Sei in Home / Idee di viaggio / Fede e spiritualità / I luoghi della Pasqua / Roma e la Via Crucis

Roma e la Via Crucis

Roma, Colosseo, Via Crucis 

E' sicuramente l'evento più importante della Pasqua in Italia, si tratta della Via Crucis che ha luogo a Roma, nella sera del Venerdì Santo. Questa via Crucis si svolge in uno tra gli scenari più suggestivi ed unici che solo la Città Eterna può offrire, e viene celebrata personalmente e pubblicamente dal Papa durante il percorso che dal Colosseo porta al Tempio di Venere. 

La Via Crucis, che raffigura gli ultimi avvenimenti drammatici legati alla Passione di Gesù e fa riferimento ai racconti evangelici, è detta anche Calvario dal nome del monte sul quale si verificò il supplizio di Cristo. 
A Roma la Via Crucis viene organizzata in modo accurato ed è soprattutto nell’ultimo tratto che si crea un’atmosfera incantevole, presso il Convento di S. Bonaventura sul Palatino. Tra le rovine della città antica ed i pini, i fedeli partecipano ad un vero e proprio spettacolo. 

Quest'anno il 29 marzo migliaia di fedeli assisteranno, come da tradizione, al rito della Via Crucis romana, che avrà un motivo di interesse in più in quanto sarà officiata dal neo eletto Papa Francesco
Il papa porta personalmente la croce di stazione in stazione, o presiede la celebrazione da un palco sulla Collina Palatina, mentre altri portano la croce. Ogni anno una persona o un gruppo è invitato a scrivere i testi delle meditazioni che verranno lette ad ogni Stazione. 
In occasione dell'anno Giubilare del 2000 fu lo stesso Papa Giovanni Paolo II a scrivere i testi. L'evento viene trasmesso in mondovisione in sessanta paesi e le stazioni saranno tradotte in sette lingue.

La via Crucis e l'indulgenza 
Nella Chiesa cattolica l'esercizio della Via Crucis è connessa con l'indulgenza plenaria secondo le normali condizioni stabilite dalla Chiesa.
 Per ottenere l'indulgenza, i fedeli devono pregare sostando in ciascuna stazione, meditando sul mistero della Passione. 
La stessa indulgenza può essere tuttavia applicata a chi non può materialmente visitare le stazioni purché mediti per 30 minuti sulla Passione.