Sei in Home / Notizie /  L'Emilia Romagna affronta il terremoto

L'Emilia Romagna affronta il terremoto

05.06.2012 - 30.06.2012

La situazione nella regione aggiornata al 5 giugno

Epicentro terremoto Emilia Romagna

Epicentro terremoto Emilia Romagna

L'Emilia Romagna prova a tornare alla normalità. Dopo le scosse dei giorni scorsi e il persistere dello sciame sismico in alcune zone interne, la situazione appare stabile. 

Sono numerosi gli sfollati delle zone interne interessate dal sisma, alcune attività produttive sono state temporaneamente sospese e molte altre hanno ricominciato la normale produzione sotto i tendoni innalzati per l'occasione e all'interno di speciali container. 

Le attività di ricezione turistica proseguono normalmente tranne che per alcuni centri del territorio interessato dalle scosse (vedi le informazioni a fondo pagina). Mentre prosegue la gara di solidarietà verso le popolazioni colpite, si quantificano i danni e si verificano le lesioni dei beni storico monumentali, nella aree a maggiore vocazione turistica presenti sulla riviera romagnola i turisti continuano ad affluire. 

La Protezione Civile, i Vigili del Fuoco, i Carabinieri per la tutela del patrimonio culturale, le varie unità di crisi locali verificano quotidianamente la stabilità degli edifici civili e pubblici, e si sta procedendo a mettere in sicurezza beni e servizi. 

Particolare attenzione viene data alla situazione dei beni artistici, museali e architettonici colpiti dal terremoto. Un corpo speciale dei Vigili del Fuoco insieme alla Direzione regionale del Ministero dei beni culturali, si occupa quotidianamente dei sopralluoghi all'interno degli edifici potenzialmente interessati.

E' presto per fare una stima complessiva dei danni. Tuttavia per alcune città come ModenaFerrara e Bologna, dopo le prime verifiche alcuni monumenti e musei stanno già riaprendo al pubblico.

Le zone turistiche rivierasche e le più importanti città artistiche dell'Emilia Romagna non sono state coinvolte dalle scosse e non si registrano danni a cose e a persone. I Governatori dell'Emilia Romagna, del Veneto e del Friuli-Venezia Giulia hanno rassicurato i turisti sulla situazione di spiagge e strutture turistiche “intatte e funzionanti”.

Il Ministro per il Turismo, Piero Gnudi,  ha attivato una task force di esperti per spiegare all'estero che il sisma ha coinvolto solo una piccola porzione del territorio italiano e che i turisti possono continuare a visitare l'Italia con serenità, ed ha messo a disposizione il numero verde di Italia.it per informazioni in tempo reale per chi viaggia.

A parte alcune interruzioni temporanee e modifiche nella viabilità la situazione delle strade, delle ferrovie e degli aeroporti è normale. Strade, passi e valichi sono percorribili, i treni circolano e tutti gli aeroporti sono aperti. In quello di Bologna è stata appena inaugurata una nuova linea da e per Berlino.  

Per informazioni in tempo reale per chi si mette in viaggio è possibile anche consultare i seguenti siti:

Strade
www.stradeanas.it
numero verde 841148 

Contact center di Italia.it: +39039039039 / 800.000.039 


Per ulteriori informazioni si possono consultare i seguenti siti
:

Regione Emilia-Romagna
Sito ufficiale www.regione.emilia-romagna.it
Sito Ufficiale “Dopo il terremoto” www.regione.emilia-romagna.it/terremoto 

Provincia Reggio Emilia 
Sito ufficiale www.provincia.re.it

Provincia Ferrara 
Sito ufficiale 
www.provincia.fe.it
Informazioni sul sisma Provincia di Ferrara www.provincia.fe.it/sisma 

Provincia di Modena www.provincia.modena.it

Protezione Civile Emilia-Romagna www.protezionecivile.emilia-romagna.it | Tel. 800333911

Centro unificato di Informazioni turistiche Ferrara
Tel. 0532 209370 - 299303 Fax 0532 212266 
infotur@provincia.fe.it

Rimani aggiornamento su

Twitter:

http://twitter.com/turismoer (servizio fornito da Turismo Emilia Romagna).

Consigliamo inoltre ai turisti stranieri di rivolgersi alle proprie ambasciate e consolati presenti sul territorio per ottenere ulteriori informazioni e aggiornamenti.