Sei in Home / Notizie / Archivio notizie /  Tiepolo nero. Opera Grafica e matrici incise

Tiepolo nero. Opera Grafica e matrici incise

18.04.2012 - 03.06.2012

Roma, dal 18 Aprile al 3 Giugno 2012 - Dal Max di Chiasso arrivano a Roma le opere grafiche di Giambattista Tiepolo

Dopo la prima svizzera di grande successo al m.a.x. Museo di Chiasso dello scorso 1 febbraio, approda a Roma, nelle Sale Espositive della Calcografia di via della Stamperia, la grande mostra dedicata all’Opera grafica di Gianbattista Tiepolo (1696-1770) e di suo figlio Giandomenico (1727-1804).   
Una occasione unica per gli appassionati e studiosi del Tiepolo perché per la prima volta vengono esposte a Roma le matrici in rame, restaurate a cura dell’Istituto Nazionale per la Grafica, insieme a tutto il corpus delle opere grafiche del Tiepolo ma anche del figlio Giandomenico, introdotto dal padre all’arte della stampa. L’esposizione, che ha ottenuto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana, nasce dalla collaborazione con il Max Museo di Chiasso e ricostruisce e mette a confronto tutte le fasi di ideazione creativa e di produzione delle opere grafiche degli artisti veneti. L'edizione romana della mostra “Tiepolo nero. Opera Grafica e matrici incise” a cura di Lionello Puppi e Nicoletta Ossanna Cavadini presenta alcune novità rispetto all'esposizione di Chiasso. Sarà esposta infatti la serie dei “Capricci”, dieci acqueforti di Giambattista Tiepolo dell'edizione dedicata a Girolamo Manfrin del 1785, proveniente dalle collezioni dell'Istituto Nazionale per la Grafica.   
Una sezione della mostra sarà inoltre dedicata ai possibili legami e connessioni artistiche tra Giambattista Tiepolo e Giambattista Piranesi, l'architetto e incisore veneziano la cui produzione grafica e le cui matrici costituiscono il nucleo principale della Calcografia. Infine saranno esposte l'Adorazione dei magi di Giambattista, accanto alla matrice originale, e san Giuseppe e il Bambino. Una sezione di volumi settecenteschi della Biblioteca Corsiniana illustrerà la polemica erudita sulla magia tra Scipione Maffei e Tartarotti, dalla quale potrebbero aver preso spunto le enigmatiche acqueforti di Giambattista dei Capricci e degli Scherzi.

Informazioni utili

Sito Web: www.grafica.beniculturali.it
Email: in-g.ufficiostampa@beniculturali.it

Biglietteria
Orario apertura: dalle ore 10,00 alle ore 19,00

Come arrivare

Dove: Sale Espositive della Calcografia 
Città:
 Roma
Indirizzo: 
Via della Stamperia
Regione: Lazio