Sei in Home / Scopri l'Italia / Trentino Alto Adige / Bolzano

Bolzano

  • Descrizione
  • Cosa vedere
  • Cosa fare
  • Cosa assaggiare

La provincia di Bolzano è situata nell’estremità settentrionale d’Italia, al confine con la Svizzera e con l’Austria e coincide con l’area geografico-storica dell’Alto Adige. 
La parte orientale del territorio comprende i rilievi spettacolari delle Dolomiti (Patrimonio Naturale dell’Umanità-UNESCO). I profili aguzzi e le altissime guglie delle Dolomiti alternate alle splendide valli creano scenari di estrema bellezza: è il regno della natura incontaminata e un vero paradiso per gli appassionati dello sci, comprendente località turistiche famose e frequentatissime. 

Panorami montuosi caratterizzano anche il versante occidentale, dominato dalle Alpi Venoste con le alte vette del Cevedale e Ortles. Qui si estende il Parco Nazionale dello Stelvio, che si aggiunge ai sette parchi naturali dell’Alto Adige, con un susseguirsi di boschi di conifere, praterie, laghi, magnifiche vallate e un percorso che conduce fino all’omonimo Passo, uno dei più alti d’Europa. 
Tutta la provincia di Bolzano presenta paesaggi dominati da una natura allo stato puro con graziosi centri cittadini, tipici di una terra di confine, nella quale convivono tre culture, quella italiana, quella tedesca e quella ladina, tre lingue, tre civiltà che si fondono armoniosamente. 

Il territorio ospita caratteristiche località come Merano, nota per il suo clima temperato e le benefiche acque termali, Bressanone, ricca di testimonianze artistiche, Brunico e molte altre, ciascuna con caratteri peculiari. 
Le cittadine di Chiusa, Glorenza e Vipiteno fanno parte dei “Borghi più belli d’Italia”. 

Molti sono anche i tesori d’arte immersi nella natura incontaminata, tra cui la magnifica Abbazia benedettina di Monte Maria e il medievale Castel Coira, incastonati tra i rilievi delle Alpi Venoste.
L’Alto Adige è inoltre ricco di tradizioni folcloristiche che danno vita a numerose manifestazioni durante l’anno e culminano nel periodo natalizio nei caratteristici mercatini natalizioriginali dell'Alto Adige, di Bolzano, Vipiteno, MeranoBrunico Bressanone, il cosiddetto percorso a cinque stelle: uno spettacolo di luci e colori in un’atmosfera di grande suggestione. 
Le specialità gastronomiche insieme agli eccellenti vini locali sono ulteriori sorprese che questo territorio riserva suoi visitatori.

Distesa in una conca e circondata dai monti, Bolzano è una città ricca di fascino, punto di incontro di due diverse culture: quella mediterranea e quelle mitteleuropea, come è evidente dalle sue architetture, dai vicoli, archi e piazzette del suo centro storico. 
Tra i monumenti principali spicca il Duomo con il campanile gotico dalla cuspide traforata, considerato il più bello della regione. La storica e ampia Piazza Walther si trasforma, nel periodo natalizio, in uno spazio magico e suggestivo: ospita infatti il tradizionale Mercatino di Natale con le caratteristiche casette in legno che propongono addobbi, prodotti dell’artigianato e specialità gastronomiche, tra luci, melodie e fragranze. 
Da non perdere il Museo Archeologico dell'Alto Adige che espone reperti e documentazioni sulla storia altoatesina dalle origini al primo medioevo. La principale attrattiva è costituita dal famoso Uomo venuto dal ghiaccio, la mummia di "Ötzi", un corpo mummificato risalente a circa 5.300 anni fa, rinvenuto sul ghiacciaio del Similaun, presso il confine italo-austriaco. 

Merita una visita Merano, cittadina affascinante e di grande richiamo turistico grazie anche al suo particolare clima mite e alle sue splendide terme: un’oasi di relax e benessere. Merano è anche una cittadina ricca di storia e arte: il suo centro storico custodisce svariati monumenti tra cui il Castello Principesco, piccola e suggestiva residenza nobiliare del XV secolo. Tra le architetture più caratteristiche spicca il Kurhaus, il grandioso complesso del primo Novecento in stile liberty, oggi sala per concerti e grandi eventi come il Merano Wine Festival, dove si riuniscono ogni anno a novembre i migliori produttori di vini italiani e stranieri e si degustano i prodotti tipici di qualità italiani. 

Ai margini della città si innalza il sontuoso Castel Trauttmansdorff, circondato dai suoi  magnifici e variopinti giardini: un immenso parco che racchiude ambienti esotici e mediterranei, creando dalla primavera al tardo autunno uno spettacolo unico di colori. Il castello, grandiosa residenza signorile con oltre sette secoli di storia, era in passato la residenza invernale della Principessa Sissi che amava venire in Alto Adige dove il clima era più mite. Oggi il castello è sede del singolare Touriseum, il Museo provinciale del Turismo, che ripercorre la storia del turismo altoatesino. 
Nei dintorni, di grande valore artistico è Castel Tirolo (XI-XIII sec.), famoso per le decorazioni e la cappella ricca affreschi, oggi sede del Museo Storico-Culturale della provincia di Bolzano. 

