Sei in Home / Idee di viaggio / Montagna / Dove sciare in Italia: le dodici migliori località sciistiche italiane

Dove sciare in Italia: le dodici migliori località sciistiche italiane

Dalla Valle D’Aosta al Trentino-Alto Adige passando per la Lombardia, il Veneto e il Piemonte, gli spunti per chi vuole godersi delle vacanze invernali sulla neve non mancano: qui per voi una piccola guida alle migliori piste da sci in Italia

Per molti novembre è solo sinonimo di grigiore e ritmi lenti, giornate sempre più corte e primi freddi, ma per molti altri – il popolo degli sciatori – è il periodo dell’anno più atteso perché segna l’apertura della stagione invernale.

Chi è in cerca di idee e ispirazioni per le località al top dove sciare in Italia ha di fronte a sé una gamma ampia e interessante di possibilità: lungo la nostra catena alpina si trovano alcune tra le piste da sci di più alto livello al mondo, numerose località sciistiche glamour, hotel e strutture termali d’eccellenza, rifugi gourmet e attività all’aria aperta di ogni tipo per grandi e piccoli.

Di fronte a una offerta così ampia fare una scelta può rivelarsi un’impresa tutt’altro che semplice. Per questo abbiamo pensato di venirvi in soccorso segnalandovi dodici tra le migliori località sciistiche delle Alpi italiane. Pronti a sfoderare gli sci? Si va!

 

Dove sciare in Trentino

 

San Martino di Castrozza

Incorniciato tra le maestose cime delle Pale di San Martino, San Martino di Castrozza è una delle destinazioni più panoramiche di tutte le Dolomiti. Inclusa nel comprensorio sciistico Dolomiti Superski – con 1.200 km e 12 zone sciistiche il più grande in Italia – San Martino di Castrozza vanta 60 km di piste, tre snowpark e due scuole di sci.

Tre le ski-area, collegate da comodi skibus: Ces-Tognola, con piste blu larghe e facili e piste più adrenaliniche, come la mitica Tognola Uno, Col Verde, dove sciare giorno e notte ai piedi delle Pale, e la ski-area Rolle, a quota 2.000 m, con piste per tutti i gusti, anche per famiglie.

Una vacanza sulla neve a San Martino di Castrozza è anche l’occasione giusta per visitare Mezzano che grazie al suo caratteristico borgo storico con le case in stile alpino è stato inserito tra i borghi più belli d’Italia.

Madonna di Campiglio

Tra i posti migliori dove sciare in Italia, restando in Trentino c’è Madonna di Campiglio, incastonata in posizione meravigliosa tra le Dolomiti di Brenta, il Gruppo dell'Adamello e della Presanella. Madonna di Campiglio è una meta storica del turismo invernale, parte del comprensorio Skirama Dolomiti, il più grande del Trentino.

Collegata sci ai piedi ai vicini comprensori di Folgarida-Marilleva e Pinzolo, offre 150 km di piste di ogni livello dove sciare fino a 2.600 metri, 70.000 mq di snowpark, 40 km per lo sci nordico e più di 60 moderni impianti di risalita.

A Campiglio ogni anno, dal 1949, si tiene inoltre la “3Tre” (“Tre gare nel Trentino”), tra le gare di sci più antiche in Europa e il Carnevale Asburgico, con una sfilata in costumi d’epoca.

 

Dove sciare in Alto Adige

 

Val Gardena

Sul versante altoatesino un vero paradiso dello sci è il comprensorio di Val Gardena-Alpe di Siusi, con i suoi paesaggi altamente scenografici, tra cui spicca il massiccio del Sasso Lungo.

Con impianti a Ortisei, Selva e Santa Cristina, questa area sciistica fa parte del Dolomiti Superski, e offre piste da sci adatte a principianti e famiglie con bambini, ma anche piste per sciatori esperti e tracciati per sci di fondo.

Dalla Val Gardena ci si può inoltre cimentare nel Sellaronda (il famoso “Giro dei Quattro Passi”), un avvincente percorso sciistico di 40 km.

A Ortisei vale una visita anche il Museo della Val Gardena, un museo etnografico dedicato alla cultura ladina e alle sue caratteristiche sculture in legno.

Alta Badia

Percorrendo il Sellaronda si può raggiungere anche l’area sciistica dell’Alta Badia, altra zona molto ambita dai turisti per le vacanze invernali.

Oltre ai collegamenti con le valli vicine, il comprensorio offre 130 km di piste adatte a tutti (74 km di piste blu, 47 km di rosse e 9 km di nere) e 53 impianti di risalita.

In Alta Val Badia è anche possibile gustare una cucina prelibata e vini eccellenti: cosa insolita per una valle così piccola, si trovano qui ben tre ristoranti stellati Michelin.

 

Dove sciare in Veneto

 

Cortina d'Ampezzo

Regina per antonomasia delle Dolomiti, Cortina d’Ampezzo, nel Bellunese, è una località esclusiva e chic per il turismo invernale, sede di eventi sciistici di rilevanza internazionale (ospiterà i Campionati Mondiali di Sci Alpino 2021 e sarà tra le protagoniste delle Olimpiadi Milano-Cortina 2026).

Tre i comprensori (Faloria – Cristallo, Tofana e Lagazuoi - 5 Torri), collegati tra loro da skibus, per un totale di 85 km di piste, famose per la varietà del livello di difficoltà: si va da piste per principianti a piste più tecniche, da piste dolci per uno slow ski allo snowpark per gli amanti del freestyle.

