Sei in Home / Notizie /  UN QUARTIERE DI ROMA ANTICA - ANTEPRIMA PER LA STAMPA

UN QUARTIERE DI ROMA ANTICA - ANTEPRIMA PER LA STAMPA

27.07.2011 - 27.07.2011

Roma, il 27 Luglio 2011 - Comunicato stampa La Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma annuncia il riallestimento...

Comunicato stampa La Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma annuncia il riallestimento di una delle sale del museo e la conclusione dell’ampliamento del percorso archeologico del quartiere antico a est dell’esedra della Crypta Balbi dove si è provveduto al restauro degli ambienti relativi all’officina metallurgica databile al VI sec. d.C.. Nel nuovo allestimento si segnala il restauro e riallestimento del frammento di una parete dipinta a fondo nero con tracce di un motivo vegetale stilizzato reso con linee sottili di colore chiaro. Si tratta di una decorazione di II stile iniziale, databile all’età augustea, che decorava una nicchia esterna della cripta. Il frammento riporta una finta parete di marmi decorati alla quale si unisce un pannello nero con racemi vegetali. Alla parte superiore della parete appartengono frammenti a fondo azzurro. Oltre al restauro della scultura del Cautes, divinità minore del mitraismo, proveniente dallo scavo del mitreo, alcuni reperti dalle demolizioni del complesso come il frammento di mensa a sigma tardoantica, l’integrazione delle ceramiche da mensa, da dispensa e da trasporto del VI secolo, i crogioli e alcuni reperti dall’officina di VI secolo. L’OFFICINAIn due ambienti che chiudono il percorso archeologico si impianta un’officina che è stata allestita con i reperti trovati durante lo scavo. Nel primo ambiente si trova una grande fornace a riverbero per la lavorazione di manufatti metallici e, forse, del vetro, con appoggio per i mantici del tipo di quelle ben note nel medioevo. Nella fornace venivano posti i crogioli per la fusione del metallo. L’officina si estende all’ambiente a est dove è impiantato un forno di pietra lavica con fori per i mantici e, nell’angolo sud-est, una vaschetta di raffreddamento. Nell’angolo nord-ovest un focolare forse per la preparazione del combustibile per ambedue le fornaci. La parte dell’officina destinata alle lavorazioni a freddo era probabilmente collocata nei locali limitrofi.

Dagli scarti rinvenuti l’attività produttiva riguardava la realizzazione di accessori d’abbigliamento, manufatti in osso lavorato e tutta quella gamma di prodotti che ritroviamo nell’officina di VI secolo i cui materiali, rinvenuti nel deposito dell’esedra, sono esposti nel museo e che era verosimilmente impiantata negli edifici a nord-est dell’esedra. La direttrice del museo, Laura Vendittelli, sarà a disposizione dei giornalisti che desiderano visitare la sala del museo e lo scavo dell'antico quartiere mercoledì 27 luglio dalle ore 10.00 alle ore 12.00 Ufficio stampa Electaper la Soprintendenza specialeper i beni archeologici di Roma Gabriella Gattotel. 39 06 47 497 462press.electamusei@mondadori.it

Informazioni utili

Sito Web: archeoroma.beniculturali.it

Biglietteria
Orario apertura: dalle ore 10.00 alle ore 12.00

Prenotazioni
Sito web: archeoroma.beniculturali.it

Come arrivare

Città: Roma
Indirizzo: Via delle Botteghe Oscure n.31
Provincia: Roma (RM)
Regione: Lazio
Sito Web: archeoroma.beniculturali.it