Cittadella
, a nord del capoluogo, è circondata da una possente cinta muraria con ben 32 torri di avvistamento. A breve distanza l’una dall’altra, le piccole città di Monselice con l’imponente Rocca federiciana che dall’alto di un colle domina l’intero territorio circostante, Este con il Castello dei Carraresi e le 12 torri che segnano il percorso delle mura perimetrali, e Montagnana famosa per l’ottimo stato di conservazione del grande anello di mura completo di possenti torri, e dal Castello di San Zeno e dalla Rocca degli Alberi.

La fertile Saccisica, la fascia di terra che si estende a est verso la Laguna, offre un paesaggio rurale d’altri tempi, percorso da un fitto reticolo di corsi d’acqua, che viaggiano lentamente verso il mare.
E’ la terra delle vaste distese di campagna coltivata, di antiche tradizioni gelosamente conservate. Percorrendo in bicicletta questi luoghi fuori dal tempo qua  e là si incontrano i tipici casoni veneti e le antiche ex corti benedettine, ville venete e santuari, distese di vigneti e campi coltivati fino a giungere alla Valle Millecampi, 1600 ettari di ambiente lagunare, dove flora e fauna rispecchiano l’unicità del luogo.

Colli Euganei, famosi per la ricchezza botanica e per le sorgenti di acqua termale, sono una vera e propria oasi naturalistica dove, oltre a rilassarsi in una delle numerose  strutture termali, si possono praticare molte attività all’aria aperta, immersi in una natura dolce e accogliente.

Se amate il golf, qui troverete molti splendidi campi tutti altamente attrezzati e inseriti in contesti naturalistici di grande effetto, con giochi d’acqua e piccoli laghi che interrompono le ampie distese verdi. I tanti sentieri che si addentrano nel cuore del Parco Regionale sono piste eccellenti per praticare trekking, effettuare delle escursioni guidate, pedalare in sella ad una mountain-bike o cimentarsi nel nordic walking.

Non mancano le ippovie, per coloro che alla passione per le escursioni nella natura abbina quella per i cavalli. E dopo l’allenamento o le ore trascorse all’aperto, regalatevi momenti di relax totale provando un trattamento termale che riattiverà la circolazione e rilasserà tutti i muscoli del corpo, aiutando a ritrovare una stato di benessere psico-fisico eccellente.

Per gli amanti del buon bere, la  “Strada del vino dei Colli Euganei” permette di assaporare gli ottimi vini e i delicati olii del territorio, abbinandoli alle altre saporite e sorprendenti specialità locali.
La rete di piste ciclabili che si dipana su tutto il territorio provinciale consente di effettuare belle escursioni sia attorno alla città di Padova, seguendo l’anello fluviale che la circonda, sia lungo itinerari provinciali di grande interesse paesaggistico e monumentale.

Per coloro che sono alla ricerca di un'esperienza "slow" consigliamo di provare i battelli che, da marzo a ottobre, percorrono la splendida riviera del Brenta offrendo l’ideale abbinamento di una minicrociera a ritmi lenti in un panorama unico e la visita ad alcune delle più belle ville venete. 
Nei mesi estivi si può trascorrere una serata in navigazione con i Notturni d’acqua, escursioni in battello lungo i canali che circondano le antiche mura di Padova.

Gli amanti del brivido non possono che andare a caccia di fantasmi grazie ai tour dei castelli abitati da presenze misteriose.
Per scoprire Padova e la sua provincia in modo facile ed economico potete acquistare PadovaCard, il pass che consente di accedere gratuitamente a 12 monumenti, di utilizzare i bus ed il tram o di parcheggiare in città gratuitamente.

Gli appassionati di rievocazioni storiche e spettacoli mozzafiato non possono perdere il Palio dei 10 Comuni del Montagnese, spettacolare corsa a cavallo che si svolge ogni anno fra agosto e settembre nella splendida cornice del vallo della Rocca degli Alberi. 
Un'altra rievocazione imperdibile è la Giostra della Rocca di Monselice.
Da non perdere anche le numerose sagre e feste che celebrano i prodotti della terra e le prelibatezze enogastronomiche locali: dalla Festa dei Bisi (piselli) di Baone alla Festa della Fragola a Camposampiero, dalla Festa del Prosciutto di Montagnana alla festa dell’Olio dei Colli, dalle Feste dei Bigoli sui Colli Euganei alla Festa della Giuggiola ad Arquà Petrarca fino alle grandi kermesse dedicate ai prestigiosi vini DOC, come Vini Euganei  e la Mostra dei Vini Doc.

