Sei in Home / Scopri l'Italia / Liguria

Liguria

  • Cosa vedere
  • Cosa fare
  • Cosa assaggiare
  • Info utili

Bagnata dal Mar Ligure e dominata a nord dalle Alpi Liguri e dall'Appennino Ligure, la Liguria è una delle regioni più piccole d’Italia, famosa in tutto il mondo per le sue splendide Cinque Terre, ma custode di molti altri tesori.

 

Piazza de Ferrari, Genova

Piazza de Ferrari, Genova

 

Quali tappe includere in un itinerario di scoperta all’interno della regione? Sicuramente queste dieci:

 

1. Cinque Terre: cinque piccoli borghi pittoreschi (Monterosso al Mare, Vernazza, Corniglia, Manarola e Riomaggiore) arroccati sul mare e in stretta simbiosi con la natura

 

2. Genova: è famosa per il suo porto antico e il suo acquario, ma anche per i suoi stretti carruggi e il suo centro storico (il più grande d’Europa)

 

3. Portofino: destinazione esclusiva del jet set internazionale, poco a est di Genova, è rinomata per le sue case color pastello, il porticciolo e le sue calette

 

4. Dolceacqua: un piccolo borgo medievale dell’entroterra di Ponente, resa celebre da Claude Monet, che restò catturato dal suo ponte suggestivo

 

5. Il Golfo dei Poeti: il Golfo di La Spezia è da sempre amatissimo da scrittori e artisti come Lord Byron, George Sand, P.B. Shelley, Montanelli, Soldati e D’Annunzio

 

6. Sanremo: elegante località di villeggiatura, è conosciutissima per il suo festival della musica e per il Carnevale, oltre che per le sue spiagge e il suo lungomare

 

7. Camogli: incastonato nella roccia nel Golfo del Paradiso, è un borgo incantevole ricco di sentieri escursionistici, tra cui quello che porta all’Abbazia di San Fruttuoso

 

8. La Riviera delle Palme: da Varazze ad Andora, è un litorale che comprende rinomate località balneari, come Alassio, Loano, Albenga, la Baia dei Saraceni e Finalborgo

 

9. Triora: tristemente nota per i processi per stregoneria nel ’500, è un piccolo villaggio dell’entroterra con un interessante museo etnografico e una festa dedicata alle streghe

 

10. Taggia e Arma di Taggia: divise tra la località balneare (Arma di Taggia) e il borgo storico (Taggia), sono un invito a scoprire la Valle Argentina, tra sentieri e percorsi da fare in moto o in bici

 

I suggestivi borghi delle Cinque Terre, con le loro case colorate, i sentieri a strapiombo sul mare e i pendii terrazzati, sono Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco dal 1997 insieme a Porto Venere e Palmaria, Tino e Tinetto, piccole isole nell’estremità occidentale del Golfo di La Spezia. Nel 2006 anche Genova ha ottenuto questo prestigioso riconoscimento per le sue Strade Nuove, quattro strade del centro storico costruite dall’aristocrazia genovese a cavallo di ‘500 e ‘600 che ospitano i Palazzi dei Rolli, splendide dimore nobiliari in stile rinascimentale e barocco che raccontano della grandezza di Genova agli occhi del mondo.

La Liguria è una destinazione consigliata sia agli amanti del relax sia ai più dinamici: con il suo territorio frastagliato, i suoi colli, le cime e i borghi a strapiombo sul mare, è la meta perfetta per chi desidera dedicarsi al trekking o andare in bicicletta, fare diving o parapendio, ma anche conoscere borghi carichi di storia.

 

Vernazza, Cinque Terre

Vernazza, Cinque Terre

 

Tante sono le spiagge dove godersi il sole e il mare: tra le più belle la Baia del Silenzio, a Sestri Levante, la Spiaggia di San Fruttuoso a Camogli (dove si trova incastonata la scenografica l’Abbazia di San Fruttuoso), la Baia dei Saraceni a Varigotti, la Spiaggia di San Lorenzo al Mare, la Spiaggia di Bergeggi e la Baia di Paraggi a Santa Margherita Ligure.

 

Per le immersioni le zone più consigliate sono l'Area Marina delle Cinque Terre, dove fare diving tra secche, relitti e grotte, il Parco Marino di Portofino, che comprende più di venti siti d’immersione tra Santa Margherita Ligure e Camogli, Capo Noli e l’Area Marina dell’Isola di Bergeggi, nella Riviera di Ponente, adatta anche ai principianti. Da non dimenticare Camogli, nelle cui acque, a 17 metri di profondità, si trova la statua del Cristo degli Abissi, protettore dei subacquei.

 

Il mare della Liguria è parte del "Santuario Pelagos", una area di mare compresa tra Liguria, Sardegna e Francia popolata da cetacei: partecipando a un’uscita in barca è frequente avvistare i delfini; tour organizzati da Savona, Genova o Loano organizzano uscite di whale watching in cui è possibile avvistare capodogli, balenottere, tartarughe e pesci volanti.

