Sei in Home / Idee di viaggio / Natura e paesaggio / Gli Itinerari del Marmo nella Provincia di Lucca

Gli Itinerari del Marmo nella Provincia di Lucca

Due giorni alla scoperta delle perle della Versilia, tra paesaggi e musei a cielo aperto dallo scenario mozzafiato. Grazie alle sue importanti cave di marmo, la provincia di Lucca ha attratto artisti eccellenti, da Michelangelo a Canova, che hanno contribuito a plasmare questi luoghi. Qui si può visitare la città di Pietrasanta e proseguire scoprendo Levigliani di Stazzema, che condurrà alla montagna dell'itinerario del marmo, dove conoscere le risorse naturali della zona e scoprire dove e come il marmo apuano viene estratto.

I ITINERARIO: "PIETRA SANTA"

L'intera giornata è dedicata alla visita di Pietrasanta e dintorni, centro dell'industria della lavorazione del marmo. Le imprese locali, dotate di un know how unico nel settore della lavorazione della pietra, esportano il marmo in tutto il mondo. Tra i capolavori più belli realizzati si ricordano il "9/11 Memorial" a New York, lo Shard London Bridge, il Four Seasons Hotel & Tower a Miami, i pavimenti a mosaico nel British Museum. Botero e Mitoraj l’hanno eletta a loro casa e bottega. Dalle sue cave di marmo, nei suoi laboratori e gallerie sono passati Moore, Cascella, Yasuda, Folon, Pomodoro, Mirò, e qualche artista lo si può incontrare talvolta nelle fonderie, impegnato a plasmare bronzi, o a pranzo in qualche trattoria, intento a mangiare la pappa al pomodoro o la scarpaccia, focaccia dolce e salata tipica di Pietrasanta. Tante le sculture contemporanee esposte, donate alla città da artisti di fama internazionale.

  • Al mattino, si possono visitare alcune aziende dedite alla trasformazione del marmo, come:
    Degl'Innocenti Marmi
    ,  società di produzione di pietre intarsiate di grande valore;
    Menchini Guido & F.llo
    , società che produce taglio a misura pavimentazione e rivestimenti, scale per interni ed esterni.
    C'è poi la possibilità di visitare alcuni famosi laboratori, come:
    il laboratorio di Galleni Massimo, eccellente scultore, capace di creare capolavori in marmo senza un modello, ma semplicemente utilizzando una foto o un disegno. La semplice idea di un cliente può diventare dunque un'opera d'arte unica;
    la Mariani Fonderia Artistica, azienda in grado di creare prodotti di alta qualità in bronzo, argento etc;
    Cervietti Franco & C., il laboratorio di scultura più importante a Pietrasanta. Ospita una delle più grandi gallerie di calchi in gesso d’Italia, con secolari stampi, compresi calchi originali appartenenti a Michelangelo, Canova e Bernini.

  • Il pomeriggio può essere dedicato alla scoperta del centro della città di Pietrasanta e della sua offerta culturale. Passeggiare nel centro della città è come visitare un museo "a cielo aperto", si possono ammirare:
    il Museo dei Bozzetti, che si trova nel Chiostro di S. Agostino. All’interno del museo c’è una grande collezione di "bozzetti" legati a famosi artisti contemporanei;
    il Musa (Museo Virtuale della Scultura e Architettura di Pietrasanta), Il territorio, le cave, le attività minerarie e di scavo, il trattamento dei materiali, i laboratori, le società e le fonderie sono i protagonisti che danno vita al Musa nella sua duplice dimensione, reale e virtuale.

  • Durante la sera Pietrasanta è in grado di soddisfare tutte le esigenze del turista moderno, con l’organizzazione di eventi, pub caratteristici, discoteche e concerti di musica classica nel Chiostro di S.Agostino.

