Sei in Home / Idee di viaggio / Made in Italy / L’Italia delle automobili

L’Italia delle automobili

Eleganza, unicità e tradizione, questo è il made in Italy e non a caso le automobili prodotte in Italia ne sono un esempio perfetto.
A rendere omaggio ai grandi designer che nel costruire esemplari unici e da sogno, hanno fatto conoscere e reso celebre l'Italia nel mondo, numerose le fiere e le mostre che hanno luogo durante tutto l'anno nella penisola.Dal Nord al Sud, da gennaio a dicembre, tante sono le occasioni per ripercorrere la storia dell'automobilismo italiano: dal Salone delle auto e moto d'epoca di Padova, a "Fuoriserie", la mostra che si svolge a Roma in Aprile, dall'evento "Motorissimo" di Trento, al Classic Show di Adria
Vogliamo citarne alcune che ripercorrono sessant'anni di storia dell'automobilismo italiano (dal 1920 al 1980): dalle auto del primo dopoguerra a quelle dei giorni nostri, in versione stradale o da corsa.

Nella maggior parte dei casi si tratta di esemplari che racchiudono una storia che, oltre all'unicità della carrozzeria, le ha rese famose: come la Fiat 8V, nata per rilanciare l'immagine sportiva del marchio, o la Ferrari 250 Testa Rossa, di cui ne sono stati costruiti solamente 34 esemplari ed è tra le più ricercate sul mercato del collezionismo; basti pensare che  un esemplare prototipo, messo all'asta negli Stati Uniti da Gooding & Company, è stato venduto a 16,39 milioni di dollari. 

Tra i modelli i modelli più celebri anche la Lamborghini Miura, costruita tra il 1966 e il 1973, una delle auto più ambite dalle star dello spettacolo; tra i suoi facoltosi possessori si ricordano Elton John e Dean Martin. Tra i suoi estimatori anche Hussein di Giordania e lo Scià di Persia Mohammad Reza Pahlavi che ne ebbe due, una delle quali acquistata all'asta nel 1997 dall'attore Nicolas Cage alla cifra di 490.000 dollari, il prezzo più alto pagato per questa vettura.

Tra le auto da corsa dallo stile inconfondibile e straordinario ci sono inoltre la Lancia Stratos, quella che fu guidata dal pilota Sandro Munari detto il "Drago" e la Lancia 037. Entrambe le vetture furono campionesse indiscusse dei mondiali di Rally. 

Spazio anche ai modelli automobilistici degli anni '20 e '30; automobili che si possono ammirare solo ai concorsi di bellezza ed eleganza internazionali come la Lancia Lambda del 1925: modello nato nell'immediato dopoguerra e considerato dagli storici dell'automobile il primo dei due capolavori di Vincenzo Lancia (il secondo sarà, nel 1936, l'Aprilia); o la Isotta Fraschini del 1926, marchio noto per la produzione di automobili tra le più lussuose e prestigiose della storia. 

Da ricordare anche la Fiat 525 Viotti, come unico esemplare al mondo, e soprattutto primo illustre esempio della collaborazione tra la carrozzeria Viotti e la casa torinese che culminerà con la creazione della Fiat 508 Balilla, la quale ebbe un enorme successo di vendite. 


Ed ancora la berlinetta 202 che il grande maestro Battista Farina (detto Pinin Farina) aveva costruito per la fabbrica automobilistica Cisitalia e l'originale spider progettata sotto la direzione dell'ingegnere Giovanni Savonuzzi, responsabile tecnico della Cisitalia negli Anni '40, denominata "Nuvolari" in omaggio al grande pilota mantovano che la guidò nella Mille Miglia del 1947 - senza però vincerla -, lasciando il passo al fiorentino Clemente Biondetti.

Autentici capolavori creati dai grandi "sarti" dell'auto design e carrozzieri, autentici scultori delle lamiere, come Mario Revelli di Beaumont, Franco Scaglione, Giovanni Michelotti, Franco Martinengo, Marcello Gandini, ma anche Bertone, Castagna, Zagato, Viotti, Vignale, Bizzarrini, ambasciatori del design made in italy con le loro prestigiose creazioni, difficili da dimenticare per il fascino che le contraddistingue le rende ancora attuali.