Sei in Home / Info / Diritti del Turista / Dogana

Dogana

In questa sezione è sintetizzata la normativa che regola l'importazione/esportazione di beni valuta da e per l'Unione Europea per i turisti comunitari ed extra-comunitari.

Viaggi all’interno dell’Unione Europea

Non esistono limiti quantitativi per ciò che si acquista o si porta con sé all’interno dell’U.E. per uso personale.

Eccezioni: Per alcune categorie di prodotti sono fissate soglie quantitative massime: 

Tabacco: 800 sigarette o 400 sigaretti o 200 sigari o 1 kg. di tabacco da fumo

Bevande alcoliche: 10 litri di bevande alcoliche con gradazione superiore a 22%, 20 litri di bevande alcoliche con gradazione inferiore a 22%, 90 litri di vino (di cui 60 litri, al massimo, di spumante) e 110 litri di birra.

Viaggi da/per Paesi extracomunitari

A partire dal 1° dicembre 2008 i viaggiatori comunitari provenienti da Paesi che non fanno parte dell’U.E. possono portare con sé nel bagaglio personale ed in esenzione dei diritti doganali acquisti fino ad un valore di 300,00 euro per viaggiatore. 

Detto importo è aumentato a 430,00 nel caso di viaggiatori aerei e viaggiatori via mare. 

Ciò purché si tratti di importazioni prive di carattere commerciale. 

Tali valori sono ridotti a 150,00 euro per i minori di 15 anni indipendentemente dal mezzo utilizzato. 

Limiti quantitativi per viaggiatore:

Tabacco: 200 sigarette oppure 100 sigaretti oppure 50 sigari oppure 250 gr.

di tabacco da fumare (per sigaretti si intendono i sigari di peso massimo pari a 3 grammi al pezzo)

Alcol: 1 litro di alcol o bevande alcoliche con titolo alcolometrico volumico superiore a 22% o alcol etilico non denaturato con titolo alcolometrico volumico pari o superiore all'80% oppure 2 litri di alcol e bevande alcoliche con titolo alcolometrico volumico non superiore a 22%.

Altre bevande alcoliche: 4 litri di vino e 16 litri di birra.

Esportazione

Per l'esportazione non è previsto alcun limite di valore in relazione agli acquisti.

Possono comunque essere previste disposizioni limitative stabilite dai Paesi di destinazione, per cui è consigliabile rivolgersi alle relative ambasciate prima della partenza.

Per ulteriori informazioni su animali, specie protette, armi, beni culturali e medicinali consultare la Carta doganale del viaggiatore

Acquisti in Italia da parte dei turisti Extra-UE

I viaggiatori residenti o domiciliati fuori dell’Unione Europea possono ottenere lo sgravio o il rimborso dell’IVA inclusa nel prezzo di vendita dei beni acquistati in Italia. 

Condizioni: 

- Valore complessivo acquisto superiore a 154,94 euro (IVA inclusa);

- La merce sia destinata all’uso personale o familiare e sia trasportata nei bagagli personali;

- l’acquisto risulti da una fattura con la descrizione della merce, i dati anagrafici del viaggiatore stesso e gli estremi del suo passaporto o di altro documento dello stesso valore;

- la merce venga trasportata fuori dal territorio dell’Unione Europea entro i tre mesi successivi al mese di acquisto;

- la merce acquistata e la relativa fattura vengano esibite all’Ufficio doganale di uscita dal territorio della U.E. che deve apporre sulla documentazione commerciale il visto doganale a riprova dell’avvenuta uscita delle merci dal territorio comunitario;

- la fattura così convalidata venga restituita al venditore italiano entro i quattro mesi successivi al mese di acquisto.

Per ottenere il beneficio dello sgravio o del rimborso dell’IVA inclusa nel prezzo di vendita dei beni acquistati, la merce deve essere sempre esibita all’Ufficio doganale che non è mai tenuto ad effettuare il rimborso dell'imposta.

Commercio di Beni

Il turista che acquista opere di pittura, scultura, oggetti di antichità, ecc., ha diritto a ricevere dal venditore la documentazione che ne attesti “l’autenticità o almeno la probabile attribuzione e la provenienza”. 
Non tutti i beni culturali possono essere oggetto di compravendita o di esportazione
Per le opere aventi meno di 50 anni o di artista vivente il turista deve presentare presso l’Ufficio Esportazione una autocertificazione che attesti che l’opera ha meno di cinquant’anni o è di autore vivente. Tale autocertificazione deve essere corredata di due foto del bene e di una fotocopia del documento di identità del dichiarante. 

Per tutte le opere aventi più di 50 anni il turista deve presentare l’opera d’arte acquistata in Italia presso l’Ufficio Esportazione per la richiesta dell’attestato di libera circolazione, nel caso in cui non sia stato rilasciato dal venditore. Il tempo di rilascio dell’attestato varia da un minimo di 15 giorni ad un massimo di 40 giorni. È bene sapere che l’attestato non è un atto dovuto e pertanto potrebbe anche essere negato, qualora l’Ufficio Esportazione reputi l’esportazione del bene un danno per il patrimonio nazionale.

Per visualizzare la lista Uffici Esportazione presenti sul territorio nazionale clicca qui

-Trasferimenti di Valuta

Il trasporto al seguito di denaro contante e di strumenti negoziabili da e verso il territorio dello Stato è libero fino ad importi complessivi inferiori a 10.000,00 euro. Per somme pari o superiori a tali importi è d’obbligo presentare apposita dichiarazione all’Agenzia delle Dogane
La dichiarazione, redatta su apposito modello scaricabile dal sito dell’Agenzia delle Delle Dogane va presentata al momento dell’entrata o dell’uscita dal territorio nazionale.