Sei in Home / Scopri l'Italia / Campania / Benevento

Benevento

  • Descrizione
  • Cosa vedere
  • Cosa fare
  • Cosa assaggiare

Atmosfere remote si diffondono nell’antica terra dei Sanniti, poi colonizzata dai Romani che la ribattezzarono Beneventum
Provincia ricca di storia, di suggestioni archeologiche e di affascinanti paesaggi, sorprende per un aria di raccolto misticismo che da sempre la caratterizza. Entrarci è come varcare il confine tra presente e passato, con il desiderio di riscoprire tradizioni folcloristiche e gastronomiche che affondano le loro radici in tempi lontani.
La provincia di Benevento, con i suoi silenzi e le emozioni che solo una natura incontaminata sa offrire, è la meta ideale per trascorrere una vacanza tranquilla, seguendo dolci itinerari alla scoperta di un mondo scandito da ritmi differenti, distante anni luce dalla frenesia delle grandi città. 

Un viaggio alla riscoperta di un mondo ormai dimenticato, quello dei Sanniti, dei Romani e dei Longobardi che, in un tempo lontano, hanno vissuto tra le stesse montagne e rocce, foreste e pascoli, sorgenti e laghi che si estendono davanti ai nostri occhi.
Luoghi di una bellezza unica, difficili da dimenticare, conquistano il cuore e la mente con il loro lato più segreto, quello di una civiltà contadina e pastorale ancora legata gelosamente alle sue tradizioni, alle zolle di questa terra che ha sempre coltivato con amore, agli antichi mestieri, alle sue credenze popolari, un bagaglio culturale passato di padre in figlio.

Filari di vite, distese di ulivi e campi di grano, segni tangibili del lavoro dell’uomo, si inseriscono armoniosamente in questo ambiente incontaminato, colorato da fitti boschi che si inerpicano lungo le dorsali dei monti. 
Luoghi che colpiscono per il silenzio che li avvolge, interrotto solo dalla “voce” della natura e dalla vita dei piccoli borghi antichi. Piccoli centri che raccontano le loro origini lontane, il loro modo di vivere la quotidianità, la loro maestria nel lavorare le materie prime e trasformarle in pregiati prodotti artigianali, il loro amore per le tradizioni passate.
La Valle Telesina, oltre a essere la terra dei vini, è anche una delle zone più belle della provincia. Splendido il paesaggio naturale delle Fonti del Grassano, ai piedi del Monte Pugliano, dove acque limpide e fredde scorrono tra salici, pioppi e fitti canneti: un’oasi perfetta per la nidificazione di molti uccelli acquatici.

A Telese Terme, nel 1300 – a causa di un terremoto – vennero alla luce sorgenti di acqua sulfurea dalle preziose proprietà curative, le stesse che alimentano l’odierno Parco Termale, altamente specializzato anche per la cura dei bambini. Poco distante, l’area archeologica Telesia, con resti di mura, strade e edifici termali dell’epoca romana. 
A ridosso della valle, il Parco Naturale Regionale Taburno-Camposauro, noto come “Dormiente del Sannio” per il disegno del profilo delle montagne che evoca l’immagine di una donna sdraiata.
Pietrelcina è un piccolo paese che lega il suo nome e la sua fama alla figura di Padre Pio, che qui trascorse la sua infanzia. Oggi, questo piccolo centro, con i tanti luoghi legati alla vita del Santo, è una delle principali mete di pellegrinaggio d’Italia.

Benevento
 è il punto di incontro tra l’antico e il moderno, tra la tradizione e il progresso. Tanti i segni delle antiche civiltà che ritroviamo tra le vie del capoluogo. L’Arco di Traiano, uno dei trionfali archi romani meglio conservati, con splendidi rilievi su entrambe le facciate, il Teatro Romano e il Ponte Leproso, sotto il quale scorre il fiume Sabato, sono le opere, sopravvissute all’erosione del tempo, che i Romani realizzarono al tempo dell’antica Beneventum. Tra le chiese, il Duomo in stile romanico, la Basilica della Madonna delle Grazie e la Basilica di San Bartolomeo. Il Museo del Sannio espone reperti storici e archeologici rinvenuti, in gran parte, nell’area della provincia.

Adulti e bambini potranno cimentarsi nel Parco Avventura Camposauro lungo una serie di itinerari percorribili solo con il supporto di funi, carrucole, piccoli ponti e piattaforme in legno: un modo alternativo per divertirsi e per mettere alla prova la propria abilità.
Un’escursione guidata tra le doline di Monte Pugliano, interessante esempio di fenomeno carsico, offre l’opportunità per esplorare da vicino il patrimonio naturalistico di questa terra. Interessante, anche dal punto di vista archeologico, la scalata del Monte Acero la cui vetta, in epoche remote, fu circondata da una imponente cinta muraria ancora esistente.

Un’avifauna ricca e variegata rende l’Oasi Montagna di Sopra una meta interessante per gli appassionati di birdwatching che potranno ammirare poiane, sparvieri, astori, corvi imperiali, falchi pellegrini e gufi reali. 
Ricca l’offerta delle sagre e feste che si ricollegano agli antichissimi riti. Uno degli appuntamenti più suggestivi è la “Festa dell’Uva”. Carri allegorici creati con chicchi di uva, accuratamente selezionati per grandezza e colore dai bravi maestri carraioli, formano una caratteristica e originale sfilata che rallegra le strade della graziosa Solopaca.
Prosa, musica, cinema, mostre ed incontri fra personaggi, interpreti ed autori,  compongono il ricco programma offerto dal festival del teatro “Benevento Città spettacolo”, che anima la vita culturale del capoluogo fin dal 1980.

Gli ingredienti della gastronomia del Sannio sono gli stessi che, per secoli, hanno imbandito la tavola delle comunità locali: olio extravergine d'oliva, pasta fresca fatta a mano, carni bovine, ovine e suine, formaggi, miele, frutta, noci e castagne.
Piatti definiti “poveri” perché legati alla vita contadina, certo non per la povertà dei sapori che, invece, risultano ricchi e intensi.
Pasta con sugo di castrato, minestre, sformato di uova, formaggio e salsiccia, zuppa di cardi, carni alla brace, funghi imbottiti, ortaggi sottolio, biscotti e il pane di mais, la scelta è ampia e adatta a tutti i palati.
Tra le tipicità meritano una nota a parte i saporiti formaggi, l’olio extra vergine d’oliva e il famoso torrone, prodotto già in epoca romana e considerato il dolce sannita per eccellenza. 

Specialità che richiedono l’abbinamento con buoni vini e il Sannio ne produce di eccellenti: il Solopaca, l’Aglianico del Taburno, la Falangina, il Beneventano e il Dugenta sono i nomi delle produzioni DOC e IGT locali.
Ma prima di alzarsi da tavola, Benevento offre un’ultima magia: il famoso liquore digestivo Strega, noto nel mondo per il colore giallo intenso e per il gusto inimitabile.