Sei in Home / Idee di viaggio / Fede e spiritualità / Roma sotterranea

Roma sotterranea

Sono moltissimi i visitatori del centro della cristianità che quando si trovano a Roma desiderano visitare le Catacombe dove furono sepolti i primi seguaci di Cristo.

Le Catacombe di San Callisto si trovano a Roma nello splendido e bucolico contesto dell'Appia antica. Sorsero verso la metà del secondo secolo e in esse trovarono sepoltura più di 500.000 cristiani, tra cui decine di martiri e 16 pontefici. Queste splendide catacombe occupano un'area di 15 ettari e contano quasi 20 km di gallerie sotterranee, che scendono a grande profondità (20mt.) Via AppiaLa storia
Nel I sec. d.C. alcune povere famiglie romane (sia cristiane che pagane), si organizzarono per seppellire i propri morti nelle cave di tufo dell’appia antica.
Alla fine del II sec. l’imperatore Commodo, tollerante con i cristiani, liberò i membri della Chiesa condannati ai lavori forzati. Tra questi c’era CallistoPapa Zefirino, ritenendo Callisto uomodi grande talento, nel 199 d.C. lo nominò diacono e custode di quello che divenne il primo cimitero ufficiale della Chiesa di Roma. 
Nel III sec. Callisto divenne Papa e, alla sua morte, fu proclamato santo.
Negli anni successivi Papa Damaso I riuscì ad ottenere dall’Imperatore Teodosio il riconoscimento del Cristianesimo come religione di Stato, e decise il restauro di queste Catacombe per dimostrare che la vera gloria di Roma non apparteneva al paganesimo.

La visita
Parte superiore del complesso (“sopraterra”)
Vi sono due piccole basiliche con tre absidi, dette "Tricore". In quella orientale furono probabilmente sepolti il papa S. Zefirino e il giovane martire dell'Eucarestia, S.Tarcisio. 
Zona sotterranea
La Cripta dei Papi
 è il luogo più importante. Definito anche “il piccolo Vaticano”, sono conservati qui i resti di almeno cinque Papi martirizzati e poi santificati tra il 230 e il 283 d.C.. 

La Cripta di S. Cecilia, famosa martire qui venerata per almeno cinque secoli. La santa era sepolta dove ora si trova la sua stupenda statua, capolavoro di Stefano Maderno, da lui scolpita all’indomani della riscoperta del sarcofago contenente il corpo della Santa Martire. Nell’821 le reliquie di Santa Cecilia furono trasportate in Trastevere nella basilica a lei dedicata. 

La cripta era interamente decorata con affreschi e mosaici, oggi, tra gli altri, sulla parete, vicino alla statua della Santa è visibile un’antica immagine di S. Cecilia in atteggiamento di preghiera.

I “cubicoli dei Sacramenti” sono tombe di famiglia, all'interno delle quali si trovano importanti affreschi, databili inizio del III secolo. In queste suggestive pitture sono rappresentati simbolicamente i sacramenti del Battesimo e dell’Eucarestia. In un affresco, inoltre, è raffigurato anche il profeta Giona, simbolo di resurrezione. 

Informazioni utili


  • Importante sapere che
    Santa Cecilia (Tra storia e leggenda)

    Di nobile famiglia romana, Cecilia convertì al cristianesimo suo marito Valeriano. Quest'ultimo, rifiutatosi di offrire sacrifici agli idoli, venne martirizzato, mentre Cecilia, condannata a morire soffocata nei bagni di vapore della sua casa di Trastevere, sopravvisse parecchi giorni continuando a cantare inni: per questo è diventata la Santa patrona della musica. 
Fu condannata alla decapitazione, ma per ben tre volte l’ascia fallì il colpo, ed ella continuò a operare conversioni prima di morire.

  • Per maggiori informazioni
    www.catacombe.roma.it/