Sei in Home / Notizie /  Echi caravaggeschi in Puglia

Echi caravaggeschi in Puglia

02.12.2010 - 07.03.2011

Lecce, dal 2 Dicembre 2010 al 7 Marzo 2011 - Echi caravaggeschi in Puglia è il titolo della mostra che sarà ospitata a Lecce nella chiesa di San...

Echi caravaggeschi in Puglia è il titolo della mostra che sarà ospitata a Lecce nella chiesa di San Francesco della Scarpa dal 6 dicembre 2010 al 27 febbraio 2011 e a Bitonto, nella Galleria Nazionale della Puglia dal 13 marzo al 15 maggio 2011.Organizzata in collaborazione tra la Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici della Puglia ed il Museo Provinciale «Sigismondo Castromediano» di Lecce, l'esposizione consentirà di fruire di circa 60 opere, tutti dipinti ad olio su tela, in cui sono rappresentate scene sacre, mitologiche, bibliche, nature morte e, infine ritratti, custoditi in chiese, musei diocesani, provinciali, civici e sedi vescovili dell’intera Puglia. Sono dieci i dipinti di proprietà privata che vengono esposti qui per la prima volta grazie alla squisita disponibilità dei collezionisti, mentre due opere importanti per la definizione del percorso provengono dalla Basilicata: si tratta del Sellitto di Aliano e della Natura morta della Collezione D'Errico di Palazzo San Gervasio. Sei opere, tra cui quelle di Orazio Gentileschi, Giovanni Baglione e Bernardino Mei, provengono dalla Galleria Nazionale della Puglia.Obiettivo della Mostra è dare conto della sensibilità alle novità della pittura caravaggesca in Puglia sin dal primo decennio del Seicento, come testimonia la precocissima commissione al Caravaggio stesso di un misterioso dipinto, da taluni identificato con la Madonna del Rosario del Kunsthistorisches Museum di Vienna, per una chiesa di Polignano a Mare da parte del suo feudatario Nicola Radulovich, prima commissione del Merisi appena giunto a Napoli. E, insieme, illustrare la diffusione delle istanze caravaggesche in periferia, inizialmente grazie soprattutto al pittore napoletano Paolo Finoglio, ampiamente rappresentato in mostra, operoso soprattutto nel Salento; al suo ritorno a Napoli, dopo aver incessantemente lavorato in Puglia fino agli anni trenta del XVII secolo, affluivano ormai nella regione opere di Filippo Vitale,

Battistello Caracciolo e, successivamente, di Ribera, Pacecco De Rosa, Agostino Beltrano, Massimo Stanzione e di altri protagonisti con i quali si completava la fortuna della maniera di Caravaggio che, esaurita la spinta propulsiva di una “renovatio”cattolica di forte intensità, lascerà il posto a più travolgenti modelli barocchi, diffusi in Puglia dagli allievi di Luca Giordano.Lo studio delle opere, alcune delle quali restaurate in vista della Mostra, ha consentito di formulare nuove attribuzioni o di precisare attribuzioni già espresse in altre sedi. Talune opere, in lavorazione presso il Laboratorio di Restauro della Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici della Puglia, troveranno posto in mostra “in corso d'opera”, altre saranno esposte a restauro appena ultimato. Tra queste ultime, sarà presente l'inedita Decollazione del Battista, opera autografa di Andrea Vaccaro scoperta di recente a Bari e ricondotta ai poco noti esordi giovanili dell'artista napoletano, incantato dalla poetica di Caravaggio. Il catalogo, edito da Giuseppe Barile, darà conto di ciascuna opera attraverso schede puntuali, per le quali ci si è avvalsi non solo degli storici dell'arte dei due enti promotori e di docenti universitari della disciplina , ma anche del contributo di giovani e valenti studiosi che hanno accolto l'invito a collaborare. Troveranno posto in catalogo saggi tesi a riscoprire e precisare la peculiare diffusione del caravaggismo in Puglia, dalla Terra d'Otranto, con il Materano che anticamente ne era parte integrante, alla Terra di Bari, e alla Capitanata. Al contempo la mostra testimonia degli arrivi moderni: tra questi ultimi si espongono le opere che testimoniano della cultura artistica del primo Seicento all'interno della Galleria Nazionale della Puglia.Inaugurazione: Lecce, Chiesa di San Francesco della Scarpa, 6 Dicembre 2010, h. 18,00La mostra rimarrà aperta anche nei giorni di Natale e Capodanno dalle ore 9 alle ore 13 e dalle ore 16 alle ore 19.

Informazioni utili

Sito Web: www.spsae-ba.beniculturali.it
Email: mbac-sbsae-pug@mailcert.beniculturali.it
Telefono: 08326821

Prenotazioni
Sito web: www.spsae-ba.beniculturali.it

Come arrivare

Città: Lecce
Indirizzo: Via Giuseppe Palmieri 6 73100, Lecce
Provincia: Lecce (LE)
Regione: Puglia
Email: mbac-sbsae-pug@mailcert.beniculturali.it
Sito Web: www.spsae-ba.beniculturali.it