Arabba

Ai piedi del Passo Pordoi, si trova invece il comprensorio di Arabba, tra le mete più amate delle Dolomiti.

Arabba ha 76 Km di piste da sci di altissima qualità direttamente collegate alla Marmolada e alle piste del Sellaronda, 31 impianti moderni, campi scuola, discese facili e discese dove mettersi alla prova. Qui si trova anche la pista più lunga del Dolomiti Superski: “La Bellunese“, una emozionante discesa lunga ben 12 chilometri.

Arabba è stata teatro di importanti scontri durante la Prima Guerra Mondiale: in ricordo alla Grande Guerra sono stati realizzati un museo, un ossario militare nei pressi del Passo Pordoi, il sacrario di Pian di Salesei e monumenti ai caduti.

 

Dove sciare in Lombardia


In Lombardia sono due le destinazioni sciistiche particolarmente interessanti che faranno molto parlare di sé prossimamente: Livigno e Bormio, le due aree scelte per accogliere le Olimpiadi Invernali 2026 insieme a Cortina.

Livigno

A ridosso della Svizzera, spesso chiamato “Piccolo Tibet” per la sua posizione elevata nel cuore delle Alpi Retiche, Livigno è una meta perfetta per vacanze invernali ad alto tasso di divertimento. 12 le piste nere, 37 le rosse e 29 le blu, oltre a snowpark per gli amanti dello snowboard e neve incontaminata per chi vuole praticare lo sci freestyle in tutta sicurezza.

Bormio

A poco più di 30 km di distanza c’è Bormio, altra meta cult per gli appassionati di sci, il prossimo dicembre sede, come di consueto, della Coppa del Mondo di Sci Alpino. Il comprensorio offre 1.800 metri di dislivello con 18 piste da sci – anche oltre i 3.000 m - e 15 impianti di risalita. Ma non solo: a disposizione anche snowpark, percorso ad ostacoli sulla neve, familypark, aree per freeride e possibilità di sci notturno.

Bormio è nota non solo per lo sci ma anche per le sue terme, conosciute già al tempo dei Romani: oggi è possibile lasciarsi andare al benessere presso le Terme di Bormio, i Bagni Nuovi e i Bagni Vecchi.

 

Dove sciare in Piemonte

 

Via Lattea

Con oltre 400 km di piste da sci soleggiate e 70 impianti di risalita, il comprensorio di Vialattea è seconda destinazione sciistica per grandezza in Italia.

Sette le località tra Alta Valle Susa (Oulx, Cesana, Claviere, San Sicario, Sauze d'Oulx e Sestriere) e Valle Chisone (Pragelato), con piste lunghe e impegnative e piste per sciatori alle prime armi, snow park per i più piccoli ma anche per snowboarder esperti.

Sestriere, in particolare, sarà a breve sotto i riflettori: il 18-19 gennaio 2020 ospiterà la Coppa del Mondo Femminile (gigante e gigante parallelo).

Alagna Val Sesia

Vale la pena prendere in considerazione anche l’Alta Val Sesia, ai piedi del Monte Rosa (con cui è collegata da una funivia) per scoprire l’area sciistica di Alagna Valsesia: storica località sciistica del Piemonte, è diventata oggi punto di riferimento internazionale per gli amanti del freeride, lo sci fuoripista.

Oltre a essere “Freeride Paradise”, Alagna offre nove piste da sci servite da sette impianti di risalita e 10 km per il fondo.

Il suo territorio - il Geoparco Valsesia - è inoltre Patrimonio dell’Unesco dal 2013 per il particolare patrimonio geologico e naturale.

 

Dove sciare in Valle d’Aosta

 

Breuil-Cervinia

A Valtournenche, al cospetto del Cervino, si trova il comprensorio di Breuil-Cervinia, uno dei più estesi delle Alpi. Si sviluppa infatti fino al versante svizzero del Cervino con le piste di Zermatt e permette di sciare fino ai 3.480 metri del Plateau Rosà.

72 le piste a Breuil-Cervinia a cui si aggiungono le 78 di Zermatt, in Svizzera, uno snowpark (lo snowpark di Cervinia, il più alto d’Europa), oltre 50 impianti di risalita, 13 km di sci di fondo, 3 aree ski park per i più piccoli e, grazie ai ghiacciai, 26,5 km di piste per lo sci estivo.

Nel centro di Valtournenche merita una visita la mostra permanente della “Maison de l’Alpage de la Vallée d’Aoste”, una “rascard”, una casa tipica in pietra a vista e legno, dedicata alla vita d'alpeggio e alla cultura pastorale.

La Thuile

Dulcis in fundo vi suggeriamo La Thuile, altra località sciistica tra le più rinomate dove sciare in Italia, che con il suo Espace San Bernando, collegato alla località francese di La Rosière, offre un comprensorio variegato ed esaltante con 85 piste da discesa (di cui 36 facili, 36 medie, 13 difficili) per un totale di oltre 150 km, 39 moderni impianti di risalita e 20 km di tracciati per lo sci di fondo con vari livelli di difficoltà, oltre ad aree per il free ride securizzato, due stadi di slalom, boarder cross, zona snowkite e parchi giochi per bimbi.

Da La Thuile ci vogliono meno di 15 minuti d’auto per raggiungere le Terme di Pré-Saint-Didier, terme storiche già note in epoca romana. Dalle terme una passerella panoramica sospesa conduce all'orrido di Verney, un itinerario molto scenografico adatto a tutti.