Sei in Home / Idee di viaggio / Arte e storia / Campodimele, gioiello d'Italia

Campodimele, gioiello d'Italia

Il borgo è sorto su un antico castelliere dopo la distruzione da parte di Tarquinio Prisco ( 5° Re di Roma ) di Aiola sec. VI a.C. come testimoniato da Plinio ( Nat. Hist. II,5) e Livio (1;5). 
Nell'XI secolo fu protetto dalla cinta muraria con torri e mura, quale fortificazione e difesa degli assalti e luogo di avvistamento sulla strada Civita Farnese che collega il Tirreno con la strada Appia, all'Altezza del Comune di Itri (LT). Campodimele, photo by Comune di CampodimelePercorso nei secoli scorsi dalle truppe borboniche per raggiungere Isoletta, frazione di Arce, confine del Regno delle due Sicilie con lo Stato Pontificio, il luogo conserva l'aspetto medioevale ed ha ricevuto un importante restauro conservativo negli anni novanta, che lo ha reso raro e di pregevole valore anche per la sistemazione dell'antico camminamento esterno alle mura, diventato una suggestiva passeggiata con una panoramica sulla Valle del Liri, tanto più che si trova al centro del Parco Naturale Regionale dei Monti Aurunci

Il paese, nel suo insieme è caratterizzato da un tessuto viario tipico del medioevo con piazze e slarghi su cui si assestano le abitazione che seguono una sequenza di volumi omogenei e caratteristici ben conservati. 
La Cinta Muraria con dodici torri annesse a proprietà private, è sorta con la costruzione delle prime abitazioni che ne determinano una peculiarità di notevole valore storico monumentale. 

Il borgo si presenta nel suo insieme con una struttura architettonica a forma circolare omogenea e compatta, dominato dal campanile della Chiesa Parrocchiale. Le abitazioni si assestano intorno alla viabilità interna degradando verso il basso a forma di cono dove la cinta muraria né costituisce la base.
La circolazione è esclusivamente pedonale su strade e gradinate.

Campodimele è insignito della qualifica che lo colloca tra i "Borghi più belli d'Italia" e tra i paesi dell'entroterra che è stato certificato dal Touring Club con la Bandiera Arancione.
Ma non è solo bello, è anche un borgo dove si vive bene e si mangia altrettanto bene, lo testimonia il fatto che è anche il " paese della longevità".
E' situato in una posizione strategica e centrale rispetto a Roma e Napoli ed ha una distanza di circa 25 Km dalla Riviera di Ulisse, tratto di costa del Lazio Meridionale che ricade nella Provincia di Latina. 
Il suo centro principale è il Golfo di Gaeta