 

Andar per cibi e vini in terra padovana vuol dire andare per sorprese e nostalgie più di quanto possa accadere altrove” diceva Orio Vergani, scrittore e giornalista.

Alimentata da una grande varietà di prodotti stagionali, la cucina padovana combina l’alta qualità degli ingredienti alla tradizione, impreziosita dalla professionalità di cuochi che sanno preservare gli antichi sapori, rivisitandoli secondo la più moderna sensibilità gastronomica.

La generosità di questa terra fertile si ritrova nella ricchezza dei prodotti che compongono i piatti tipici locali. Il riso è uno degli ingredienti principali dei primi piatti e viene proposto in molte varianti e con molta fantasia negli abbinamenti: con i piselli (risi e bisi), con il radicchio, con gli asparagi o con i bruscandoli.

Tra i primi piatti sono famosi la pasta e fagioli, la gran varietà di minestre maridae e  i bìgoli, simili a grossi spaghetti,  ottenuti dalla lavorazione della pasta con il bigolaro. Versioni diverse dall’impasto classico sono quelle aromatizzate con il nero di seppia o impastate con farina integrale.  
Nella zona dei Colli Euganei tradizionali sono le minestre e i squisiti risotti realizzati con erbette e germogli spontanei e le lumache che possono essere proposte in umido, arrostite o fritte.

Tipici della zona anche il musso in ‘tecia’, le rane fritte o in umido e i gamberi dolci.
Ma il punto di forza della cucina locale è sicuramente la “Corte Padovana” dove regna sovrana la famosa Gallina Padovana, allevata sin dall’antichità e nata dall’incrocio di razze diverse.
Oca, pollo, cappone, faraona, anatra e tacchino completano la Corte. Una delle prelibatezze preparata con le carni di questi volatili è il gustoso e ricco gran bollito alla padovana insaporito da salse, mostarda o senape. In alcune località dei Colli Euganei si degustano i Torresani. I Torresani di Torreglia sono stati per secoli un piatto riservato alle tavole dei nobili che lo allevavano nelle colombare poste sulle torri.

Nell’area delle città merlate di Este e Montagnana è molto diffuso l’allevamento dei suini dai quali si ottengono gustosi salumi e insaccati come il Prosciutto Veneto Berico-Euganeo, meglio conosciuto come Prosciutto dolce di Montagnana  e la soppressa.
E ovviamente non poteva mancare la regina della cucina veneta: la polenta. Famosa è quella “fasoà” preparata con strutto di maiale.

Tra le torte tipiche troviamo la pazientina, a base di crema zabaione, la fregolòtta più nota come sbrisolona, la fugassa padovana uno dei dolci più antichi e la figassa a base di fichi secchi macerati nella grappa. 
La venerazione che i padovani nutrono per Sant’Antonio la ritroviamo anche nella pasticceria tipica, con una serie di dolcetti a lui dedicati: gli amarettoni, i merletti, il pan ed il dolce del Santo.

Ad Arquà Petrarca si celebra ogni anno un frutto ormai quasi scomparso: la giuggiola. In ogni giardino di Arquà se ne incontra almeno una pianta e ogni anno con la Festa della Giuggiola il bel borgo medievale festeggia questo dolce frutto da cui si ricava il famoso liquore “Brodo di giuggiole”.

Tante prelibatezze non possono che essere generosamente accompagnate dagli ottimi vini garantiti dai consorzi Colli Euganei DOC, Merlara DOC, vini DOC di Bagnoli e Corti Benedettine. Eccellenti anche i distillati ed i liquori spesso aromatizzati con erbe e frutti del territorio.
E per iniziare bene il famoso Spritz, a base di vino bianco secco e frizzante, acqua e una buona dose di aperitivo alcolico.