Sei in Home / Notizie / Archivio notizie /  La Tomba di Monte dell'oro: lusso ed importazione a Cerveteri nel VII sec. a.C.

La Tomba di Monte dell'oro: lusso ed importazione a Cerveteri nel VII sec. a.C.

09.04.2011 - 31.12.2011

Cerveteri, dal 9 Aprile al 31 Dicembre 2011 - Aperto nel 1967, il museo ha sede nel castello duecentesco all'interno della rocca medievale, già di...

Aperto nel 1967, il museo ha sede nel castello duecentesco all'interno della rocca medievale, già di proprietà dei principi Ruspoli, il cui nucleo originario risalente al XII secolo ha subito numerosi rifacimenti e ampliamenti nel corso dei secoli XIV- XVI. L'esposizione si articola su due piani che accolgono in prevalenza i corredi funerari frutto delle ricerche condotte nel secolo scorso nelle principali necropoli che circondavano il pianoro dell'antica città di Caere. I materiali sono ordinati cronologicamente a partire dal periodo formativo del centro urbano (X-IX secolo a. C.) fino all'età della romanizzazione. Sono esposti numerosi corredi dalla grande necropoli del Sorbo, posta a sud della città. L'esposizione prosegue con i ricchi corredi dei tumuli del periodo orientalizzante (VII secolo a.C.) delle necropoli di Monte Abbadone (anche Monte Abatone), Casaletti di Ceri e Laghetto, contenenti i primi vasi in bucchero e in ceramica dipinta di produzione locale ma anche d'importazione dalla Grecia, oltre alle ricche parure di ornamenti femminili. Per il VI secolo si segnala il corredo della tomba 170 della Bufolareccia con oggetti lignei, tra cui uno sgabello pieghevole e un barilotto; l'urna fittile che riproduce in dimensioni ridotte il famoso sarcofago degli "Sposi"; vasi prodotti localmente da artisti greci, quali le idrie ceretane con vivaci rappresentazioni del mito greco, e vasi importanti della Grecia. Oltre ai corredi dalle sepolture dal VI al II secolo a.C. della Banditaccia e di Monte Abbadone sono presenti decorazioni architettoniche (acroterio con figura femminile, antefisse, lastre di rivestimento) e ex-voto dal Tempio di Hera al Manganello (VI-IV secolo a.C.), oltre a reperti frutto degli scavi più recenti condotti nell'area della città. Dal complesso funerario di Greppe S. Angelo proviene la statua del demone Tuchulca, il Caronte latino, databile nel corso della seconda metà del IV secolo a.C. Completano l'esposizione alcuni sarcofagi, su due dei quali sono rappresentati i defunti e una serie di cippi funerari maschili (forma fallica) e femminili (a casetta).

Al piano superiore è esposta anche la collezione Odescalchi con materiali di produzione etrusca, dell'Italia meridionale e greca tra VII secolo a.C. e l'età romana. In questa mostra è esposta buona parte del corredo composto da 132 reperti provenienti dalla tomba di Monte dell'Oro a Cerveteri, scoperta nel 1982 lungo la strada Braccianese, facente parte di un tumulo purtroppo non conservato. Si tratta di un corredo di grande ricchezza e varietà presumibilmente pertinente a più deposizioni. Insieme a materiali d'importazione, tra cui l'eccezionale vaso in faience ed il balsamario plastico a testa elmata, compaiono materiali archeologici di produzione locale, impasti e buccheri di grande eleganza e ceramica etrusco-corinzia.

Informazioni utili

Sito Web: etruriameridionale.beniculturali.it
Email: sba-em@beniculturali.it
Telefono: 06.9941354

Biglietteria
Costo: gratuito
Orario apertura: 8,30 - 19,30

Prenotazioni
Sito web: etruriameridionale.beniculturali.it

Come arrivare

Città: Cerveteri
Indirizzo: Piazza Santa Maria
Provincia: Roma (RM)
Regione: Lazio
Email: sba-em@beniculturali.it
Sito Web: etruriameridionale.beniculturali.it