 

La Liguria offre molte ghiotte occasioni per gli appassionati di trekking. Sentieri escursionistici attraversano tutta la regione: tra i più amati ci sono i percorsi nelle Cinque Terre, come il Sentiero Azzurro, che si snoda sul mare congiungendo tutti e cinque i borghi, la Via dei Santuari, che collega tra loro cinque diversi santuari (percorribile anche in bici o a cavallo), il sentiero a mezza costa da Manarola a Corniglia oppure da Levanto a Monterosso, o ancora il sentiero di 14 km da Portovenere a Riomaggiore, nel Golfo dei Poeti, dove si trovano ben tre parchi (il Parco Nazionale delle Cinque Terre, il Parco Regionale di Portovenere e il Parco Regionale di Montemarcello-Magra) o la Passeggiata panoramica da Sestri Levante a Moneglia, di 15 km. L’Alta Via dei Monti Liguri percorre invece la regione per tutta la sua lunghezza, 440 km in totale da Lerici a Ventimiglia, addentrandosi maggiormente nell’entroterra. Grazie al clima particolarmente mite dell’Appennino Ligure, i sentieri sono percorribili anche in inverno.

 

Tra gli itinerari consigliati per gli amanti della bicicletta c’è la Ciclabile dei Fiori, che si snoda lungo il mare da San Lorenzo a Mare a Ospedaletti, dove un tempo correva il treno (attualmente 24 km ma destinati a diventare 60 in futuro), la Ciclovia dell’Ardesia (35 km) da Lavagna verso le vallate dell’entroterra, adatta anche ai bambini, o Pista ciclabile da Levanto a Framura, breve ma affascinante, ricavata dalla vecchia ferrovia.

 

Per quanto riguarda gli altri sport, la Liguria è un richiamo per gli amanti del climbing che possono così arrampicare con vista mare, come a Finale Ligure e Porto Venere; è inoltre possibile fare parapendio sul mare (a Bergeggi o nel Tigullio), rafting e canyoning (ad esempio in Val di Vara), e sci (in Liguria si può sciare a Monesi di Triora, vicino a Imperia).

 

Tra le attività da fare oltre al mare, c’è la visita alle bellissime Grotte di Toirano, a Borghetto Santo Spirito, indicato anche per le famiglie con bambini, o alla Miniera di Gambatesa, vicino a Genova, visitabile a bordo di un trenino, oppure al Parco della Val d’Aveto, in provincia di Genova, unico posto in Italia dove vivono dei cavalli selvaggi.

 

Per le famiglie con bambini tappa obbligata è la visita all’Acquario di Genova, ospitato nel porto antico di Genova, la Città dei Bambini, sempre a Genova, un centro per bambini e ragazzi a tema scienza e tecnologia, e il Parco acquatico le Caravelle a Ceriale, nel Savonese.

 

Volete partecipare a un evento imperdibile? Tra gli eventi più noti della regione c’è Sanremo in Fiore, il Carnevale di Sanremo, con i famosi carri allegorici floreali, l’Infiorata di Pietra Ligure in occasione del Corpus Domini, il Presepe luminoso di Manarola, nelle Cinque Terre, il presepe illuminato più grande al mondo, la Festa Stella Maris, una festa tradizionale in onore della Madonna celebrata a Camogli la prima domenica di agosto, e l’Autunnonero Ghost Tour, dedicato al mistero e alla leggenda, organizzato a Triora, il famoso “paese delle streghe”.

La cucina ligure ha i profumi del mare e del basilico, basilico che unito all’olio, all’aglio, al formaggio e ai pinoli diventa pesto, tra le sue specialità più famose. Protagonista della cucina è il pesce me anche le verdure, senza dimenticare la focaccia e la farinata della tradizione.

 

Trofie al pesto

Trofie al pesto

 

Se volete cominciare con un antipasto, potete scegliere una insalata di mare e molluschi, come il Cappon magro, una sontuosa e stuzzicante unione di pesce e verdure, o i frisceu, delle frittelle salate con la lattuga, i bianchetti e il baccalà, e le torte salate, come la torta Pasqualina, con ripieno di bietole, parmigiano e uova o sotto forma di farinata di ceci, uno dei piatti più famosi della Liguria.

 

Il primo più classico della cucina ligure prevede trenette o trofie al pesto, un condimento a base di olio extravergine di oliva, basilico, aglio, pinoli e Parmigiano Reggiano. Sono invece simili ai ravioli i pansotti alla genovese, con un ripieno di verdure, da assaggiare magari con salsa di noci; chi vuole gustare un primo di mare può optare invece per i ravioli di pesce, con numerose varianti, anche con verdure.

