Sei in Home / Scopri l'Italia / Emilia Romagna / Ferrara, fra Medioevo e Rinascimento

Ferrara, fra Medioevo e Rinascimento

FerraraFerrara, cittadina della bassa pianura emiliana che sorge intorno a un guado del fiume Po, è un’incantevole testimonianza dell’arte e dell’architettura medievale e rinascimentale. 

In epoca rinascimentale alcuni dei più grandi maestri dell’arte italiana al servizio della Corte Estense hanno realizzato a Ferrara architetture e monumenti di singolare valore. La sua storia è profondamente legata a quella della famiglia d’Este che rese, fra il XIII e il XVI secolo, la città un vero e proprio museo a cielo aperto. 

La prima cosa da fare a Ferrara, infatti, è aggirarsi per l’incantevole rete di strade che compongono la sua struttura. Fra le grandi città italiane, Ferrara è una delle poche a non essere stata originariamente impostata su pianta romana. Furono  gli Estensi a ‘dare un’impronta’ a Ferrara con un ambizioso progetto urbanistico che ha valso alla città, fra le altre cose, l’iscrizione alla World Heritage List dell’UNESCO nel 1995.

La più importante testimonianza del periodo Medievale è senz’altro la Cattedrale di San Giorgio, che risale al XII secolo. Molto particolare la sua facciata, che fu iniziata con stile romanico nella parte inferiore e fu completata successivamente in stile gotico nella parte superiore. Nel Museo della Cattedrale si trovano reperti e sculture provenienti in gran parte dalla Cattedrale, tra cui le antiche ante d’Organo, formelle duecentesche provenienti dalla Porta dei Mesi della Cattedrale.

Nel nucleo centrale di piazza della Repubblica ci si apre la vista del maestoso Castello Estense, monumento esemplificativo dello sfarzo della corte estense. Costruito nel 1385, il Castello domina il panorama urbano con le sue torri, le mura merlate e i profondi fossati. Visitare gli ambienti interni, come gli appartamenti ducali, le cucine e le prigioni, significa fare un vero e proprio salto nell’epoca medievale. 

Ma a fare lo splendore di Ferrara sono anche le sue numerose architetture di pregio. Unito al Castello Estense da un percorso interno coperto c’è il Palazzo Comunale, che risale al 1200 circa e fu residenza ducale degli Estensi. Oggi sede del Comune, il Palazzo s'affaccia sulla piazza della Cattedrale col suo caratteristico Volto del Cavallo, sormontato dalle statue, rifatte, di Nicolò III e di Borso d'Este. 

Non lontano troviamo Palazzo Schifanoia, voluto da Alberto V d’Este nel 1385 e successivamente ampliato. Oggi sede del Museo di Arte Antica, Palazzo Schifanoia ospita collezioni di varia natura dall’ala trecentesca al ‘Salone dei Mesi’ che contiene uno dei cicli di affreschi più importanti del XV secolo. 

Da visitare anche Palazzo Costabili, che leggenda vuole attribuito a Ludovico il Moro, oggi sede del Museo Archeologico Nazionale e Palazzo dei Diamanti, fatto costruire da Sigismondo d’Este, con la sua facciata bugnata in marmo bianco e rosa e la Pinacoteca Nazionale all’interno. 

Leggi l'approfondimento "La Ferrara degli Estensi"