II ITINERARIO: "LA MONTAGNA DI MARMO"

La seconda giornata è dedicata alla scoperta di Levigliani di Stazzema, piccolo villaggio nella parte superiore della Versilia. Qui si possono trovare importanti cave tuttora attive, come quelle di "Tavolini", attiva dal periodo romano, e  quella di "Piastraio", situata sul Monte Corchia, entrambe gestite dalla "Cooperativa Condomini Levigliani", uno dei più importanti attori della storia del lavoro cooperativo del dopoguerra. I tipi di marmo estratti sono il Corchia venato, il Corchia Arabesque ed il Corchia Skyros. Il marmo estratto viene utilizzato in tutto il mondo. Alcuni esempi sono il Monumento al Milite Ignoto a Bagdad,  i rivestimenti interni del Vittoriale, le opere decorative nella Città del Vaticano, gli alberghi Jinming e Wudere in Cina, l'Alcora Hotel a Siviglia o la BMCE Bank a Casablanca.

  • Al mattino, il punto di partenza è Piazza Barsottini a Levigliani, da cui ci si può dirigere verso le Cave sul Monte Corchia, nel cui sottosuolo si può andare alla scoperta del famoso "Antro del Corchia",  che con i suoi 70 km è il più importante complesso sotterraneo in Italia ed uno dei maggiori al mondo. Nel 2001 la grotta è stata aperta al pubblico che può ora visitare, lungo un percorso attrezzato con passerelle, le zone più interne.
    Ci si può poi dirigere, in auto o con un bus navetta, verso le "Miniere dell'Argento Vivo", fra le più antiche della Toscana. Qui si può diventare un minatore per un'ora, indossando il casco e seguendo la guida lungo il percorso. I minerali più comuni che vi si possono trovare sono il cinabro e la pirite, ed una delle peculiarità è la presenza di mercurio allo stato nativo.
    Dopo la visita, il bus navetta riconduce i visitatori in Piazza, da cui si possono raggiungere facilmente a piedi numerosi ristoranti dove pranzare.

  • Nel pomeriggio, si può riprendere con la visita verso il sistema museale di Levigliani, composto dal museo del Parco delle Alpi Apuane Regionale "Pietra Piegata", che contiene documenti e testimonianze della cultura del marmo nonché pietre ornamentali delle Alpi Apuane, e  dal Museo di Comunità ed Impresa "Lavorare liberi", che conserva la storia di Levigliani e quella delle imprese minerarie più strettamente connesse allo sviluppo della Comunità. Tutti i musei si trovano nel centro storico, facilmente raggiungibili a piedi.
    La Cooperativa offre inoltre la possibilità a gruppi di almeno 20 persone di prendere parte ad una presentazione del proprio territorio. Verranno illustrate, attraverso video, immagini e racconti,  peculiarità, storia, evoluzione delle tecniche di estrazione e cave attive, dando modo di interagire durante e dopo la presentazione, della durata di un paio d'ore.

  • Sulla via del ritorno, si può ammirare "Palazzo Mediceo" a Seravezza, costruito da Cosimo I dei Medici ed oggi patrimonio mondiale dell'UNESCO. Ospita il "Museo del Lavoro e delle Tradizioni Popolari della Versilia Storica", risultato di anni di ricerche che hanno portato alla raccolta di circa 2.000 oggetti, testimonianza delle tradizioni e delle attività principali della Versilia Storica.

Informazioni utili

Per maggiori informazioni sugli itinerari visitare i siti:

http://www.marbleroutes.eu/regions-and-marble/lucca-italy
https://it.pinterest.com/musapietrasanta/

In zona è possibile visitare anche l'aerea di Carrara

Come arrivare

In auto
La provincia di Lucca è facilmente raggiungibile da Firenze con la A11 (70 km), da Genova con la A12/A11 (170 km), da Bologna con la A1/A11(160 km), da Milano con la A1/A15/A12/A11( 280 km), da Roma con la A1/A11 (350 km).

In treno
www.trenitalia.com

In aereo
L'aeroporto Galileo Galilei di Pisa è a 20 Km da Lucca.