Cittadina d’arte di particolare rilievo è Bressanone, con i suoi palazzi che fondono elementi gotici, rinascimentali e rococò. Il suo centro storico comprende un notevole patrimonio artistico tra cui il Duomo con il chiostro affrescato, il magnifico Palazzo dei Principi Vescovi, sede dell’interessante Museo Diocesano che include il caratteristico Museo dei presepi
Nei dintorni, merita una visita l’Abbazia agostiniana di Novacella, complesso religioso di grande valore artistico, con chiostri ricoperti di affreschi. Tra i castelli della zona spiccano il rinascimentale Castel di Velturno che conserva sontuosi arredi e affreschi e il Castello di Rodengo, situato in una pittoresca posizione . 
Vipiteno custodisce il bellissimo Palazzo Comunale dagli interni riccamente decorati, la Torre delle Dodici, simbolo della città, mentre nei suoi dintorni  si possono ammirare le spettacolari cascate di Stanghe a Racines, Castel Tasso a Campo di Trens, il Museo provinciale della caccia e della pesca a Castel Wolfsthurn di Mareta e le miniere di Ridanna/Monteneve. 

Gemma della Val Pusteria è la pittoresca cittadina di Brunico con il suo imponente castello che entrerà a far parte del progetto museale Messner Mountain Museum voluto dall’alpinista Reinhold Messner per celebrare la montagna e il suo rapporto con l’uomo. Da visitare anche e il Museo Provinciale degli usi e costumi di Teodone che illustra usi e costumi locali.

La provincia ospita comprensori sciistici moderni e attrezzati, dalle Dolomiti (Patrimonio Naturale dell’Umanità-UNESCO) alla Val Venosta, passando per la Valle Isarco si incontrano rinomate aree sciistiche come la Val Gardena, la Val Badia, Plan de Corones, la Plose, l’Alta Pusteria, Solda, Obereggen con centinaia di chilometri di piste: un paradiso per gli appassionati di sci, snowboard, pattinaggio sul ghiaccio, racchette da neve. 

Inoltre, sul ghiacciaio della Val Senales si può sciare anche in estate. In tutto il territorio è possibile dedicarsi all’arrampicata, alle escursioni naturalistiche, al trekking e alle gite in mountain bike e bicicletta. 
La provincia offre anche altre alternative di svago tra cui lo shopping dedicato ai prodotti dell’artigianato artistico e la degustazione di prodotti locali e di vini nelle tipiche cantine: la Strada del vino dell’Alto Adige, che si snoda nel territorio a sud di Bolzano, genera quasi due terzi dell’intera produzione vinicola dell’Alto Adige. 
Per un soggiorno rigenerante e rilassante ci sono le Terme di Merano o il centro Cron4 a Riscone presso Brunico, eletta la miglior sauna d’Italia. 

Tra le manifestazioni locali un posto di prim’ordine lo occupano i Mercatini di Natale Originali Alto Adige - Südtirol a Bolzano, Merano, Bressanone, Vipiteno e Brunico: un appuntamento da non perdere non solo per l’artigianato e le produzioni enogastronomiche che vi si possono trovare, ma anche per il ricco programma di eventi. 

Di particolare rilievo la Mostra vini a Bolzano a marzo, la Cavalcata Oswald von Wolkenstein all’Alpe di Siusi, tra la fine di maggio e l'inizio di giugno, il Südtirol Jazzfestival Alto Adige fra giugno e luglio, la Maratona dles Dolomites a inizio luglio in Alta Badia, il Dolomiti Superbike in Alta Pusteria a luglio, le Settimane Musicali Gustav Mahler di Dobbiaco fra luglio e agosto, le il Merano Festival fra agosto e settembre, il Gran Premio ippico Merano Forst a fine settembre, il Merano WineFestival a inizio novembre, la Coppa del mondo di sci in Val Gardena e in Alta Badia a dicembre, o la Corsa di San Silvestro ”Boclassic” a Bolzano ogni 31 dicembre.

La cucina della provincia di Bolzano risente delle influenze dell’Austria e fonde gusti e tradizioni diversi con risultati molto originali. 
Piatti tipici sono i “knödel” o canederli (palle di pane arricchite con speck, o formaggi, o spinaci, o rape rosse, ma anche dolci con albicocche e prugne), gli Schlutzkrapfen (ravioli con vari ripieni), gli Spatzler (gnocchetti verdi di spinaci conditi solitamente con burro fuso o panna e prosciutto), la polenta con il capriolo o i finferli, gulasch di cervo e carrè di maiale con crauti, ma anche  il pesce di lago e di torrente e i “Tirten”, gustosissime frittelle ripiene. 

Dolci tipici particolarmente diffusi sono lo Strudel di mele, il Kaiserschmarren, la torta di grano saraceno con mirtilli rossi, lo “Zelten” di Bolzano, dolce natalizio a base di frutta secca e canditi, i biscotti di Lebkuchen, i Krapfen del contadino, la zuppa di pane. 
L’Alto Adige è rinomato per la produzione di una grande varietà di mele tra cui Golden, Fuji e Gala; altra specialità locale è lo speck, affumicato e saporito, da gustare con il caratteristico “Schüttelbrot”, il pane croccante che accompagna tutte le merende. La terra altoatesina è inoltre famosa nel mondo per i suoi eccellenti vini tra i tre vini autoctoni Lagrein, Schiava e Gewürztraminer

L’autunno è il periodo del Törggelen, un’antica usanza contadina tutt’oggi in uso: si va di maso in maso ad assaggiare il vino nuovo accompagnato dai piatti tipici autunnali. Prima di sedersi a tavola è usanza fare una bella passeggiata fra i castagni colorati, fra i vigneti e gli antichi masi contadini. Il moto mette appetito: speck, pane nero, würstel con crauti, minestra d'orzo e castagne nella calda stube in legno.