Sei in Home / Idee di viaggio / Siti UNESCO / I Siti Palafitticoli

I Siti Palafitticoli

I siti palafitticoli preistorici dell'arco alpino sono una serie di 111 siti archeologici localizzati sulle Alpi europee. Questi insediamenti, sparsi tra Svizzera, Austria, Francia, Germania, Italia e Slovenia, sono stati inseriti nel 2011 nella world heritage list dell'UNESCO. 
Dei 111 siti, 19 appartengono all'Italia e sono dislocati in cinque regioni: Lombardia (10), Veneto (4), Piemonte (2), Friuli Venezia Giulia (1) Trentino Alto Adige (2).Ledro, villaggio ricostruito, Foto Romano Magrone - Archivio Museo delle PalafitteI siti sono situati nelle immediate vicinanze di laghi o zone particolarmente umide, in ambienti caratterizzati da una grande abbondanza di acqua (in Italia infatti sono concentrati soprattutto in prossimità dei laghi di Garda e Varese).
In Lombardia e più precisamente sul lago di Varese sono state identificate le strutture palafitticole più antiche, risalenti all'inizio del Neolitico, mentre nell'area del lago di Garda si trova la maggiore concentrazione di palafitte con più di 30 abitati dislocati sia sulle sponde del lago, sia nei bacini intramorenici. Piccole palafitte sono state rinvenute anche nei laghi alpini del Trentino Alto Adige e nei bacini del Piemonte

Tante e splendide, quindi, le località italiane in cui è possibile immergersi nella cultura preistorica, a cominciare dal grazioso Isolino Virginia a Biandronno, nel Lago di Varese; aree archeologighe visitabili sono poi presenti a Polcenigo, Desenzano del Garda, Manerba del Garda, Peschiera del Garda, Muscoline, Piadena, Cavriana, Monzanbano, Biandronno, Bodio Lomnago, Cadrezzate,  Azeglio e Viverone, Arona, Ledro, Fiavè, Peschiera del Garda, Cerea e Arquà Petrarca presso il Laghetto della Costa.    

Gli insediamenti sono stati iscritti nella lista del Patrimonio mondiale in quanto rappresentano un gruppo unico eccezionalmente ben conservato di siti archeologici culturalmente ricchi, che costituiscono una delle fonti più importanti per lo studio delle prime società agrarie della regione.
In particolare, le aree archeologiche italiane sono una testimonianza degli insediamenti palafitticoli di comunità preistoriche databili tra il 5000 e il 500 a.C. e mostrano l'utilizzo di risorse terrotoriali e marine, rappresentativo della cultura risalente al periodo compreso tra il Neolitico e l’età del bronzo in Europa. 

Particolarità degli insediamenti sono le “palafitte”: capanne di paglia, legno, canne o altro materiale, costruite su una piattaforma di legno, poggiata su pali (anch'essi di legno) fissati nel fondo o sulla riva di fiumi, laghi, lagune, paludi o talvolta anche su terreno asciutto.
Le palafitte restituiscono quindi un’immagine precisa e dettagliata del mondo della prime comunità agricole europee. Sono delle vere e proprie fotografie di vita quotidiana, in quanto ci raccontano le pratiche agricole e di allevamento degli animali domestici degli uomini primitivi e ci informano sulle loro innovazioni tecnologiche.

I villaggi di palafitte dell'arco alpino presentano tipologie strutturali che, anche se identificabili su un modello unitario, si diversificano sia per il posizionamento della struttura sia per le tecniche di costruzione che a loro volta variano in base alle caratteristiche dei terreni, del clima e delle specifiche esigenze degli stanziati. 

Tra le tipologie più note si hanno la palafitta “su bonifica" (o semplicemente “Bonifica”) realizzata in sponda allo specchio o al corso d'acqua, su un'impalcatura appoggiata al terreno, e la “palafitta aerea”, eretta su impalcature aeree sospese sopra il pelo dell’acqua.
Indubbiamente oltre a questi magnifici e suggestivi edifici, a rendere importanti questi luoghi è stato anche il rinvenimento di frammenti di vasellame, punte e lame e altri utensili particolarmente utili alla documentazione delle attività degli abitanti delle palafitte.

Informazioni utili

Dati geografici

Stato:Italia
Regioni: Friuli Venezia Giulia; Lombardia; Piemonte; Trentino Alto Adige; Veneto

Link utili