Sei in Home / Scopri l'Italia / Lazio / Latina

Latina

  • Descrizione
  • Cosa vedere
  • Cosa fare
  • Cosa assaggiare

Il capoluogo pontino, nel Lazio, e la sua provincia offrono splendide spiagge, affacciate sul mare Tirreno, ma anche suggestivi borghi e la natura del Parco Nazionale del Circeo. Affacciato sul mare Tirreno, il territorio della provincia di Latina è al centro della pianura pontina. 

Morfologicamente molto varia, la provincia è costituita da monti, piane e fiumi. Le aree naturali tutelate costituiscono una parte importante della zona, con il Parco Urbano di Monte Orlando a Gaeta, il Parco Naturale dei monti Aurunci ed il Parco Suburbano di Gianola. 

Il Parco Nazionale del Circeo si estende per circa 8500 ettari e presenta aspetti variegati, dalla foresta alle dune litoranee, al promontorio, alle zone umide, alle isole. Il parco ospita numerose specie animali, tra le quali la presenza più significativa sono gli uccelli, soprattutto specie migratorie, ma anche il falco pellegrino e l’aquila di mare. 
  
Il litorale e le isole di Ponza e Ventotene sono la principale attrattiva turistica della zona grazie al mare incontaminato. Lungo la fascia costiera si trovano anche piccoli laghi di grande interesse naturalistico tra i quali il Lago di Fogliano e il Lago di Sabaudia. Se Latina e la sua provincia sono note soprattutto per la bellezza della costa e la ricchezza di parchi e oasi naturalistiche, il suo territorio offre molti elementi di interesse anche a chi cerca testimonianze del passato, senza dimenticare il richiamo esercitato dall’architettura della prima metà del Novecento che identifica l’impianto urbanistico di Latina e di Aprilia.    

Latina è il capoluogo della provincia più meridionale del Lazio nel cuore dell’agro pontino. Fu fondata nel 1932 con il nome di Littoria, in una zona, l’agro pontino, un tempo coperta da paludi e bonificata proprio negli anni Trenta. 

La pianta della città è ottagonale con strade diritte che partono dal nucleo centrale della città, Piazza del Popolo e i palazzi principali, tra cui quello della Questura, la Prefettura e il Municipio, disposti intorno a questo centro. 
Su Piazza S. Marco si affaccia l’omonima Cattedrale, terminata nel 1933 e affidata ai Salesiani, ben riconoscibile per la facciata suddivisa da tre alte arcate sorrette da pilastri. Poco distante il palazzo M, un edificio monumentale per altezza e forma, composto di 3 isolati, modellati a forma di M, a segnare l’iniziale del cognome Mussolini, che qui voleva realizzare un Foro. 
  
Storia, natura ed un mare splendido sono gli ingredienti per una vacanza da queste parti, specialmente nel periodo estivo. Sulla costa ma a ridosso delle spiagge, vanno segnalate le cittadine di Sperlonga, un delizioso borgo medioevale fatto di vicoli e casette a picco sul mare dove si può ammirare, oltre al colore intenso del mare, la grotta di Tiberio, una cavità aperta sul mare dove sono stati rinvenuti reperti risalenti al I secolo ed attualmente custoditi nel vicino Museo Nazionale Archeologico della città.

C'è poi San Felice Circeo, conosciuta cittadina turistica del litorale, formata da una parte medioevale in posizione elevata sul Monte Circeo e, da una parte moderna, ai piedi del monte, Formia, affascinante cittadina affacciata sul Golfo di Gaeta con belle spiagge e dove l’ epoca romana ha lasciato tracce ben visibili. 

Merita una visita, poi, Terracina, sovrastata dal tempio di Giove Anxur, raggiungibile con una strada panoramica, e la sua Piazza del Municipio, centro storico alto, dove sono visibili il Duomo medioevale dedicato a S. Cesareo introdotto da un’ampia scalinata e un portico a colonne. Al lato, il trecentesco Palazzo Venditti e la Torre Frumentaria dove si trova il Museo Civico Archeologico che raccoglie reperti di scavi locali, fra cui sono predominanti i resti di epoca romana. 

Infine Gaeta, che si trova su una lingua di terra su cui domina il Monte Orlando. Al castello si arriva percorrendo le stradine del tipico quartiere medioevale per poi arrivare al Duomo vicino al porto, dedicato a S. Erasmo, impreziosito da inserti di tipo moresco e facilmente riconoscibile dal monumentale campanile che raggiunge i 57 mt. La Chiesa di San Giovanni al mare, poco distante, risale al X secolo, ed è riconoscibile dalla splendida cupola sferica in stile arabo: il pavimento fu costruito con una leggera inclinazione per permettere il defluire delle acque, in caso di alta marea.   

