Sei in Home / Scopri l'Italia / Sardegna

Sardegna

  • Descrizione
  • Cosa vedere
  • Cosa fare
  • Cosa assaggiare

Un viaggio navigando in un mare di smeraldo, tra piccole e grandi insenature dalla sabbia bianchissima: questa è la Sardegna, un’isola che stupisce il visitatore per i suoi contrasti naturali, luci e colori, un paese di antichissime tradizioni, immerso in una natura selvaggia e incontaminata. 

Situata al centro del Mediterraneo, con un territorio prevalentemente montuoso ma privo di alte vette, la Sardegna regala al visitatore un ambiente naturale unico, nello stesso tempo aspro e dolcissimo. L’uomo, infatti, è in certe zone quasi una rara presenza; vaste superfici sono rimaste magicamente intatte, abitate da cervi, cavalli selvatici e grandi rapaci e sono ricche di piccole zone desertiche, stagni e boschi rigogliosi con alberi anche millenari. 

Il mare regna incontrastato con i suoi colori e si insinua nelle calette tortuose, lungo le coste e le spiagge, nelle località più frequentate. La costa Smeralda con la sua perla, Porto Cervo, ne è un esempio. Il suo Porto Vecchio è considerato il più attrezzato porto turistico del Mediterraneo. Porto Rotondo è una località anch’essa rinomata, che si affaccia sull’ampio Golfo di Cugnana ed è popolata da ville e piazzette incastonate in una magnifica natura. 

Chi al mare preferisce la montagna potrà andare alla scoperta della regione del Gennargentu, il più vasto complesso montano della Sardegna, con i suoi pittorici scenari dove la natura occupa un posto di primo piano. Molto ricca la flora e la fauna con i suoi mufloni, aquile reali, cervi sardi  e varie specie ormai sull’orlo dell’estinzione. 

Tra le sue meraviglie, la Sardegna offre al visitatore i complessi nuragici sparsi su tutto il territorio, monumenti unici al mondo che testimoniano una cultura antica e ancora in parte misteriosa che va dal XV al VI secolo a C. 
I Nuraghi – costruiti con grandi blocchi di pietra – si sviluppavano intorno ad una torre centrale a forma di tronco di cono che trasmette una sensazione di solidità e potenza. Si tratta di siti archeologici dove si possono ancora cogliere i segni di antiche ritualità e di vita domestica dal fascino arcaico. Tra i tanti, il complesso di Barumini in provincia di Medio Campidano è nella lista del patrimonio mondiale UNESCO.      

Le province della Sardegna sono: Cagliari (capoluogo), Carbonia-IglesiasNuoroOlbia-TempioOristanoMedio CampidanoSassariOgliastra

Non è facile dare una priorità alle incantevoli bellezze che si possono ammirare in Sardegna. Zone come San TeodoroSanta Teresa di GalluraPoltu QuatuBaia Sardinia sono solo alcuni dei luoghi suggestivi che vale la pena di scoprire. 

Una delle prime zone da vedere è sicuramente l’Arcipelago della Maddalena con le cosiddette "sette sorelle", cioè le isole principali dell’arcipelago. I visitatori potranno navigare lungo le coste del Parco Nazionale della Maddalena con i suoi fondali ricchi di vita per gli amanti delle immersioni. 

Caprera, la seconda isola più grande dopo la Maddalena, è ricca di pascoli e pinete ed ospita anche il luogo dove visse Garibaldi, trasformato in una casa-museo immersa nella tipica vegetazione mediterranea e ricca di cimeli che ripercorrono la vita dell’eroe dei due mondi. Sempre sull'isola rimane la sua tomba e quella della sua famiglia. 

Navigando da Caprera verso le Bocche di Bonifacio, si rimane colpiti dalla bellezza  dell’isola di Budelli, disabitata e selvaggia, con la sua incantevole spiaggia Rosa, un capolavoro naturale che deve il suo colore a coralli e conchiglie particolari.

Sempre all’estremo nord-occidentale della costa della Sardegna, di fronte al Parco Naturale dell’isola di Asinara, si estende una tra le mete turistiche più conosciute, Stintino, capace di coniugare il fascino del vivace paesino di pescatori con strutture turistiche di altissimo livello. Questo piccolo borgo marinaro, che sembra uscito dal pennello di un pittore con le sue case bianche ed il contrasto tra un mare cristallino e l’azzurro del cielo, offre infinite possibilità di svago dal golf alle escursioni e immersioni, a passeggiate in bici o a cavallo. 

