Sei in Home / Scopri l'Italia / Toscana / Massa Carrara

Massa Carrara

  • Descrizione
  • Cosa vedere
  • Cosa fare
  • Cosa assaggiare

La provincia di Massa-Carrara, situata al confine con la Liguria e l’Emilia Romagna, è caratterizzata da un’ampia zona costiera ricca di strutture ricettive e di stabilimenti balneari moderni ed attrezzati.
A due passi dal mare, le Alpi Apuane sono un paradiso per gli appassionati di natura e di escursionismo, sia estivo che invernale, ed offrono la possibilità di pernottamento in confortevoli rifugi.
Uniche al mondo, nel cuore di queste montagne, le spettacolari cave di marmo bianco si aprono come una visione lunare davanti agli occhi dei visitatori: entrando nel cuore della montagna, si può toccare con mano il prezioso materiale lapideo prediletto da artisti come Michelangelo e Canova.

Provenendo da nord, incastonata tra due parchi naturali (Alpi Apuane e Appennino Tosco Emiliano), si trova la Lunigiana, che offre la possibilità di interessanti itinerari enogastronomici e soggiorni in agriturismi di pregio, immersi fra verdi colline, castelli, pievi romaniche ed eleganti cittadine come Pontremoli, Fivizzano ed Aulla.
Sulla costa, Carrara, con il Duomo interamente costruito in marmo, e Massa, dominata dalla fortezza Malaspiniana, offrono centri storici ideali per rilassanti passeggiate all’insegna dell’arte e dello shopping.
Il tutto a pochi chilometri dalle ampie spiagge della riviera apuana, ideale proseguimento della Versilia con la zjona di Cinquale di Montignoso, Poveromo, Ronchi, Marina di Massa e Marina di Carrara.

Prima tappa dell’itinerario alla scoperta del territorio è la città di Massa, adagiata tra verdi colline ai piedi delle Alpi Apuane. Il centro storico comprende la parte medievale con stradine strette e tortuose e la parte cinquecentesca, realizzata dai Cybo Malaspina, signori della città dal sec. XVI. Tra i monumenti di particolare rilievo spiccano il Duomo e il Palazzo Ducale dei Cybo Malaspina (secc. XVI-XVII). 

Altro centro di particolare rilievo storico e artistico è Carrara, nota a livello internazionale come la città del marmo, circondata dal bianco baluardo delle Alpi Apuane dove si svolge l’intensa attività di estrazione e lavorazione della pietra. Oltre a pregevoli monumenti come il Duomo dalla facciata romanico-gotica, la cinquecentesca residenza dei Cybo-Malaspina e il maestoso Palazzo delle Logge, Carrara offre la possibilità di effettuare un interessante percorso alla scoperta del marmo, attraverso la visita del Museo Civico del Marmo e dei laboratori artistici presenti nella città.
 
L’itinerario continua poi fuori città per la visita delle impressionanti cave, tra cui la Cava Museo di Fantiscritti. In località Campocecina si possono ammirare la Cava dei Poeti, sulle cui pareti, in occasione della Biennale del 2002, sono state scolpite frasi di uomini illustri e famosi poeti e il Parco della Memoria
La Lunigiana offre un singolare itinerario alla scoperta di suggestivi borghi, a cominciare da Fosdinovo, dominato dal castello medievale. Ad Aulla si possono visitare la maestosa Fortezza della Brunella, costruita agli inizi del XIV secolo, che prende il nome dal suo particolare colore, e il Museo di Storia Naturale. Attraverso il Passo del Cerreto si giunge a Fivizzano, con le antiche mura e il Museo della Stampa

Da non perdere, nei pressi di Filattiera la Pieve del Sorano, un prezioso monumento romanico dalla suggestiva abside, immerso in un ambiente incontaminato. 
In alta Lunigiana si trova Pontremoli, con un notevole patrimonio artistico: dal magnifico Castello del Piagnaro, che ospita il Museo delle Statue Stele, al Duomo, ai vicoli caratteristici del borgo. Infine, tra natura rigogliosa e fitti boschi sorge Zeri, famoso per la sua gastronomia, tra cui il caratteristico agnello zerasco.

Il territorio montuoso e collinare offre l’opportunità di dedicarsi a escursioni naturalistiche e passeggiate ma anche ad attività sportive come trekking (soprattutto lungo i torrenti e il Magra), percorsi in mountain bike tra splendidi panorami e pesca nei numerosi corsi d’acqua. 

La Lunigiana offre inoltre la possibilità di praticare lo sci grazie alla stazione sciistica di Zeri, il Passo Due Santi, da cui si può ammirare un panorama che spazia fino al mare. 
P oco lontano dai bacini marmiferi, Marina di Carrara e le altre mete balneari offrono soggiorni di relax sulla spiaggia, dove è possibile praticare tutti gli sport d’acqua e la vela

I più golosi potranno percorrere diversi itinerari enogastronomici, tra antichi borghi e splendide campagne, alla scoperta dei prodotti tipici e dei vini locali. 
Per gli amanti del benessere, ci sono i rinomati centri di Equi Terme e San Carlo Terme offrono trattamenti e cure basati sulle loro preziose acque.
 
Il calendario del territorio propone svariati appuntamenti tra cui il Premio Bancarella a Pontremoli (luglio), il Premio Nazionale di Pittura a tema ”Mare-Monti-Marmo” e la “Mostra dell’artigianato del marmo e simposio internazionale di scultura” a Carrara. In agosto, nella spettacolare cornice delle cave di marmo, si tiene la rievocazione storica della “lizzatura”, l’antico metodo con il quale i cavatori trasportavano a valle i blocchi di marmo. 

Tra le feste di maggiore rilievo si segnalano la “Disfida tra gli arcieri di terra e di corte” a Fivizzano e la festa patronale di San Francesco a Massa. 
Numerose anche le feste e le sagre dedicate ai prodotti tipici, tra cui la sagra del lardo a Colonnata, quella dei mirtilli a Massa e la sagra di San Domenichino a Marina di Massa.

Tipicità della cucina massese sono i taglierini con i fagioli, i tordelli di carne e le lasagne intordellate
Prodotto di eccellenza è il lardo di Colonnata, fatto stagionare per almeno sei mesi in conche di marmo di Carrara con numerose spezie. 

Altre specialità sono la torta di riso e la “torta d’erbi”, con ripieno di uova, formaggio e verdure selvatiche; famosi anche i “testaroli” lunigiani, formati da una sfoglia di pasta sottile, cotta in testi di ghisa, poi condita con pesto e pecorino. 

Il dolce più caratteristico è la “spongata”, torta di pasta sfoglia ripiena di marmellata e frutta secca.
Notevole la produzione di vini, tra cui il Candia.