 

Tra i secondi vi consigliamo la cima alla genovese, della punta di vitello ripiena con uova, piselli, carciofi, pistacchi, pinoli, prosciutto e animelle; per chi ama il pesce gli sgombri con i piselli, con pesce rigorosamente locale, la buridda di seppie, classica genovese, con seppie, piselli e pomodoro, o il pesce alla ligure, con pesce a scelta tra branzini, orate, occhiate e gallinelle cucinato con pomodoro, pinoli, olio d’oliva, olive taggiasche e rosmarino.

 

Come dessert, vi suggeriamo di assaggiare la Panera, un semifreddo al caffè tipico di Genova, gli amaretti di Sassello, dei dolcetti a base di mandorle dolci e amare e bianco d’uovo, o i baci d’Alassio, dei biscotti farciti con una crema di cioccolato. Tipico del periodo natalizio sono invece il Pandolce genovese, con uvetta, frutta candita e pinoli, e la Sacripantina, un pan di Spagna farcito con crema al burro con cacao e nocciole.

 

Se siete dei fan dello streetfood siete nel posto giusto: la Liguria può contare su una scelta molto ampia di cibo da passeggio, a partire dalla focaccia, disponibile in tante varianti: la focaccia genovese, spennellata con olio extra vergine d’oliva, acqua e sale, oppure la focaccia con le olive, o con le cipolle, oppure con salvia o rosmarino nell’impasto o la focaccia di Voltri, più sottile e croccante; oppure ancora la focaccia farcita al formaggio di Recco. Altro grande classico ligure è la farinata, fatta con farina di ceci, da consumare durante i mesi invernali come antipasto o come snack, oppure il cartoccio di fritto misto per un saporito streetfood di mare con calamari ma anche acciughe, gamberi e triglie.

 

Per quanto riguarda la scelta dei vini, la Liguria ne offre di eccellenti: tra i rossi segnaliamo il Rossese di Dolceacqua Superiore Doc, il Rosso Colli di Levanto DOC e il Golfo del Tigullio DOC; tra i bianchi il Vermentino di Luni e il Moscato di Taggia. La Liguria è anche terra di apprezzati passiti: come lo Sciacchetrà delle Cinque Terre, ottimo da dessert, e il Riviera Ligure di Ponente Pigato Passito.

AEREO

 

L’aeroporto di riferimento per la Liguria è l’Aeroporto internazionale “Cristoforo Colombo” di Genova, a circa sei chilometri dal centro cittadino. L’aeroporto è collegato con la stazione ferroviaria di Genova-Sestri Ponente dal servizio navetta di FlyBus, operativo tutti i giorni dalle 6:00 alle 22:00 con corse ogni 15 minuti. Il servizio bus di Volabus collega invece l’aeroporto con le stazioni ferroviarie di Genova Brignole e Genova Piazza Principe, passando per il centro città.

 

TRENO

 

I treni di Trenitalia collegano Genova e le altre località della regione con le principali città italiane. Le Frecce di Trenitalia collegano in poche ore le stazioni di Genova Piazza Principe e Genova Brignole con Venezia, Padova, Verona e Milano.

 

Il treno è il mezzo più pratico per spostarsi lungo le località della costa. Per spostarsi all’interno delle Cinque Terre la Cinque Terre Card consente di accedere ai treni regionali e ai regionali veloci lungo la tratta Levanto - La Spezia (e viceversa) con incluso l’accesso al Parco Nazionale delle Cinque Terre e altri servizi.

 

PULLMAN

 

Flixbus effettua collegamenti tra Genova (Via Fanti D'Italia) e diverse destinazioni in Italia e in Europa.

 

NAVE

 

Il porto di Genova è uno dei maggiori porti italiani e primo per numero di linee di navigazione. La Stazione marittima di Genova è il punto di imbarco più utilizzato per il traffico crocieristico.

 

Dal porto operano diverse compagnie di navigazione per Sicilia, Sardegna, Corsica, Spagna, Marocco, Tunisia e Algeria. Tra le principali:

 

Grandi Navi Veloci: offre collegamenti da Genova a Porto Torres, Olbia, Palermo, Barcellona e Tunisi.

 

Tirrenia: offre collegamenti da Genova a Porto Torres, Olbia, Arbatax e Tunisi.

 

Moby Lines: offre collegamenti da Genova a Porto Torres, Olbia, Arbatax e Bastia (Corsica).

 

CO.TU.Nav: offre collegamenti da Genova a Tunisi.

 

Algérie Ferries: offre collegamenti da Genova a Skikda (Algeria).

 

Il porto di Savona-Vado, a 30 minuti da Genova, è un importante porto crocieristico e di traghetti. Offre collegamenti con la Corsica, la Spagna e il Marocco.

 

Tra le principali compagnie:

 

Corsica Ferries Sardinia Ferries: collega il porto di Savona a Bastia, Isola Rossa e Calvi (Corsica) e Santa Teresa in Sardegna.

 

Grimaldi Lines: collega il porto di Savona a Barcellona e Tangeri (Marocco).