Sei in Home / Idee di viaggio / Mangiare e bere / Puglia

Puglia

Orecchiette

Da sempre definita “povera”, per la semplicità dei suoi ingredienti, la cucina pugliese sa soddisfare ogni tipo di palato. Tre sono i punti di forza della cucina: il grano duro, le verdure e l’olio che, uniti alla carne e al pesce, danno sempre vita a piatti originali capaci di mantenere sapori schietti e inconfondibili.

Caposaldo della tavola regionale è la pasta fatta in casa con farina di grano duro o una miscela di grani duri e teneri, dalle recchietelle (orecchiette) – ormai simbolo regionale – nelle loro molteplici varianti, agli altrettanto famosi strascinati, un tempo piatto principale delle famiglie più povere, oggi ricercati e serviti nei migliori ristoranti. E poi mignuicchie, fenescecchie, troccoli, sagne ‘ncannuate, cicatadde svariate e originali forme di pasta lavorate ancora secondo le antiche usanze. 

Ma è soprattutto il connubio tra pasta e verdura a riservare insospettabili sorprese, come gli strascinati con cavoli e pancetta fritta e gli spaghetti con  fagiolini, pomodori e cacioricotta. La Puglia è, infatti, un grande orto profumato dove le verdure hanno colori e sapori unici. Unite alla pasta fatta in casa, al pesce freschissimo del mare e alle buone carni, le verdure regalano al palato sensazioni indimenticabili.

Per gli amanti del pesce, in questa terra, con 800 km di coste bagnate da due mari, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Ci sono tutte le varietà: pesce crudo, marinato, affogato in sontuose zuppe e persino accompagnato al cacio.

Sono tante le tentazioni anche per i golosi, con ingredienti come frutta secca,  mielevino cottocanditi e cioccolato.

Tra le eccellenze che hanno meritato la tutela dei marchi DOP o IGT, infine,  ricordiamo il pane di Altamura, noto per la sua fragranza, la Clementina del golfo di Taranto, dalla polpa dolce e succosa, la Bella della Daunia, oliva coltivata nel foggiano sin dal 1400, i famosi vini e l'olio extra-vergine di oliva, che presenta caratteristiche diverse a seconda dell’area territoriale di produzione.