Sei in Home / Notizie /  Sistema della Moda e Sistema delle Fonti in Puglia. La storia della moda in Puglia

Sistema della Moda e Sistema delle Fonti in Puglia. La storia della moda in Puglia

23.11.2011 - 10.01.2012

Putignano (BA), dal 23 Novembre 2011 al 10 Gennaio 2012 - Un Catalogo che racconta la storia della città di Putignano, tra moda e imprese; un faro acceso sulle...

Un Catalogo che racconta la storia della città di Putignano, tra moda e imprese; un faro acceso sulle famiglie di imprenditori del territorio che hanno avuto la lungimiranza di conservare tasselli utili alla ricostruzione bibliografica, museale ed iconografica della propria azienda; nuove prospettive di studio e ricerca nel lavoro di censimento e inventariazione degli archivi d’impresa. È il progetto “Sistema della Moda e Sistema delle Fonti in Puglia” promosso dal Comune di Putignano insieme alla Soprintendenza Archivistica per la Puglia e realizzato con risorse finanziarie messe a disposizione dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Puglia (circa 50mila euro).“Il Comune di Putignano continua l’attività di valorizzazione del patrimonio imprenditoriale e culturale che ha nutrito e fatto crescere il tessuto sociale della nostra cittadina, portandola a raggiungere vette di professionalità e riconoscibilità impensabili, di cui non sempre e non tutti abbiamo consapevolezza – ha sottolineato il Sindaco Gianvincenzo Angelini De Miccolis in occasione dell’inaugurazione della mostra nella Biblioteca comunale – È proprio nei momenti di crisi che bisogna attingere alle energie, anche quelle nascoste o dimenticate, per trarre nuove riflessioni, elementi di novità dal passato, forza per affrontare e superare le difficoltà. Gli archivi sono esattamente quelle riserve dimenticate o sconosciute a cui attingere per trarre insegnamenti su come sono stati affrontati problemi simili e stimoli per costruire percorsi futuri”. “Tra gli obiettivi del progetto – ha tenuto a precisare Giuseppe Genco, Assessore comunale alla Cultura – c’è l’idea di stimolare la riflessione degli imprenditori e degli stilisti del territorio sulle opportunità che si aprono in termini di valorizzazione del proprio patrimonio, quando si decide di intervenire ed investire nel recupero e salvaguardia della documentazione storica”. “Già nel 2003 l’Amministrazione comunale di Putignano si mostrò sensibile al tema della moda ed al lavoro di censimento e inventariazione degli archivi d’impresa – ha ricordato Antonella De Lucia,

funzionario della Soprintendenza Archivistica per la Puglia/Ministero per i Beni e le Attività Culturali e responsabile scientifico del progetto – In quegli anni lo studio partì da una delle imprese più antiche sorte in Italia tra la fine dell’Ottocento ed i primi anni del XX secolo, l’impresa di confezioni Cesare Contegiacomo. Oggi l’approfondimento storico, per mantenere vivo il processo di tutela e valorizzazione della memoria di impresa in Puglia, ha compiuto passi in avanti: il patrimonio archivistico, bibliografico, museale ed iconografico raccolto negli ultimi anni si arricchisce di quello conservato presso note aziende putignanesi, di proprietà di diverse famiglie pugliesi (Serio - archivio “Ditta Serio”, Intonti - archivio “Ditta Michele Mummolo”, Sbiroli - archivio “Ditta Val&Max”, Giovanna Sbiroli - archivio “Ditta Giovanna Sbiroli” e Polignano - archivio “Ditta Berrettificio Dalena”). L’augurio è di continuare su questa strada per far emerge visioni ed esperienze che testimonino la vocazione imprenditoriale dell’intero territorio pugliese”. “La Fondazione Cassa di Risparmio di Puglia – ha precisato il suo presidente Antonio Castorani - da tempo ormai coopera con le istituzioni locali per attività di stimolo in vari settori, soprattutto in quello dell’arte e dei beni culturali nella Regione Puglia. Non potevamo trascurare il settore della ricerca archivistica nel campo della moda, legata alla storia del costume e delle tradizioni del territorio, e segno distintivo delle diverse classi sociali fino a pochi anni fa. Abbiamo già dimostrato interesse collaborando alla realizzazione del volume su Cesare Contegiacomo e l’industria della moda a Putignano e non abbiamo esitato nel sostenere l’approfondimento della ricerca attraverso una mostra ed un catalogo d’indiscusso valore”.“L’iniziativa realizzata a Putignano costituisce il tentativo di far emergere la specificità territoriale delle produzioni pugliesi nell’ambito di una più ampia ricognizione dell’immenso patrimonio della moda italiana contenuto negli archivi del Novecento – ha spiegato Maria Carolina Nardella, Soprintendente Archivistico per la Puglia/Ministero per i Beni e le Attività Culturali - L’inserimento nel più ampio progetto nazionale e la presenza dell’esperienza pugliese nel Portale degli Archivi della Moda, nato di recente nell’ambito del Sistema Archivistico Nazionale, non può far dimenticare il coinvolgimento delle istituzioni locali e degli studiosi che, a vario titolo e in diversi momenti, hanno affiancato (e si spera affiancheranno ancora in futuro) il lavoro della Soprintendenza”. Significativa la partecipazione al convegno di Mario Totaro, Presidente regionale del Distretto della Moda, di Onofrio Resta, Assessore provinciale alle Attività produttive e di Cesare Contegiacomo, ultimo rappresentante dell’omonima impresa di confezioni putignanese. “Per riflettere e disegnare il futuro migliore possibile, bisogna innanzitutto guardare al passato, alla nostra storia. Da lì trarre orgoglio e consapevolezza dell’aver superato momenti difficili ed aver costruito benessere per tanti – ha sottolineato in un messaggio Gianfranco Viesti, Presidente della Fiera del Levante e docente dell’Università degli Studi di Bari – Ricostruire la storia della moda a Putignano è motivo di vanto per l’intera Regione, occasione per mostrare, a chi non la conosce, l’abilità di costruire quasi dal nulla, di creare e valorizzare professionalità artigiane, di coltivare lo spirito d’impresa, di affrontare i tanti cambiamenti nello scenario nazionale ed internazionale”.Quattro sono le sezioni dedicate alla mostra: “Lo scenario”, “Le imprese”, “La distribuzione del prodotto ovvero la civiltà dello scambio”, “Le donne tra lavoro e formazione”. A breve sarà disponibile il Catalogo di approfondimento, dal titolo “Putignano tra moda e imprese”. Curata dal responsabile scientifico del progetto, Antonella De Lucia, la pubblicazione è impreziosita dagli interventi di illustri studiosi ed esperti del settore: Pietro Sisto dell’Università degli Studi di Bari (Nella ‘piccola Svizzera Pugliese’ arretratezza e sviluppo a Putignano tra Otto e Novecento), Regina Poso dell’Università del Salento (Cenni sull’abito da sposa nel XX secolo), Maria Pia Pettinau Vescina, storica de costume (Note di moda. Dalla Haute Couture allo stilismo) e Vito Minunni, economista (Gli anni Settanta e gli anni Ottanta a Putignano. Crisi e ristrutturazione del Distretto della Moda).

Informazioni utili

Email: work_in_progress@alice.it
Telefono: 328 3672204

 

 

Come arrivare

Dove: Biblioteca Comunale
Città: Putignano
Indirizzo: Corso Vittorio Emanuele 51
Provincia: Bari
Regione: Puglia