Di fronte alla celebre spiaggia La Pelosa, sorge la Torre omonima, struttura aragonese del ‘500, una delle antiche torri di avvistamento presenti in tutta la Sardegna. Sulla costa  centro orientale dell’isola, nel Golfo di Orosei, si estendono spiagge da sogno caratterizzate da sabbie chiare e da una natura selvaggia che il cemento non ha deturpato. Numerose grotte e cale sono la mèta di visitatori alla scoperta di immagini e sensazioni incomparabili: Cala Biriola, la Grotta del Bue MarinoCala Liberotto Cala Goloritzè sono solo alcuni degli scenari naturali dove il tempo sembra si è fermato. 

La Sardegna sa coniugare mare, natura, tradizioni popolari, misticismo e curiosità. Ne sono esempio le misteriose tombe dei giganti o le "domus de janas" (ovvero case delle streghe) presenti nel Sulcis Iglesiente, antiche sepolture scavate nella roccia che costellano la regione. Ma a rendere celebre la Sardegna sono soprattutto i Nuraghi, antichissime torri in pietra che costituiscono i monumenti megalitici più grandi e meglio conservati di tutta Europa. Il villaggio nuragico per eccellenza è il sito SU Nuraxi di Barumini, in provincia di Medio Campidano, considerato dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

A Cagliari, oltre ad ammirare le  numerose colonie di fenicotteri nella laguna, vale la pena assistere alle tradizionali feste e sagre che si svolgono durante l’anno tra cui la festa di S. Efisio, uno dei più importanti eventi religiosi e folkloristici di tutta la Sardegna.

Risalendo verso Oristano, una sosta obbligata è quella al sito archeologico di epoca romana, Tharros, che gode di un panorama a terrazza sul mare di forte suggestione.

Stintino offre infinite possibilità di svago: golf, escursioni in barca ed immersioni, rilassanti passeggiate a piedi, in bicicletta o magari a cavallo ed esplorazioni nell’entroterra per ammirare la tipica vegetazione mediterranea o antichi reperti archeologici come i nuraghi nella vicina Porto Torres.

Il soggiorno in questa località è reso ancora più interessante se si può assistere e partecipare, a fine agosto, alla regata della Vela Latina, importante manifestazione internazionale dedicata all’antica velatura che vede giungere, nel mare cristallino di Stintino, centinaia di imbarcazioni tradizionali provenienti da tutta Italia. La Vela Latina era la tipica velatura mediterranea fin dai tempi delle Repubbliche Marinare.

La Maddalena, con le sue isole ventose ricche di insenatura naturali e di caratteristici approdi, è una mèta ideale per vacanze in barca a vela. Ma non solo: la zona è indicata anche per le escursioni a cavallo e per i percorsi in mountain bike, un modo alternativo per vivere le spiagge al tramonto e per godere,tracisti e ginestre, di panorami granitici e di scenari naturalistici.

Vale la pena effettuare un’escursione nel Parco Nazionale dell’Asinara sull’omonima isola, considerata come una delle più suggestive di tutto il Mediterraneo, tra le colonie di asinelli bianchi che lì vivono ancora allo stato brado. Svariate sono le attività che si possono svolgere, nel rispetto delle norme del parco: trekking lungo itinerari tematici, bicicletta, passeggiate equestri con cavalli nati e cresciuti sull’isola, escursioni in barca a vela,  immersioni guidate e visite con il trenino gommato che consente di ammirare i paesaggi che si incontrano sostando nei punti più suggestivi.

Nel Gennargentu, un vasto territorio montuoso di particolare bellezza, è possibile compiere diverse attività tra cui il trekking, escursioni in zone archeologiche e sci fra i rilievi di Bruncu Spina - una delle vette più elevate con i suoi 1829 mt. - e Monte Spada, in cui sono presenti impianti sciistici e strutture di ristoro.

La cucina sarda soddisfa i palati più esigenti con il suo gusto semplice e ricco di ingredienti naturali. L'ingrediente principale è il grano, lavorato nel suo prodotto più conosciuto, il pane carasau, ma anche come base per i famosi malloreddus, culurgiones e la fregola.

Non si può andar via dall’isola senza aver assaggiato il gustoso porceddu, maialetto da latte cotto alla brace e servito su vassoi di sughero cosparsi di rami di mirto. Chi ama i sapori del mare non potrà fare a meno di provare l’aragosta algherese, la bottarga di Cabras e il tonno di Carloforte. Altra prelibatezza per i piatti a base di pesce sono la zuppa di arselle e gli spaghetti ai ricci di mare.

Anche salumi e formaggi sono prodotti locali della cucina locale più saporita, tra i quali il più famoso è sicuramente il pecorino sardo.

E per accompagnare le saporite pietanze sarde, il territorio propone vini di ottima qualità come il Vermentino di Gallura Cannonau. Ottimo anche il liquore di mirto.