Sei in Home / Idee di viaggio / Fede e spiritualità / San Francesco e la basilica di Assisi

San Francesco e la basilica di Assisi

Città santa della cristianità, Assisi è meta continua dei pellegrini che vogliono vedere i luoghi ove San Francesco nacque, operò e morì.

In questo piccolo centro adagiato sui contrafforti del monte Subasio è normale quindi che tutte le cose parlino del Santo, anche quelle forse a lui più lontane.
Unitamente alla quasi totalità del suo territorio, Assisi nel 2000 è stata inserita nella lista del Patrimonio Mondiale dell'Umanità. Per l’Unesco, costituisce un "esempio unico di continuità storica di una città-santuario dalle sue origini umbro-romane e medioevali fino ad oggi".



Il comitato del Patrimonio Mondiale ha incluso anche la Basilica e altri luoghi francescani nella sua lista perché rappresentano un insieme di capolavori del genio creativo umano e un riferimento fondamentale per la storia dell'arte in Europa e nel mondo.
In particolare, la Basilica di San Francesco viene definita "esempio straordinario di un tipo di complesso architettonico che ha influenzato lo sviluppo dell'arte e dell'architettura".
Festeggiato il 4 ottobre come il Santo Patrono d’Italia, San Francesco d’Assisi, cultore di uno stile di vita umile e povero, è il Santo più amato dagli italiani. Nella città umbra, la Basilica dedicata al Santo custodisce le spoglie del “poverello d’Assisi” ed è meta di migliaia di pellegrini.

Essendo il luogo di nascita dell'ordine francescano, sin dal medioevo Assisi è stata associata al culto e alla diffusione del movimento francescano nel mondo, focalizzando così su un messaggio di pace e tolleranza anche le altre religioni.
Francesco morì all’età di circa 44 anni e già due anni dopo, il 16 luglio 1228, ebbe luogo la solenne canonizzazione nella sua città. Nello stesso giorno Papa Gregorio IX pose la prima pietra della futura Basilica, destinata a diventare la casa madre dell’ordine francescano.

Ma non è chiara l’intenzione iniziale dei progettisti. Infatti, ancora oggi i critici non sono riusciti ad interpretare la discordanza stilistica fra la Chiesa inferiore e la Chiesa superiore.
Si avanza l’ipotesi che il Santuario sia stato pensato fin dal principio come chiesa a due piani, di cui la parte inferiore, (destinata ad accogliere le spoglie di San Francesco) sarebbe stata la chiesa commemorativa, mentre la superiore serviva per le solennità liturgiche: infatti nell’abside si erge il trono papale ed il Papa stesso è Vescovo di questa chiesa. 
La Chiesa inferiore, invece, assume la funzione tipica di “cripta”, cioè di mausoleo eretto sul sepolcro di un Santo, come negli antichi templi paleocristiani.


È IMPORTANTE SAPERE CHE...

Il Santuario di Assisi è una delle più antiche chiese gotiche esistenti in Italia e la Basilica ha le pareti decorate con affreschi di CimabueGiottoSimone Martini e Pietro Lorenzetti
Nessun’altra chiesa può, da questo punto di vista, reggere il confronto con la Basilica di Assisi.

Informazioni utili

Informazioni utili

Servizio Turistico Associato di Assisi
Tel +39 075 812450 / Fax: +39 075 813727
E-mail: info@iat.assisi.pg.it

Basilica di Assisi
Per informazioni: + 39 075/8190084

In Treno 
Stazione Santa Maria degli Angeli orari