Resti archeologici romani di estremo valore possono essere ammirati a Cori,  Norma, Sezze, Monte San Biagio e Ninfa, di cui si ricorda lo storico giardino, monumento naturale cha raccoglie esemplari di flora e fauna da tutto il mondo sul modello del giardino all’inglese. Castelli, rocche e chiese di epoca medievale si trovano a Cori, Fondi, Maenza e Priverno, con l’abbazia di Fossanova, Minturno e Sermoneta.    

Oltre ai numerosi stabilimenti balneari che ne fanno una meta ideale per le vacanze estive, la provincia di Latina è meta particolarmente adatta alle attività all’aria aperta grazie alla presenza di parchi.
 
Nel Parco Naturale del Circeo si possono praticare il trekking e le escursioni a cavallo o in bicicletta. Il parco presenta aspetti variegati, ospita numerose specie animali, con circa 25 specie diverse di uccelli tra cui folaghe e cormorani e le specie rare come il falco pellegrino, il falco pescatore, l’aquila di mare, la gru, il fenicottero e la spatola.   

Sulla fascia costiera vale la pena vedere i piccoli graziosi laghi di Fogliano e di Sabaudia che offrono la possibilità, a chi pratica birdwatching, di ammirare avifauna migratoria e stanziale, come anatre selvatiche e trampolieri. Per gli amanti della vela e delle immersioni i fondali delle Isole Pontine sono una destinazione ideale. Le Isole Pontine sono due gruppi di isole di origine vulcanica: quella più occidentale comprende; Ponza, Gavi, Zannone; quella più orientale comprende Ventotene e Santo Stefano. Sono conosciute dagli amanti del mare per il blu cristallino del mare e anche per il divertimento che sanno offrire, soprattutto nella stagione estiva.

Numerosissime le feste tradizionali e folkloristiche distribuite in tutte le località della provincia. A Cori si svolge lo storico Carosello dei Rioni, cui partecipano, indossando i costumi del '500, i rappresentanti dei tre rioni corrispondenti alle Porte Signina, Ninfina e Romana che si contendono il palio dell’anello. A Norma, si svolge la Sagra della Caldarrosta e per l’occasione vengono costruiti degli stand, baracche, con legno e foglie di castagno e materiali presi dai boschi, nelle quali è possibile gustare le castagne che vengono arrostite. 

La notte precedente la festività religiosa dell’Ascensione a Sonnino si tiene la suggestiva Sagra delle Torce. Immersa in un suggestivo scenario, una lunga processione notturna illuminata da torce percorre le balze dei monti fino ad arrivare, all’alba, al Santuario della Madonna delle Grazie. Suggestiva è anche la Sagra delle Regne, nel centro storico di Minturno dove vengono battuti i covoni di grano trasportati in piazza da carri trainati da buoi. Il grano viene gettato in aria per poi essere offerto: uno dei segni di ringraziamento per il buon raccolto.

La cucina locale è legata ai prodotti della terra di questa zona a spiccata vocazione agricola ma anche ai prodotti che offre il mare. I prodotti agricoli concorrono a creare piatti gustosi spesso importati dalla cucina tipica romana come l’abbacchio al forno con patate, la pajata, la coda alla vaccinara, l’agnello garofolato insieme a tutte le altre specialità.   

Numerosi sono i prodotti tipici presenti nella zona. Tra questi ricordiamo le mozzarelle, il marzolino, un formaggio a pasta dura poco stagionato e dal sapore dolce, il Prosciutto di Bassiano aromatizzato con una salsa a base di vino, aglio e pepe e stagionato, il prosciutto cotto di Cori, le olive di Gaeta

Indiscussa l'eccellenza delle salsicce di Monte San Biagio e di altri paesi della provincia di Latina che vengono preparate con la parte più pregiata del maiale, speziate con il coriandolo e messe sott’olio. I dolci tipici sono soprattutto biscotti secchi frittelle di mele, ciambelle classiche, ciambelle al vino e ciambelle fritte: alcuni dolci fra questi si trovano soprattutto durante le ricorrenze locali.   

La produzione vinicola locale annovera numerosi vini Doc, tra i quali l’Aprilia Trebbiano e Merlot e il Circeo Trebbiano nelle versioni bianco, rosso e rosato. Conosciuto anche il Moscato di Terracina, uno dei più rappresentativi vini I.G.T. e l’Aleatico.